La Commissione mantiene la validità della clausola di salvaguardia generale nel 2022

Il commissario Ue all’Economia Paolo Gentiloni ha sottolineato che la politica fiscale degli Stati membri “dovrebbe rimanere di supporto” nel 2021 e nel 2022. Ha aggiunto che quando i rischi per la salute saranno ridotti, dovrebbe esserci un graduale passaggio a “misure più mirate, che faciliterebbero i lavoratori”. aziende nel passaggio all’era post-pandemia” (Foto Reuters).

Ieri, nell’ambito della presentazione del pacchetto di primavera per il semestre europeo, la Commissione ha ufficialmente confermato l’estensione della clausola di salvaguardia generale per il 2022, poiché permane la necessità di sostegno finanziario alle economie dell’Unione europea. Contro le conseguenze economiche dell’epidemia. La decisione – che deve essere sottoscritta dai ministri delle finanze dell’UE – è stata annunciata al recente incontro Ecofin di Lisbona. La Commissione prevede che il patto di stabilità e crescita torni in vigore nel 2023.

Secondo le proiezioni della Commissione, il deficit in percentuale del PIL nell’Unione europea. Quest’anno sarà più alto dello scorso anno, raggiungendo il 7,5%, ma scenderà in un semestre (nel 2019 era al livello storicamente basso dello 0,5% del PIL). Tuttavia, data la condizione generale di fuga e l’incertezza che ancora segue il percorso della pandemia, nessuno Stato membro sarà posto in una misura di disavanzo eccessivo a questo punto.

Il volume totale del sostegno finanziario all’economia europea aumenterà quest’anno al 7,4% del PIL (compresi 0,4 punti percentuali del Fondo per la ripresa e la resilienza), rispetto al 6,6% dell’anno scorso.

Nel 2022 questa percentuale dovrebbe scendere al 3,9%, di cui circa un terzo (1,2 punti percentuali del PIL) proverrà dal Fondo per il reinsediamento. Le spese finanziate dalle sovvenzioni RRF sono, come spiega il funzionario della comunità, “a bilancio neutro”.

READ  Oltre il miserabile capitalismo e la "bolla" di Bitcoin

Pertanto, il Comitato incoraggia gli Stati membri, in particolare quelli con un elevato livello di debito pubblico, a utilizzare appieno questo strumento per effettuare gli investimenti pubblici necessari. Entro la fine del 2022, la Commissione stima che l’attuazione della forza di reazione rapida creerà 800.000 nuovi posti di lavoro.

Nel caso di paesi fortemente indebitati, si consiglia a Italia e Portogallo di limitare l’aumento della spesa pubblica non temporanea a più dello 0,5% del PIL. La Grecia non fa una raccomandazione simile, in quanto è uno dei due soli paesi che hanno ridotto la propria spesa pubblica permanente durante la crisi.

Il commissario Ue all’Economia Intervenendo alla conferenza stampa, Paolo Gentiloni ha osservato che “la situazione è in costante miglioramento in tutta l’Ue”, sia sul fronte sanitario che economico. Ha anche indicato specificamente il fatto che il 45% della popolazione adulta nel sindacato ha già ricevuto almeno una dose del vaccino. Sulla stessa linea, il vicepresidente esecutivo della Commissione, Valdis Dobrovskis, ha osservato che “le prospettive (per l’economia europea) sono migliori di quanto ci aspettassimo alcuni mesi fa”.

Gentiloni ha sottolineato che le politiche fiscali degli Stati membri “dovrebbero rimanere di supporto” nel 2021 e nel 2022. Ha aggiunto che “una volta ridotti i rischi per la salute, dovrebbe esserci un passaggio graduale a “misure più mirate” per facilitare i lavoratori e le imprese nella transizione a un’era post-hoc.” la pandemia”.

Il commissario italiano ha accolto con favore il contributo di programmi europei come SURE per mitigare gli effetti della crisi. Certamente, ha detto, “ha beneficiato circa due milioni di aziende e protetto fino a 30 milioni di posti di lavoro”.

READ  Il leggendario spettacolo del 1990 con Al. Alexandraki e K. Arzoglou

Da parte sua, il Commissario per l’Occupazione ei diritti sociali Nicholas Smith ha sottolineato la necessità di ridurre la disoccupazione giovanile. Ha indicato che attualmente è più del doppio del livello rispetto all’indice generale (17,1% rispetto al 7,3%).

Sia Gentiloni che Dobrovskis hanno confermato che le consultazioni pubbliche sulla riforma delle regole finanziarie dell’Unione Europea, che sono state sospese a causa della pandemia, riprenderanno nella seconda metà del 2021.

Il commissario per l’Economia ha sottolineato che “non è stato facile” trovare un terreno comune per rinnovare il Patto di stabilità e crescita.

Il pacchetto primaverile di quest’anno non include raccomandazioni specifiche per paese, poiché queste sono incluse nei piani nazionali di recupero e resilienza, che sono stati sviluppati in stretta collaborazione con l’UNHCR.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *