A Lisbona e Madrid, l’Unione Europea ratifica i primi piani nazionali di rilancio

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen è attesa mercoledì a Lisbona e poi a Madrid per dare il via da Bruxelles ai primi piani nazionali di rilancio, finanziati da un prestito congiunto senza precedenti per mitigare i danni economici della pandemia.

“Questo è un risultato storico”, ha detto von der Leyen la scorsa settimana, annunciando al Parlamento europeo che la Commissione avrebbe iniziato ad approvare i piani degli Stati membri per attuare un pacchetto di stimolo da 750 miliardi di dollari, che era stato duramente negoziato fino alla sua adozione nel luglio 2020 .

La scelta di partire dai due Paesi iberici è simbolica.

Il Portogallo ha già fatto della rapida adozione di questi piani nazionali una priorità chiave della sua presidenza di turno del Consiglio europeo, che dovrà ratificare su raccomandazione della Commissione.

Da bravo studente, il governo del socialista Antonio Costa ha voluto dare l’esempio essendo il primo Paese dell’UE a presentare un proprio piano, ad aprile.

La Spagna, dal canto suo, è il secondo beneficiario di questi fondi europei dopo l’Italia. Madrid riceverà in totale circa 140 miliardi di euro, di cui 70 miliardi di euro di sostegno diretto e altrettanti di prestiti.

– ‘Generosità straordinaria’ –

“Due paesi dell’Europa meridionale, che non si sono sentiti scortati in passato, questa volta hanno beneficiato dello straordinario sostegno e della generosità dei loro partner del nord”, ha affermato Tony Roldan, direttore del Centro per la ricerca sulla politica economica di Madrid, Toni Roldan.

Su una spiaggia a Marbella, nel sud della Spagna, 7 giugno 2021 (AFP – JORGE GUERRERO)
READ  Evros: le frontiere aperte a Kastans per la prima volta dopo l'attacco ibrido della Turchia

La Spagna è stato uno dei paesi più colpiti dalla prima ondata della pandemia di COVID-19 nella primavera del 2020, mentre il Portogallo è stato duramente colpito all’inizio dell’anno. Basandosi fortemente sul turismo, le loro economie hanno sofferto molto.

Dalla crisi del debito nel 2011, Lisbona e Madrid si sono spesso trovate in prima linea di fronte agli attacchi dei cosiddetti paesi “parsimoniosi” che sono stati riluttanti a finanziare la spesa dell’Europa meridionale, secondo lei. delle proprie risorse finanziarie pubbliche.

Mentre permangono alcune ambiguità sui termini collegati a questi piani di stimolo, Spagna e Portogallo avrebbero potuto dimostrare “maggiori ambizioni di riforma” per l’uso di questi fondi, in particolare nel settore dell’istruzione, afferma Toni Roldan.

“Capisco che sia difficile per il Comitato, in questo contesto così complesso, con l’ascesa del populismo e tutta la sofferenza del post-pandemia, chiedere riforme molto profonde, ma allo stesso tempo questo è il momento migliore, ” ha considerato.

– Trasformazione Ambientale –

A Lisbona, alla fine della mattinata, la von der Leyen incontrerà il primo ministro Antonio Costa – il cui Paese riceverà 16 miliardi di euro di fondi a fondo perduto – in un centro espositivo della scienza.

A Madrid il funzionario tedesco sarà ricevuto nel pomeriggio dal premier Pedro Sanchez, altro socialista, presso la sede della rete elettrica spagnola, mentre il grosso degli investimenti sarà destinato al piano spagnolo di trasformazione ambientale. .

La presidente della Commissione visiterà la Grecia e la Danimarca giovedì, poi il Lussemburgo il giorno successivo, per continuare il viaggio che dovrebbe intraprendere per visitare la maggior parte degli Stati membri.

READ  Mario Draghi, un bazooka per l'Italia

Dalla fine di aprile, 23 piani nazionali di investimento e di riforma sono stati sottoposti all’approvazione di Bruxelles, che ha due mesi di tempo per decidere dalla data di presentazione del fascicolo, prima del parere definitivo che il Consiglio europeo, che rappresenta gli Stati membri, debba dare. entro un mese.

Martedì è stato raggiunto un altro traguardo, con la prima emissione di debito che ha raccolto un quarto dei quasi 80 miliardi di euro in obbligazioni a lungo termine che la Commissione prevede di emettere entro la fine dell’anno per finanziare i piani nazionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *