ACCOGLIENZA DEGLI STUDENTI NEGLI ARCHIVI DIPARTMENTALI DEL GIURA

ACCOGLIENZA DEGLI STUDENTI NEGLI ARCHIVI DIPARTMENTALI DEL GIURA

Nell’ambito di un progetto didattico dedicato ai diari di viaggio di Edmondo Monnier (1812-1885), maestro delle fucine e proprietario della fonderia Baudin, uno dei gioielli del patrimonio industriale del Giura, gli Archivi dipartimentali del Giura hanno accolto il 27 marzo, due classi di quinta elementare del college di Clairvaux-les-Lacs.

Il concetto del progetto

“La classe, il lavoro! è un’operazione di educazione artistica e culturale (EAC) consentire agli studenti di assumere la proprietà del nostro patrimonio. Originariamente rivolta ai musei, questa azione è stata ora estesa ai servizi archivistici. Il servizio educativo degli Archivi del Giura ha quindi intrapreso questa avventura sul tema dei diari di viaggio.

Il progetto si basa sulla scrittura da parte di ogni studente del proprio diario di viaggio ispirato a quelli scritti dai membri della famiglia Monnier. Questi archivi di famiglia fanno parte del fondo affidato agli Archivi dipartimentali nell’aprile 2014. Per quanto riguarda la collezione della fonderia Baudin, era già entrata a far parte dei depositi degli Archives du Jura dal 2006.

Molti diari di viaggio studiati

I taccuini selezionati raccontano quindi i viaggi di Edmond Monnier, in particolare in Germania con i suoi cugini Jobez così come la sua luna di miele in Italia nel 1847. Quest’ultima storia è accompagnato da schizzi presenti anche in altri taccuini e che illustrano i diversi luoghi visitati.

L’Italia rimane la destinazione preferita della generazione successiva nel 1908 e poi nel 1914 con le storie e gli schizzi della moglie di André Monnier (1851-1933), anch’egli maestro delle fucine e di sua cognata.

Lavoro preparatorio

Questo progetto è stato realizzato in più fasi per consentire agli studenti di appropriarsi di questo tema e dei diversi viaggi.

READ  dopo un inizio perfetto, le cose si mettono male per l'Italia contro gli All Blacks

Un lavoro significativo è stato quindi svolto sulla progettazione di strumenti didattici al fine di stimolare gli studenti a ripercorrere i vari viaggi (luoghi visitati, protagonisti, opere d’arte contemplate, ecc.) ma anche su tutto ciò che circonda il tema del viaggio (vincoli, mezzi dei trasporti, della fauna e della flora, …)

Un primo incontro al collegio di Clairvaux-les-Lacs

Il 20 marzo il servizio educativo dell’Archivio si è recato a Clairvaux-les-Lacs per prendere un primo contatto con gli studenti e per introdurli agli archivi, alla storia del sito industriale e ai viaggi della famiglia Monnier.

Studenti universitari accolti negli Archivi dipartimentali

Il 27 marzo è stata la volta degli studenti universitari di recarsi all’Archivio dipartimentale situato a Lons-le-Saunier. I 60 studenti hanno potuto quindi scoprire i vari documenti e realizzare i lavori previsti dai nostri team di docenti, ma anche visitare gli edifici, incontrare diversi professionisti e scoprire le loro professioni (archivisti, fotografo…)

Hanno anche scoperto altri documenti dagli archivi della famiglia Monnier. comprese le piante del castello e della cappella Baudin, ricette di cucina, un diario di famiglia, ecc.

Scopri altri racconti di viaggio

Durante questa visita, gli studenti hanno scoperto altri racconti di viaggio, questa volta realizzati da futuri insegnanti del Giura delle scuole magistrali tra il 1950 e il 1966. Una ricca presentazione composta da numerosi quaderni, ma anche racconti, foto o cartoline che illustrano la Corsica, l’Italia, Spagna o anche Jugoslavia.

Altri diari di viaggio costituiti da una cinquantina di taccuini tra il 1864 e il 1892 hanno fortemente interessato gli studenti per il loro piccolo formato e la loro presentazione molto spesso personalizzata. Le molteplici destinazioni li hanno portati dall’Italia all’Egitto senza dimenticare i paesi nordici (Svezia, Norvegia e Finlandia).

READ  8a tappa Giro d'Italia femminile: vince Blanka Vas

Una restituzione finale prevista per giugno

Alla fine dell’anno scolastico sarà organizzata una restituzione pubblica per permettere agli studenti di mostrare i propri quaderni che sicuramente ci faranno viaggiare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *