500mila a livello nazionale

La maggior parte del manifestazione di Parigi, il Marcia per le libertà, Vieni a Bastille , teatro di scontri più significativo. Oggi è stato il primo giorno di “fulmini” dal confinamento, e decine di migliaia di francesi hanno deciso di scendere in piazza.

Secondo gli organizzatori, ci sono mezzo milione di francesi in tutto il paese. Lo hanno spiegato gli organizzatori del movimento StopLoiSafetyGlobale, al che partecipano anche a sindacati e associazioni di giornalisti per la difesa dei diritti umani, secondo i quali a Parigi sarebbero stati 200mila i manifestanti. La polizia ha detto che 133.000 persone hanno manifestato in tutta la Francia, 46.000 nella capitale.

A Parigi, gruppi di giovani hanno partorito si scontra con il polizia bloccando di tanto in tanto la processione. Alcuni negozi danneggiati, bidoni della spazzatura, pietre e bottiglie in fiamme contro la polizia che ha risposto con un denso flusso di lacrimogeni. Negli scontri scoppiati durante la protesta contro la legge sulla sicurezza globale, anche alcune auto sono state danneggiate e incendiate. Lo riporta il sito del parigino pubblicando foto che, sui social network, mostrano almeno due auto bruciate e una Mercedes aggredita da manifestanti vestiti di nero e con la faccia coperta, che hanno sfondato i vetri ed è saltata sul parabrezza. brezza, distruggendolo. S37 agenti sono rimasti feriti in scontri in diverse città francesila polizia, ha detto il ministro dell’Interno Gérard Darmarin, sottolineando che il bilancio delle vittime è ancora provvisorio. Le dimostrazioni si sono svolte in 70 città in totale. “Condanno ancora una volta l’inaccettabile violenza contro la polizia”, ​​ha detto il ministro. Finora sono state arrestate nove persone dalla polizia francese mentre la polizia cerca di districare, anche con l’uso di idranti, i manifestanti rimasti nel quartiere di Place de la Bastille, dove sono avvenuti gli scontri.

Cosa sta succedendo in Francia? Oggi sono state organizzate decine di sfilate in tutto il paese, non solo a Parigi ma anche a Strasburgo, Marsiglia, Lione, Bordeaux e Rennes. I manifestanti protestano contro la legge in discussione in Parlamento sulla “sicurezza globale” che gli organizzatori considerano “liberticida”. Al centro della protesta c’è l’articolo 24 della legge che vieta foto e video di agenti di polizia in azione. “Sorridi, sei filmato!” si leggeva su un grande cartello portato da un gruppo di ragazzi sempre ben visibili. Di tanto in tanto, cori ostili alla polizia, “Odiamo tutti la polizia”, ​​i più apprezzati. Erano presenti molti giornalisti e rappresentanti della redazione – come quelli di Le Monde e Paris Match – non solo per coprire i fatti ma anche per esprimere il proprio dissenso con il governo.

Esagera anche gli spiriti gli episodi di violenza degli ultimi giorni, l’espulsione di migranti da Place de la République con l’uso di manganelli e, sabato scorso, il pestaggio di Michel Zecler, un produttore di musica nera, da parte di 4 agenti, costretto nel suo studio di registrazione a Parigi. I quattro poliziotti sono in carcere da ieri. E la misura precauzionale lo era prorogato di 24 ore.

Da giovedì i quattro agenti sono stati sospesi dalle loro funzioni ed è stata aperta un’indagine per violenza e contraffazione di documenti pubblici. La violenza della polizia contro Zecler, colpevole solo di non indossare una maschera, è emersa grazie a un video pubblicato dal sito di notizie Loopsider, e oggi ha scatenato proteste in tutta la Francia. Secondo fonti di stampa, i quattro poliziotti hanno difeso la legittimità della loro azione, negando in particolare di aver gridato insulti razzisti contro Zecler.

Le proteste di oggi si concentrano sulla sezione del Global Security Act, in discussione in parlamento, che vieta le riprese del lavoro di polizia. Tre poliziotti sono direttamente coinvolti nell’aggressione a Zecler e il quarto per aver lanciato un lacrimogeno nello studio.

Cosa dice la legge della discordia

Approvato in Assemblea Nazionale la scorsa settimana, ora deve passare al Senato ma in molti si chiedono il ritiro dell’art. 24, quella che punirebbe la diffusione di immagini di agenti di polizia o gendarmi capaci di nuocere a persone immortalate con un anno di reclusione e una multa di 45.000 euro. Per gli organizzatori della Marcia delle Libertà, la legge “viola la libertà di stampa, la libertà di informare e di essere informati, la libertà di espressione, insomma le libertà pubbliche fondamentali della nostra Repubblica”. L’intenzione del governo è proteggere gli agenti di polizia vittime di incitamento all’odio e minacce di morte sui social media. Il governo è ora a un bivio, con un ministro degli interni apertamente definito “l’ala destra” e due gravissimi casi di violenza documentati da immagini in una sola settimana – prima contro i migranti, poi contro l’impotente produttore di musica nera – che ha fatto precipitare la situazione. Emmanuel Macron ha parlato di “immagini di vergogna”.

READ  Operaio, assegno per figlio unico e riduzione stabile del cuneo fiscale

Il governo è sotto pressione, anche all’interno della maggioranza de La République en Marche, per eliminare l’articolo 24. “Se c’è una cosa che si può fare oggi per salvare l’onore – ha detto l’ex presidente Olanda – no, mantiene questo testo, ma lo ritira ”.

Con l’aumentare della pressione sul governo, cresce la tensione nelle strade: scoppia un incendio alla Banque de France in Place de la Bastille. Le strade adiacenti alla strada “Marche des Libertés”, tra la République e la Bastiglia, sono state chiuse fin dalle prime ore del mattino da veicoli blindati della polizia. Fonti del sindacato di polizia dell’Alleanza lamentano che solo 2.000 agenti di polizia sono stati incaricati di affrontare una manifestazione “ad alto rischio” in cui sono attesi 40.000 manifestanti e l’infiltrazione di elementi radicali dei giubbotti gialli e i blocchi neri sono da temere.

Ultimo aggiornamento: 22:03


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *