Accordo su un tasso di almeno il 15% trovato nell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico

Tensioni e blocchi, poi concessioni e rimborsi. E all’improvviso, dopo due giorni di trattative sull’energia elettrica, mercoledì 30 giugno e giovedì 1lui è A luglio è stato ottenuto un accordo globale con 130 Paesi sulla riforma fiscale globale per tassare sempre meglio le cento multinazionali più grandi e redditizie, tra cui la famosa GAFA (Google, Apple, Facebook, Amazon).

Un incontro a Parigi per preparare la versione finale del progetto che sarà presentato ai ministri delle finanze del Gruppo dei Venti (i 19 Paesi più ricchi e l’Unione Europea) il 9 e 10 luglio a Venezia, il gruppo di lavoro noto come ” quadro globale” allegato all’OCSE, che riunisce paesi ricchi e paesi emergenti, il suo obiettivo: raggiungere un compromesso sull’adeguamento delle riforme in futuro.

“Le multinazionali non saranno più in grado di mettere i paesi l’uno contro l’altro al fine di abbassare le aliquote fiscali e proteggere i loro profitti a scapito delle entrate pubbliche”, Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha risposto in una dichiarazione. L’aliquota media dell’imposta sulle società a livello mondiale è scesa dal 40% nel 1980 al 25% di oggi. Il ministro delle finanze tedesco Olaf Schulz ha parlato di a “Non è un’impresa enorme verso una maggiore giustizia fiscale”.e il suo omologo francese Bruno Le Maire, “Il più importante trattato fiscale internazionale in un secolo”, mentre il Regno Unito ha accolto con favore il transito di a “nuova tappa” Verso una riforma fiscale globale.

Neutralizzazione dei paradisi fiscali

Il testo che dovrebbe attuare questa riforma, definita storica, è pronto su questi due pilastri: una tassa minima globale di almeno il 15% che neutralizzerebbe di fatto i paradisi fiscali a tasso zero (Isole Cayman, BVI, Jersey, ecc.); e ridistribuire parte dei profitti in eccesso delle multinazionali ai paesi in cui operano senza essere presenti, inclusi molti paesi in via di sviluppo.

READ  La Ligue 1 è riservata agli abbonati Amazon Prime a un costo aggiuntivo
Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Leggi anche Come l’Unione Europea intende addomesticare il GAFA

Con 130 paesi su 139 nel Comprehensive Framework Group, l’accordo è senza dubbio globale. I maggiori pesi massimi hanno aderito al G20, tra cui India e Cina, così come la maggior parte dei paesi in via di sviluppo. L’Argentina è stata tentata per qualche tempo alla secessione, spronata dalle argomentazioni della Commissione Indipendente per la Riforma Imposta sulle Società Multinazionali (ICRICT) a favore di un accordo più radicale e più generoso, in particolare sulla base di un’imposta minima del 21% – originariamente proposto da Joe Biden per avviare discussioni — e una maggiore tassa di distribuzione a favore dei paesi emergenti.

Hai il 69,16% di questo articolo da leggere. Il resto è solo per gli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *