Alla corte di Nizza, i “piccoli contrabbandieri” affrontano la giustizia – Liberation

Ogni settimana, il tribunale delle Alpi Marittime si occupa di due o tre casi di contrabbandieri. Affari ricorrenti ma senza che i responsabili delle reti di traffico si siano mai preoccupati.

Il tributo di La Turbie brilla in lontananza. È quasi mezzanotte del 20 settembre quando Abdelhak H. e Naima G. si precipitano sotto la freccia verde, pagano il pedaggio e superano la barriera. Semplice formalità per chi attraversa in autostrada il confine italo-francese. Il 4×4 viene fermato dalla polizia. Sul sedile posteriore, la coppia tunisina trasporta tre minorenni bengalesi che non potranno presentare i documenti d’identità. Arresto, custodia di polizia, perquisizione. Abdelhak H. e Naima G. apparivano per “Aiutare l’ingresso degli stranieri in Francia” davanti al tribunale penale di Nizza mercoledì 17 novembre.

In media, secondo la procura di Nizza, vengono trattati da due a tre casi di contrabbandieri alla settimana. “Tra il 1 gennaio e il 15 novembre, quasi 500 persone sono state arrestate per questi fatti. Un dato in aumento rispetto al 2020, informa il pubblico ministero di Nizza, Xavier Bonhomme. Ci sono due aspetti che lo spiegano. Sempre più persone arrivano da aree complicate, compresi i Balcani e la Tunisia. E abbiamo controlli alle frontiere molto rigidi con una griglia di terra molto ampia. Non appena avremo informazioni sufficienti, perseguiamo immediatamente questi contrabbandieri.

“Ho chiesto 50 euro a persona”

Al timone, Abdelhak H. si è tagliato i capelli “Fare bene”. Naima G. ha raccolto i suoi riccioli biondi in una crocchia ruvida. Ha 34 anni, permesso di soggiorno dal 2012 e lavoro a tempo indeterminato in pizzeria. Ha 27 anni, si trova in una situazione irregolare e fa le pulizie domestiche nere nei cantieri. Il 20 settembre la coppia afferma di essere andata a prendere il fratello di Naima alla stazione di Ventimiglia, dove avrebbe incontrato tre giovani. “Chi aveva freddo”. Il fratello non è mai arrivato, i tre minorenni sono saliti in macchina. In custodia della polizia, senza un avvocato o un traduttore, Abdelhak H. aveva ammesso di essere “Sono andato a cercare clandestini”: “Ho chiesto 50 euro a persona, aveva dettagliato. Il mio compagno mi aiuta sulla strada. ” In un mese il suo telefono si è fermato undici volte alla frontiera. Il pm parla di un’udienza di a “Estrema banalità”.

READ  Briançon. I 150 esuli in strada accolti in una chiesa, rafforzato il confine franco-italiano

Il profilo dei contrabbandieri è vario. All’inizio di oggi mercoledì ha confrontato un 20.255 anni, sospettato di aver facilitato l’ingresso di quattro cittadini del Bangladesh e dell’Afghanistan nella sua Kia. Idraulico, guadagna 1.200 euro al mese. Multe da pagare all’erario e un’operazione a mano lo mettono in una situazione delicata. All’inizio della settimana, un italiano ha ammesso di aver trasportato due iracheni e un siriano per 150 euro nella sua Mercedes. È pianista in un hotel a Saint-Jean-Cap-Ferrat. La settimana precedente, un uomo che viveva a Drancy è andato a cercare suo cugino a Torino e ha riportato tre suoi “amici” che non conosceva. Tutti gli imputati hanno ottenuto un rinvio, il tempo per prepararsi al processo.

La storia è sempre la stessa. Un’organizzazione centralizzata sul piazzale della stazione di Vintimille. “Vicecapi”, capi rete, che reclutano e mettono in contatto. Contrabbandieri che raccolgono nel parcheggio di un supermercato e passano questo confine chiuso. “La maggior parte sono delinquenti per la prima volta e vanno in detenzione, nota Me Aziza Dridi, avvocato della coppia arrestata a bordo del 4×4. Il quantum della pena è forte: ci vogliono dai ventiquattro mesi ai quattro anni di reclusione. È la politica della deterrenza».

“Non ho mai visto i sous-chef”

Incontriamo Boudjema M. nella Salle des Pas Perdus il 10 novembre. Camionista in congedo per malattia, questo padre di 60 anni, in difficoltà a pagare il suo credito e le sue spese, ha trasportato tre persone per 500 euro. “Un collega sapeva della mia situazione. Ho detto di sì. Ci sono andato senza pensare. Il mio cervello era a zero. Quando è arrivato in Italia, il contatto è stato stabilito rapidamente. Erano del villaggio, abbiamo parlato. Li ho pagati per il caffè, l’autostrada, il diesel. Dovevo portarli a Marsiglia ma sono uscito a Mentone. Ed è andato in diretta. ” È stato condannato a sei mesi di reclusione munito di braccialetto elettronico e il suo veicolo, posto sotto sigillo, gli è stato restituito.

READ  è vietato sostare davanti ai bar a partire dalle 21, serate a casa (con maschera) massimo 6. Ipotesi di lezioni a distanza nelle scuole superiori

“Ciò che è contraddittorio è che non si fa nulla per sradicare il traffico nella cooperazione transfrontaliera, mi rammarica Manon Bracco, avvocato di Boudjema M. Non ho mai visto i sous chef. Siamo solo alle audizioni di piccoli contrabbandieri. Sono loro che corrono i rischi senza conoscere i nomi o i numeri di telefono dei vicecapi». Gli altri grandi assenti sono i clandestini. Eppure vittime di queste reti, non si trovano mai in tribunale. A volte non vengono indagati: “Non li sentiamo perché non troviamo un interprete bengalese e li mettiamo nei rifugi. Il reato consiste nell’introdurre persone in una situazione irregolare… È stato dimostrato che queste persone si trovavano in una situazione irregolare? chiede Aziza Dridi. Se chiedono asilo, non lo sono più». È proprio per questo motivo che la coppia tunisina è stata finalmente rilasciata, non è stato possibile dimostrare lo stato delle persone trasportate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *