A cosa servirà la costellazione di 25 satelliti lanciata da Kinéis a Tolosa?

A cosa servirà la costellazione di 25 satelliti lanciata da Kinéis a Tolosa?

A partire dal prossimo giugno, questi satelliti per nanocomunicazioni, dedicati all'Internet delle cose, consentiranno di analizzare le informazioni raccolte da sensori posizionati nelle foreste o vicino ai fiumi e allerteranno in caso di anomalia.

pubblicato


Tempo di lettura: 1 minuto

Kinéis, con sede a Tolosa, lancerà 25 nanosatelliti tra giugno 2024 e l'inizio del 2025. (KINEIS)

Grazie a una costellazione di nanosatelliti (30 chilogrammi ciascuno), Kinéis si ispira al sistema beacon Argos, che funziona in modo molto semplice: si posiziona un sensore a bordo di una barca o di un orso polare e le informazioni raccolte vengono regolarmente inviate all'utente, tramite un collegamento satellitare. È così che gli scienziati monitorano le popolazioni animali da decenni, ma con un periodo di transizione piuttosto lungo.

Riducendo questo periodo di tempo, la nuova costellazione francese consentirà il 100% di nuovi usi posizionando sensori, ad esempio lungo i fiumi. “Abbiamo sensori in grado di calcolare l’aumento anomalo dell’acqua, che fa scattare un allarme, e l’informazione viene immediatamente trasmessa al satellite e immediatamente inviata alle autorità”.riassume Alexandre Tisserand, amministratore delegato di Toulouse Kinéis.

Basso costo di utilizzo

Allo stesso modo, si potrebbero posizionare dei sensori nella foresta per misurare l’aumento dei livelli di anidride carbonica, che è un indicatore dell’inizio di un incendio. Vantaggio del sistema: basso costo di utilizzo e sensori che richiedono poca potenza. “Se prendiamo come esempio gli incendi boschivi, un sensore pesa quasi cento grammi, si acquista solo un centinaio di euro e poi si pagano pochi euro al mese.”

I 25 satelliti verranno messi in orbita a partire da giugno 2024 in gruppi di cinque. La conclusione della distribuzione è prevista per l’inizio del 2025.

READ  Le espressioni facciali realistiche di questo robot sono sempre più fastidiose

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *