Abbiamo fatto progressi, ma le ragazze hanno ancora molta strada da fare nella scienza

Abbiamo fatto progressi, ma le ragazze hanno ancora molta strada da fare nella scienza

Secondo Statistics Canada, anche nel 2023, meno di un quarto delle posizioni nei campi STEM saranno ricoperte da donne. All’università, le ragazze costituiscono la maggioranza nella maggior parte dei diplomi di maturità, ad eccezione delle scienze pure e applicate e dell’ingegneria.

“C’è una sorta di movimento naturale che spinge gli uomini verso quelle aree. Quando sono giovani, sono esposti alla costruzione di giocattoli come i Lego, ad esempio, che sviluppano una certa curiosità per la scienza e la tecnologia. Non c’è niente di simile per le ragazze,” dice Alexandra Mason.

(Caroline Gregoire/Il Sole)

Crede inoltre che insegnanti, genitori e amici tendano a dirigere l’attenzione dei ragazzi verso queste aree di attività quando arriva il momento di fare una scelta professionale. Aggiunge che gli uomini occupano sempre più posizioni nel vasto campo della scienza man mano che i salari aumentano.

“Ci sono quindi molti fattori che impediscono alle ragazze di entrare in questo campo, anche se sono competenti quanto i ragazzi”.

Alexandra Mason, Presidente del Comitato Organizzatore “Ragazze e scienza, un duo entusiasmante!”

Ma c’è speranza. La signora Mason sottolinea che molte ragazze hanno un maggiore interesse per la scienza. Evento “Ragazze e scienza, una coppia sexy!” », che si è svolto sabato presso l’Università di Laval nella sua 23a edizione, ha ottenuto un numero record di partecipanti. Segno che i tempi stanno cambiando.

Come li attiri?

Nonostante tutti gli sforzi per incoraggiare le donne a perseguire la scienza e la tecnologia, nonché i loro recenti forti interessi, in questo campo esistono ancora disparità di genere. Cosa si può fare per porre rimedio a questa situazione?

“Le professioni a predominanza maschile avevano solo pochi modelli femminili per incoraggiare le ragazze a intraprendere queste professioni, ma a poco a poco la situazione sta iniziando a cambiare. Oggi ci sono più donne che svolgono il ruolo di modelli nella scienza. “Abbiamo bisogno di ” Ascoltare di più le ragazze e dire loro che possono fare quello che vogliono.”

È successo

Tuttavia, è un processo lungo. La missione “Ragazze e scienza, un duo entusiasmante!” non è ancora finita: il responsabile del comitato organizzatore dell’evento afferma che c’è ancora molta strada da fare.

“Dobbiamo continuare a rivolgerci alle ragazze delle scuole superiori per incoraggiarle a perseverare nella matematica forte il più a lungo possibile, in modo da non chiudere le porte una volta raggiunte il CEGEP o l’università. Possono poi decidere di continuare nel campo di loro scelta, ma almeno avranno accesso a tutti i programmi.” »

La forza lavoro femminile è richiesta

Il futuro è luminoso per le donne nel campo della scienza e della tecnologia. Molti datori di lavoro in questo campo sono alla ricerca di nuove gemme per creare team migliori.

“C’è un chiaro interesse da parte dei datori di lavoro per i team misti. La diversità è al passo con i tempi. Porta una certa ricchezza, permette di vedere le cose in modo diverso ed essere più innovativi. Questo vale sia per i lavoratori stranieri che per le ragazze, “Dice Alexandra Mason.

Aggiunge che le aziende lo chiedono e basta. Crede inoltre che le donne potrebbero essere preferite nei colloqui di lavoro per lavori scientifici.

Le ragazze delle scuole superiori hanno imparato a programmare durante un seminario.

(Caroline Gregoire/Il Sole)

“Le ragazze dovrebbero saperne di più.” Lo scoprono all’università, ma devono esserne consapevoli fin da piccoli per poter adattare il loro percorso formativo per arrivarci.

All’evento “Ragazze e scienza, una coppia emozionante!” erano presenti anche i dipendenti dell’azienda biofarmaceutica GSK per informare i partecipanti sulla natura precisa delle carriere scientifiche e tecnologiche e introdurli a percorsi di formazione e carriere gratificanti.

READ  Una scoperta subacquea eccezionale: iscrizioni faraoniche rinvenute sotto le acque del Nilo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *