Quanto è stato danneggiato il fondo aziendale nella crisi?

di Leonida Stirgo

Sono state le misure di sostegno che hanno tenuto in vita quasi la metà delle aziende in Grecia e in Europa. Tuttavia, più di un terzo teme che sorgano problemi quando le misure di sostegno verranno sospese. Ritengono che i problemi di liquidità compariranno entro i prossimi 12 mesi, mentre circa il 40% stima che sarà necessario entro il 2022 o addirittura il 2023 per superare l’impatto negativo della pandemia.

Queste sono solo alcune delle conclusioni chiave del rapporto annuale di Intrum sui pagamenti europei 2021 sulla misurazione dell’impatto sulle imprese della pandemia, ma anche sulle proiezioni per il futuro.Un’economia senza contanti, in cui le transazioni avverranno in modo digitale.

Più attento, più moderno

Forse il risultato più importante del rapporto è il messaggio ottimista che è emerso sulle difese che le aziende in Grecia e nel resto d’Europa hanno sviluppato per sopravvivere. In effetti, alcuni sono cresciuti e ora si trovano in una posizione migliore.

I passaggi per il successo erano essenzialmente due:

In primo luogo, hanno investito nel cambiamento del modello di produzione e principalmente nella digitalizzazione.

In secondo luogo, stanno diventando più attenti alla loro garanzia di liquidità. Hanno analizzato i rischi, hanno appreso di essere a rischio in una recessione e sono diventati più riluttanti a fornire credito ai propri clienti.

Pagamenti dovuti

Tuttavia, durante la pandemia e a causa dell’incertezza, le aziende greche ammettono di aver dovuto vendere ai propri clienti con più giorni di credito anche a prezzi inferiori per evitare la possibilità di perdere clienti. L’aumento del numero di giorni di ritardo nei pagamenti in Grecia (rispetto ai giorni di credito concordati) è stato osservato nelle transazioni tra aziende private, seguito dai pagamenti del settore pubblico. Minori sono stati i ritardi nella vendita di beni e servizi da parte delle aziende a clienti privati.

READ  In Francia, il numero di turisti stranieri sarà probabilmente anche quest'estate basso

In particolare, i consumatori hanno ritardato i pagamenti di 8 giorni in più rispetto a quanto concordato. I giorni di ritardo nelle aziende tra di loro sono aumentati di 12 giorni, mentre nello stato di 12 giorni. Sembra però che la lezione sia diventata una lezione, e oggi il numero di giorni di credito tra imprese è sceso a 57 dai 69 del 2020.

Tuttavia, uscendo dalla crisi, è chiaro che la differenza tra i giorni di credito concordati e il ritardo effettivo si è ridotta. Inoltre, molte aziende che vendono la propria liquidità ora vendono solo anticipatamente o hanno attivato altre tutele come la verifica del credito dei clienti, la richiesta di garanzie bancarie e il ricorso al factoring.

Un altro dato importante è che la stragrande maggioranza delle aziende greche (piccole, medie e grandi) non applica la direttiva europea sui ritardi di pagamento che prevede interessi di mora e importo del rimborso. Il motivo principale è la paura dei fornitori di non perdere il cliente o di perdere tutti i loro soldi. Inoltre, ciò è stato confermato dal rapporto Intrum, in cui gran parte delle aziende in Grecia è preoccupata per i ritardi di pagamento o il mancato pagamento dei pagamenti dei clienti, dopo 12 mesi.

12 miliardi di prestiti senza interessi

Secondo un rapporto di Capital.gr, questa guida, sebbene specifichi esplicitamente i giorni di credito gratuito e quando e come vengono addebitati gli interessi di mora, nella pratica non viene applicata. Il motivo principale è il timore dei fornitori che alla fine il cliente non paghi gli interessi, subisca ulteriori ritardi o non paghi nulla o il cliente se ne vada. Secondo la ricerca di Capital.gr e da un campione di aziende (con un fatturato superiore a 1 milione di euro), gli insoluti dei crediti tra aziende raggiungono il livello di 12 miliardi di euro. Cioè, circa un terzo del denaro del fondo di riscatto viene utilizzato senza interessi da alcune società a scapito della liquidità e del capitale circolante per il resto.

READ  Guarda un video impressionante dell'esercizio

risultati della ricerca

I principali risultati del rapporto Intrum sulla Grecia sono i seguenti:

• Il 66% delle aziende greche vede il rischio di essere in ritardo o di non rimborsare i debiti dell’azienda entro i prossimi 12 mesi.

• Il 72% delle imprese ha avuto impatti negativi su fatturato e cash flow superiori alle attese nei primi mesi della crisi.

• Il 56% delle aziende ha riportato un calo dei profitti e del margine di profitto nel 2020

• Il 41% ritiene che ci vorranno da sei mesi a un anno per fermare l’impatto negativo dell’epidemia.

• Il 39% delle piccole e medie imprese e il 14% delle grandi imprese si stanno digitalizzando per sopravvivere e prepararsi per il giorno successivo.

• Il 34% delle grandi aziende ha annullato o posticipato i propri investimenti strategici.

• Il 46% pensa che la propria attività sia stata fortunata a sopravvivere grazie al suo impatto sul volume di affari e sul flusso di cassa.

• Il 61% ha affermato che la pandemia ha spinto le aziende a gestire meglio i rischi derivanti dai ritardi di pagamento.

• Il 65% delle aziende ritiene che la recessione prevarrà nel 2021.

• Il 37% delle PMI e il 28% delle grandi organizzazioni si preparano a tagliare i costi nel 2021.

• Il 40% delle aziende ora richiede il pagamento anticipato dai clienti (rispetto al 23% nel 2020).

• Il 58% delle PMI e il 55% delle grandi imprese non adottano affatto la Direttiva Europea sui ritardi di pagamento e addebitano interessi di mora e un importo di almeno 40 euro a titolo di risarcimento dei costi di indennizzo.

READ  I leader dell'Unione europea concordano di ridurre le emissioni di anidride carbonica di almeno il 55% entro il 2030

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *