“Vedono” l’export aumentare del 3,3% nel 2021

Quest’anno si prevede un aumento delle esportazioni di combustibili fossili: lubrificanti del 15,1%, oli e grassi (principalmente olio d’oliva) del 13,3%, prodotti alimentari del 4% e materie prime dello 0,5% (foto RES).

Gli esportatori stimano un aumento del 3,3% delle esportazioni di merci dalla Grecia nel 2021, previsione piuttosto modesta visto che il primo trimestre del 2021 si è chiuso con un aumento delle esportazioni del 9,6%, compresi i prodotti petroliferi, e dell’11,5%, escludendo questa categoria di prodotti. . Tuttavia, anche se le prospettive moderate vengono confermate e le esportazioni greche non vengono ulteriormente rafforzate rispetto allo scorso anno, sarà un’altra performance soddisfacente per questo settore, che nel 2020 ha mostrato grande resilienza di fronte alle condizioni difficili e senza precedenti causate dalla pandemia.

È interessante notare che il 2020 si è concluso con un calo delle esportazioni del 9,3%, ma escludendo i prodotti petroliferi i cui prezzi sono crollati, le esportazioni sono aumentate nel 2020 rispetto al 2019 del 3,2%.

I prodotti petroliferi sono esattamente la categoria di prodotti in cui le aziende esportatrici si aspettano un aumento delle esportazioni, a causa di prezzi e volumi di vendita più elevati, visto che nel 2021 c’è stata più mobilità e produzione rispetto al 2020, quando in tutto il mondo erano state imposte restrizioni molto rigide.

Secondo le statistiche empiriche dell’Ellenic Statistics Authority (ELSTAT), quest’anno si prevede un aumento delle esportazioni di combustibili fossili: lubrificanti del 15,1%, oli e grassi (principalmente olio d’oliva) del 13,3%, prodotti alimentari del 4%, materie prime. dello 0,5%, mentre le esportazioni di beni industriali sono stimate sugli stessi livelli del 2020.

READ  Economia - Rotary International: il Forum franco-italiano sul Mediterraneo il 24 aprile - Petites Affiches des Alpes-Maritimes

Per contro, le esportazioni di prodotti chimici dovrebbero calare del 4,8%, bevande e tabacchi del 2,1%, materiali industriali vari del 3,2%, macchinari e mezzi di trasporto del 10,9%.

In Germania, Cipro e Bulgaria si stima che la maggior parte delle esportazioni sarà diretta nel 2021, mentre allo stesso tempo le aziende esportatrici si aspettano un minor numero di esportazioni verso l’Italia, forse perché lo scorso anno molti prodotti sono andati nel vicino dove è stato fortemente colpito dalla il coronavirus. In particolare, secondo le stime del 2021, la maggior parte delle esportazioni dovrebbe raggiungere Germania (4,9% del totale), Cipro (4,5%) e Bulgaria (4,1%), seguita da Italia (4%) e Regno Unito (3,6%). . %), Romania (3,2%), USA (3,1%), Francia (2,9%) e Spagna (2,5%).

L’Italia è la prima

Tuttavia, nel 2020, la maggior parte delle esportazioni è stata effettuata verso l’Italia – va notato che è stata per anni la principale destinazione dei prodotti greci – pari al 10,4% del totale delle esportazioni, seguita dalla Germania (7,8% del totale di Cipro (6,4 %).) e Francia (5,8%) completati), Bulgaria (5%), Turchia (4,4%), Regno Unito (3,9%), Stati Uniti (3,7%), Spagna (3,7%) e Romania (3,6%) sono tra i primi dieci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *