Zara è stata difesa dal capo della delegazione francese

Zara è stata difesa dal capo della delegazione francese
Patricia Garcinono/Getty Images Alexandra Reed-Amel, capo della delegazione francese all’Eurovision, l’ha difesa, che è stata presa di mira da quando le sue esibizioni ad Amsterdam e Londra sono state cancellate.

Patricia Garcinono/Getty Images

Alexandra Reed-Amel, capo della delegazione francese all’Eurovision, l’ha difesa, che è stata presa di mira da quando le sue esibizioni ad Amsterdam e Londra sono state cancellate.

EUROVISION- “diva”, “capriccioso”, “complesso da gestire”… Il cantante La Zara, che rappresenterà la Francia all’Eurovision 2023 sul palco del Liverpool il 13 maggio, è recentemente andato alla stampa dopo le cancellazioni dell’ultimo minuto delle sue esibizioni ad Amsterdam e Londra durante il fine settimana. Se annulla le sue offerte per “questione personale”, È stato oggetto di molte critiche in relazione al modo in cui si sono svolti i fatti, come si legge ad esempio in un rapporto parigino.

Ma Alexandra Red-Amel, capo della delegazione francese all’Eurovision, ha difeso l’artista venerdì 21 aprile in un’intervista a Télé-Loisirs, oltre che a un microfono Radio del Sud. Denuncia l’immagine della diva che, secondo lei, era Creata e gestita da una stampa che fa capricci, non serve a niente nutrire pettegolezzi, bisogna rispettare la donna e l’artista che è. “.

Anche il leader dell’Eurovision di France Télévisions afferma che La Zarra lo era Tagliati il ​​più possibile dai social network per proteggerla. Dice anche che non è previsto il cambio di nessun candidato: è Valzara che rappresenterà la Francia durante la competizione. Francia TV è Dietro La Zara. […] Facciamo la scelta giusta dice Alexandra Reid Amell.

Mancanza di supporto da parte dei telespettatori

Una scelta che non ha ancora convinto i telespettatori. La Zara è rimasta cauta sui motivi per cui ha cancellato i suoi due spettacoli, e molti l’hanno etichettata come una “diva” che si comporta come una star. Soprattutto da gennaio, quando è stata annunciata la candidatura di La Zara, alcuni fan dello spettacolo sono stati allarmati dalla nazionalità dell’artista. Il cantante è canadese, originario del Quebec, non francese. Ma è tutt’altro che preoccupante per Alexandra Reid Amell, che si confida con me Tele-tempo libero Quello ” L’enfasi sulla Francofonia è essenziale “.

READ  Sylvester Stallone sarà presto protagonista di una serie TV

Per il responsabile dell’intrattenimento di France Télévisions, queste polemiche sono ingiustificate, e lamenta il modo di pensare francese confrontandolo con quanto osservato in Italia e in Svezia, dove ” L’Eurovision è una religione “. Sebbene la Francia non vinca il concorso dal 1977, spera di vedere tutta la Francia dietro al cantante fino alla fine.” Porta la coppa a casa spiega V Radio del Sud. La Zara dovrebbe parlare la prossima settimana secondo Reddy Amell.

Vedi anche su Huffpost :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *