Gli acquisti esteri sono più costosi

Tutte le importazioni di pacchi L’IVA verrà addebitata Valido nel paese di destinazione dal 1 luglio, in conformità con la decisione dell’Unione Europea. Questo vale anche per il nostro Paese. Anche i piccoli pacchi fino a 22 euro provenienti da paesi terzi, fino ad ora esenti dall’imposta sul valore aggiunto, fanno parte del nuovo quadro, poiché gli studi condotti dall’autorità hanno rilevato che creano condizioni per la concorrenza sleale, mentre l’evasione fiscale è stimato in 5 miliardi di euro all’anno.

Alla luce dell’entrata in vigore della nuova disciplina comunitaria in materia di imposta sul valore aggiunto, in materia di Transazioni elettroniche (e-commerce)e, in particolare, l’onere fiscale sui piccoli pacchi importati da paesi terzi, dal 1 luglio 2021, tutte le importazioni di pacchi fino a 22 euro, ordinati elettronicamente e attualmente esenti da IVA, sono soggette a tassazione. Ciò significa che ai consumatori verrà addebitata l’aliquota IVA applicabile nel nostro paese (24%, 13% o 6%), a seconda del tipo di merce. Si precisa che l’imposizione dell’IVA sui piccoli colli è legata al momento dell’ingresso Unione europea È indipendente da quando ordini online o inizi a spedire dal venditore. Pertanto, i singoli importatori o società postali, importando dal 1.7.2021 piccoli pacchi nel nostro Paese, indipendentemente dall’importo, devono rispettare le procedure doganali stabilite e pagare – a seconda dei casi, a seconda del tipo di merce – il valore applicabile -imposta aggiuntiva. Secondo i dati dell’UE, ogni anno vengono importati circa 150 milioni di piccoli pacchi nei paesi dell’UE.

In pratica, ciò significa che se una persona che vive in Grecia ordina un prodotto di 20€ tramite una piattaforma, ad esempio dalla Cina, l’IVA verrà addebitata sul prodotto in modo specifico con aliquote del 24%, 13% e 6%. Oggi per il prodotto di cui sopra e fino alla fine del mese l’IVA non viene pagata.

READ  Trieste sulla Nuova Via della Seta

Inoltre, nel caso in cui un residente in Grecia ordini tramite una piattaforma un prodotto indipendentemente dal valore, ad esempio dalla Francia, dove si applicano le aliquote del 20%, 10% e 5,5%, l’IVA applicabile al prodotto non verrà addebitata nel paese di invio, ma con IVA applicata in Grecia e nello specifico con aliquote del 24%, 13% e 6%.

In base a quanto sopra:

– Chi acquista dal 1 luglio piccoli pacchi fino a 22 euro da un paese terzo pagherà l’IVA (24%, 13% e 6%).

– Coloro che acquistano dal 1 luglio prodotti da paesi come Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Repubblica Ceca, Estonia, Spagna, Francia, Irlanda, Italia, Lituania, Lussemburgo, ecc. Vedrai aumenti, poiché l’IVA nei paesi sopra indicati è inferiore a quella della Grecia. Al contrario, i mercati di paesi come Danimarca, Finlandia, Croazia, Ungheria e Svezia, che hanno un’IVA più elevata rispetto alla loro controparte greca, sono più economici e ora verrà addebitata un’IVA inferiore per i prodotti acquistati da questi paesi.

Il nuovo metodo di calcolo dell’imposta sul valore aggiunto porterà cambiamenti significativi alle transazioni dei cittadini che scelgono E-Commerce, mentre allo stesso tempo le entrate che molti paesi perdono finora con l’enorme volume di importazioni di vari piccoli pacchi non finiranno nei soldi dei paesi in cui vengono esportate le spedizioni, ma nei propri.

Per la Grecia, si prevede che questo nuovo sistema, hanno riferito i funzionari del ministero delle finanze, rafforzi gli sforzi contro l’evasione fiscale e aumenti le entrate fiscali sul valore aggiunto. Il nuovo sistema semplifica gli obblighi delle aziende impegnate nel commercio elettronico nell’Unione Europea. E il guadagno è garantito, visto che:

READ  In Italia, la caduta del banchiere Jean-Pierre Mostier

• Le aziende sono esentate dall’obbligo di registrazione ai fini IVA in ciascuno degli Stati membri in cui vendono beni.

• È stato abolito l’attuale sistema di vendita a distanza ed è stata ampliata l’applicazione dello “sportello unico” per la vendita a distanza di beni all’interno della comunità. Con il cosiddetto sportello unico – un piccolo sportello unico per la vendita di merci a distanza, sia all’interno dell’Unione Europea. Oltre che da paesi terzi, è stata abolita l’esenzione dall’imposta sul valore aggiunto per l’importazione di piccoli pacchi da paesi terzi ed è stato introdotto uno sportello unico elettronico ampliato per l’adempimento degli obblighi.

• Creare un nuovo portale online per la vendita a distanza da altri paesi con un valore inferiore a 150 euro.

• Le vendite elettroniche di beni sono tassate allo stesso modo e con le stesse aliquote della consegna fisica, con l’aliquota dell’imposta sul valore aggiunto nel paese del consumatore.

• Un sistema semplificato applicabile alle start-up e alle piccole e medie imprese.

• Vengono fornite regole semplificate per facilitare il rispetto delle regole sui prezzi. Per attuare le nuove regole vengono implementati tre sistemi elettronici (per l’installazione nell’UE, per le importazioni e per i non installati nell’UE).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *