“La retorica preoccupante sul debito pubblico è socialmente pericolosa ed economicamente sbagliata”

piattaforma. Alcuni candidati della destra repubblicana, e più recentemente l’ex primo ministro Edward Philip, stanno facilmente sviluppando, in questi giorni, una retorica allarmante sul debito pubblico. Con conseguenze potenzialmente disastrose per i francesi: posticipare l’età pensionabile a 67 anni, ridurre i pagamenti di Medicare o generalizzare una riduzione delle indennità di disoccupazione. Questa visione miope della spesa pubblica non è solo socialmente pericolosa, ma anche economicamente sbagliata. Ecco perché.

Il nostro punto di partenza è un’idea semplice, ma importante, che la solvibilità a lungo termine di un paese dipende non solo dal livello attuale del debito pubblico, ma anche dalla differenza tra il tasso di crescita del suo prodotto interno lordo (PIL) e il suo tasso di interesse . Maggiore è questa differenza, maggiore è la capacità di un Paese di ridurre il proprio debito pubblico in relazione al proprio PIL di lungo periodo.

Leggi l’articolo di apertura: “Il dibattito sul debito dovrebbe suscitare una riflessione pubblica su vincitori e vinti del Covid-19”

Tuttavia, fino ad ora, i decisori economici hanno sempre considerato il tasso di crescita come esogeno. Tuttavia, la crescita è endogena. In altre parole, è influenzato dalla politica e dalle istituzioni economiche.

En particulier, investir dans l’éducation, la formation, la recherche, l’innovation, la politique industrielle, a vocation à doper la croissance, tandis que d’autres types de dépenses – notamment Administratives – n’ont pas d’effets avérés su di lei.

due condizioni

Questa visione indifferenziata della spesa pubblica, che prevale tra i decisori economici, ha dettato anche la politica europea e i famosi criteri di Maastricht: per decidere se un Paese è “in difficoltà”, ci limitiamo a verificare che la spesa pubblica complessiva in questo Paese non superare il 3% del suo PIL, qualunque sia la natura della spesa pubblica. Tuttavia, gli investimenti pubblici, che allo stesso tempo aumentano la crescita, ci consentono di ridurre il nostro debito a lungo termine, a differenza di altri tipi di spesa.

READ  7 aziende su 10 manterranno i propri dipendenti

Anziché concentrarsi sull’importo totale della spesa pubblica, è quindi necessario tener conto della sua composizione, cioè della quota di spesa pubblica destinata agli investimenti per la crescita. Questa è esattamente la filosofia che ha ispirato il presidente del Consiglio italiano Mario Draghi. Ha deciso di utilizzare i soldi del Piano europeo di ripresa per prendere più in prestito, finanziando così un investimento del 10% del PIL in cinque anni in istruzione, ricerca, salute, digitale…

Hai il 55,58% di questo articolo da leggere. Il resto è solo per gli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *