Verso la fine dell’ordine liberale: il vertice dei BRICS

Verso la fine dell’ordine liberale: il vertice dei BRICS
[Photo/VCG]

Fondati nel 2009, i BRICS, inizialmente incentrati sulla cooperazione nella finanza, nello sviluppo e nel commercio, si stanno evolvendo in una struttura che avrà un grande significato geopolitico e geostrategico per i popoli del mondo con l’aggiunta di nuovi membri al recente vertice in Sud Africa . Nella terza settimana del mese scorso.

Ancor più notevole dell’aggiunta di sei nuovi paesi provenienti da tre continenti è che più di 40 paesi hanno presentato domanda di adesione. Ciò ci mostra ancora una volta che l’”ordine internazionale” ereditato dal XX secolo e elaborato dall’egemonia imperialista non funziona e che i paesi in via di sviluppo del mondo hanno bisogno di un nuovo ordine.

Il dilemma dell’egemonia occidentale

I saccheggiatori imperialisti assicuravano il proprio sviluppo a spese del resto del mondo. Ma nell’ultimo quarto del ventesimo secolo, l’ascesa dei paesi asiatici, e della Cina in particolare, è continuata costantemente nel ventunesimo secolo. Ciò è stato accompagnato dalla continuazione dei movimenti indipendentisti in Africa e in America Latina, anche se con alcune battute d’arresto. Dalla seconda metà del secolo scorso fino ad oggi, c’è stato chi invocava un “mondo piatto”, chi dichiarava la “fine della storia”, chi cercava di interpretare la nuova situazione come un “incontro” evolutivo tra i due mondi. Il Sud e il Nord del mondo… Ora che quasi tutti hanno abbandonato la fede liberale, non ci vuole molto perché si rendano conto che le contraddizioni inconciliabili tra sfruttatori e sfruttati esistono ancora e che la maggior parte del mondo è contro di loro.

Il vertice dei BRICS, tenutosi a Johannesburg dal 22 al 24 agosto, ha riunito tutte le nazioni oppresse con l’obiettivo di determinare il corso del mondo secondo l’ordine liberale incentrato sugli Stati Uniti. Argentina, Egitto, Iran, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti ed Etiopia diventeranno membri ufficiali dei BRICS dall’inizio del prossimo anno, inviando un messaggio forte a Washington. È quindi entrato in un periodo in cui gli interessi dei paesi in via di sviluppo del mondo saranno meglio inclusi nell’agenda globale e in cui la lotta contro l’imperialismo sarà rafforzata.

READ  Kim Il Sung e Sukarno -

I BRICS sono superiori al G7

Sembra che i BRICS offriranno nuove soluzioni al problema dell'”accumulo di debito pubblico e privato”, come ha sottolineato il presidente russo Putin all’inizio del suo videomessaggio al vertice. Putin ha anche sottolineato le “sanzioni unilaterali che violano il diritto internazionale” e ha rassicurato la fiducia parlando della superiorità economica dei cinque paesi fondatori del BRICS rispetto al G7 con sede negli Stati Uniti con dati empirici. Per inciso, l’anno prossimo la Russia assumerà la presidenza del gruppo BRICS. Si prevede che lo slogan della Russia per il primo vertice del gruppo allargato BRICS+, che si terrà a Kazan nell’ottobre 2024, sarà “Rafforzare il multilateralismo per lo sviluppo globale e la giustizia in materia di sicurezza”.

Costruire l’infrastruttura finanziaria per un sistema multipolare

Uno dei punti informali dell’ordine del giorno del vertice era quello di “de-dollarizzare”. Anche se alcuni esperti occidentali dopo il vertice hanno affermato che ciò era “insostenibile”, il processo di eliminazione del dollaro è già iniziato. Sebbene il vertice BRICS in Sud Africa non abbia ufficialmente incluso un programma di “valuta di riserva”, c’è il desiderio di aumentare gli scambi nelle valute locali.

Nel 2015, i BRICS hanno creato la Nuova Banca per lo Sviluppo per contrastare le istituzioni finanziarie dominate dagli Stati Uniti come la Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internazionale. La banca concede già prestiti al renminbi cinese e dopo il vertice è stato annunciato che a queste si aggiungeranno le valute nazionali del Sudafrica e del Brasile. La banca mira inoltre ad annunciare le sue prime obbligazioni in rupie indiane entro ottobre (l’India ha recentemente firmato un accordo commerciale con gli Emirati Arabi Uniti per commerciare in valute nazionali invece che in dollari USA).

READ  La Tanzania uccide 5 milioni di uccelli per salvare le risaie

Ancora di salvezza per la Turchia e tutti i paesi in via di sviluppo

In un momento in cui gli sviluppi internazionali sono diventati quasi tesi, i BRICS sono ora sull’orlo di una nuova era nel 21° secolo con 6 nuovi paesi in via di sviluppo. Inoltre, la maggior parte dei nuovi paesi appartengono all’Asia occidentale, che è un gigante energetico. In questo modo, possiamo dire che i BRICS hanno preso una posizione privilegiata nella rottura geopolitica in termini di fissazione dei prezzi dei prodotti energetici e di gestione delle responsabilità e vulnerabilità dei paesi in termini di costo del petrolio. L’inclusione di più di quaranta paesi nella lista dei paesi membri dimostra che il mondo in via di sviluppo, a disagio con l’ordine mondiale liberale, si sta impegnando sempre più a favore di alternative reali.

Negli ultimi cinque anni, la Turchia e i paesi in via di sviluppo hanno dovuto far fronte sempre più a carenze di valuta estera nel contesto di importanti cambiamenti geopolitici come la pandemia e la questione ucraina. Il problema principale, ovviamente, è che questi paesi sono stati separati dalla loro produzione nazionale e che le loro valute nazionali sono state continuamente svalutate negli ultimi cinquant’anni sotto la divisione imperialista internazionale del lavoro basata sul neoliberismo. I paesi oppressi del mondo cercano un’alternativa al Club di Parigi e hanno bisogno di più prestiti da parte della Nuova Banca di Sviluppo. Ma ancora più importante è la necessità di un nuovo ordine che non raggiunga il suo sviluppo saccheggiando altri paesi, ma rendendo comune, uguale, giusto, centrato sulle persone e non ingerenza negli affari interni reciproci un principio fondamentale della loro politica estera. . Politica. Questo è ciò che i BRICS offrono al mondo.

READ  Nel Regno Unito sono stati emessi avvisi di temperatura severi poiché si prevede che le temperature raggiungeranno livelli record

L’autore è il capo dell’Istituto turco-cinese della Belt and Road. Le opinioni non riflettono necessariamente le opinioni del China Daily.

Se hai un’esperienza specifica o desideri condividere i tuoi pensieri sulle nostre storie, inviaci i tuoi scritti a [email protected] o [email protected].

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *