1.430 specie di uccelli sono scomparse a causa dell’uomo, il doppio del numero precedentemente stimato

1.430 specie di uccelli sono scomparse a causa dell’uomo, il doppio del numero precedentemente stimato

⇧ [VIDÉO] Potrebbero piacerti anche questi contenuti dei partner

I ricercatori hanno rivelato che l’attività umana ha portato all’estinzione di 1.430 specie di uccelli, il doppio del numero precedentemente stimato. Infatti, sebbene siano state registrate numerose sparizioni a partire dal XVI secolo, le registrazioni prima di questa data sono limitate, poiché i reperti fossili di uccelli sono relativamente rari. Ciò significa che esiste un gran numero di specie estinte da scoprire e che la portata delle estinzioni causate dall’uomo è fortemente sottostimata.

La migrazione degli esseri umani dall’Africa verso quasi tutte le terre libere dai ghiacci del pianeta ha portato a ondate di estinzione di molte specie. Queste estinzioni furono particolarmente importanti nelle isole e negli arcipelaghi inizialmente isolati, come le Azzorre, le Hawaii, le isole di Tonga e le isole dell'Oceano Indiano (Mauritius, Madagascar, Seychelles, ecc.).

Tra i gruppi più colpiti vi furono gli animali dell'isola, che furono rapidamente sterminati, nonostante le popolazioni umane relativamente piccole. Questa estinzione è avvenuta direttamente attraverso la caccia, o indirettamente attraverso la distruzione dell'habitat (deforestazione, agricoltura estensiva, ecc.) e l'introduzione di specie autoctone esotiche (cani, gatti, bestiame, ecc.) o parassiti (roditori, parassiti). insetti, ecc.).

La maglietta che respira:
Mostra un forte messaggio sul clima 🌍

Uno degli esempi più famosi è l'uccello Dodo Morris (Rafus coculatos), scomparso alla fine del 17H Il secolo scorso, meno di un secolo dopo l'arrivo degli europei sull'isola. Questi ultimi portarono con sé un gran numero di animali esotici, mentre cacciavano attivamente il dodo, una facile preda incapace di volare endemica di un'isola distante appena 2.040 chilometri.2 di superficie.

READ  La meteorologia annuncia il tempo e le temperature previste durante le prossime 24 ore e determina le posizioni della pioggia

Tuttavia, poiché non esistono reperti fossili di uccelli, è probabile che molte estinzioni di uccelli siano passate inosservate. Ciò significa che queste specie non sono state scoperte, o semplicemente non hanno lasciato traccia nella documentazione fossile (forse a causa della difficoltà di convertire le ossa leggere degli uccelli in fossili). Le stime precedenti dei tassi di estinzione degli uccelli si erano concentrate solo sulle sparizioni degne di nota e sui fossili ben conservati del XVI secolo.

Pertanto, è probabile che l’entità dell’estinzione degli uccelli a partire dal Pleistocene sia sottostimata. ” Ignorare le estinzioni non rilevate limita la nostra comprensione dei tassi di estinzione delle specie di uccelli e può sottostimare significativamente l’entità della perdita di biodiversità causata dall’uomo, con implicazioni per la biodiversità globale, l’evoluzione e la conservazione della storia umana. “, spiegare Nel loro nuovo studio condotto da ricercatori del Centro britannico per l’ecologia e l’idrologia (UKCEH), dell’University College di Londra (UCL), del Global Biodiversity Centre e dell’Università di Göteborg.

Per colmare le lacune, il team ha elaborato modelli per stimare il numero di estinzioni di uccelli non rilevate. Risultati – pubblicati sulla rivista Comunicazioni sulla natura – Rivela una tendenza preoccupante, che potrebbe avere gravi ripercussioni sugli ecosistemi. ”
Il nostro studio mostra che l’impatto umano sulla diversità degli uccelli è stato molto maggiore di quanto si pensasse in precedenza », spiega in A Comunicato stampa dell'UCL Rob Cook, esperto di modellistica ambientale presso UKCEH e ricercatore capo dello studio. ” Mostriamo che molte specie sono scomparse prima della scrittura e non hanno lasciato tracce “, Aggiunge.

Colonizzazione umana di diverse regioni del mondo e associata estinzione degli uccelli. © Rob Cook et al.

1 uccello su 8 è scomparso a causa dell'attività umana

Per stimare il numero di estinzioni non rilevate, gli esperti dello studio hanno prima modellato le estinzioni registrate nei reperti fossili, a livello di 69 arcipelaghi contenenti 1.488 isole. Si sono concentrati sugli arcipelaghi, perché il 90% delle sparizioni registrate si sono verificate in queste aree. Queste stime sono state poi combinate con le stime delle estinzioni fossili osservate in tutto il mondo. I calcoli hanno permesso di dedurre la data e il numero di estinzioni di tutte le specie di uccelli perdute a partire dal tardo Pleistocene (130mila anni fa).

I risultati hanno rivelato che circa 1.300-1.500 specie di uccelli (il 12% delle specie totali) si sono estinte dal tardo Pleistocene, più del doppio delle stime precedenti basate sulle osservazioni e sui reperti fossili. Più precisamente, quest’ultimo ha dimostrato che dalla fine del Pleistocene sono scomparse 640 specie di uccelli, di cui il 90% nelle isole colonizzate dall’uomo. Tra questi figurano, ad esempio, il dodo, l'alca impenne (Pinguinus impennis(Upupa di Sant'Elena)Oppa Anteo). D’altra parte, i ricercatori stimano che ci siano altre 790 estinzioni non rilevate, con la conseguente estinzione di 1.430 specie in totale, ovvero 1 uccello su 8.

Guarda anche

Montagne sottomarine Cile
Uccello scomparso

Numero e distribuzione delle specie di uccelli scomparse dal Pleistocene superiore. © Rob Cook et al.

La stragrande maggioranza di queste sparizioni sono direttamente attribuibili all’introduzione e all’espansione dell’attività umana in aree inizialmente isolate. Si ritiene che solo una cinquantina di specie siano scomparse naturalmente. Inoltre, lo studio rivela che 570 specie si sono estinte dopo l’arrivo dell’uomo nell’Oceano Pacifico orientale (comprese le Isole Cole e le Hawaii) 14 anni fa.H
secolo, più di 100 volte il tasso di estinzione naturale! Secondo gli esperti, questo sarebbe il più grande evento di estinzione di vertebrati di origine antropica della storia. È anche possibile che il 9 si verifichi un altro grande evento di estinzioneH Secolo a.C., quando gli esseri umani iniziarono a colonizzare il Pacifico occidentale, comprese le Fiji, le Isole Marianne e le Isole Canarie.

Secondo il coautore dello studio Søren Farbe dell’Università di Göteborg, “Queste estinzioni storiche hanno importanti implicazioni per l’attuale crisi della biodiversità”. È infatti importante sapere che gli uccelli svolgono ruoli chiave nell’ecosistema specifico dei loro habitat, come l’impollinazione e la dispersione dei semi. Pertanto, la loro scomparsa potrebbe portare all’estinzione di piante o piccoli carnivori la cui sopravvivenza dipende da loro. ” Ciò avrà effetti dannosi a cascata sugli ecosistemi. », aggiunge l'esperto.

Inoltre, gli uccelli ora devono affrontare altre minacce umane come l’inquinamento, l’agricoltura intensiva e il riscaldamento globale. Ricerche correlate suggeriscono che potremmo perdere fino a 700 specie in più nei prossimi 100 anni. ” Sta a noi decidere se le altre specie di uccelli scompariranno oppure no. Le recenti misure di conservazione hanno salvato alcune specie e ora dobbiamo intensificare i nostri sforzi per proteggere gli uccelli, attraverso il ripristino degli habitat portato avanti dalle comunità locali. », conclude Cook.

fonte : Comunicazioni sulla natura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *