Un’altra pelle: Puydômoise ha creato una marca sportiva femminile con valori rispettosi dell’ambiente

Un’altra pelle: Puydômoise ha creato una marca sportiva femminile con valori rispettosi dell’ambiente

“Durante la mia infanzia ho provato molti sport e a 15 anni ho scoperto il triathlon”, racconta Virginie Tarantola. “È uno sport che ho iniziato a praticare con mio padre. Offre attività complementari all’aria aperta e lo adoro”. .

amato Carbios si occupa del riciclaggio dei tessili a Clermont-Ferrand

Tuttavia, questa atleta si rende conto che è difficile trovare abiti adatti davvero alle donne che praticano il triathlon. E questo è un bene, perché Virginie Tarantola ha un’altra passione nella vita: il mondo della moda e del tessile.

Infatti, gli accessori da ciclismo integrati nelle tute da triathlon sono progettati solo per gli uomini. Così ho deciso di realizzare dei vestiti per le donne e ho immaginato anche abiti con tagli sartoriali e stili femminili.

La collezione Other Skin offre tagli che si adattano alle forme femminili e ai design femminili. Immagini di Lily City

Campagna di crowdfunding

Per lanciare al meglio il suo progetto, Virginie Tarantola ha lanciato una campagna di crowdfunding che le ha permesso di ottenere 130 preordini. Era il febbraio 2022.
“Questo processo ha permesso l’emergere di altri skin”, ricorda, “è stato il culmine di un processo a lungo termine di ricerca di fornitori e test”.

Tappe che dovrebbero sembrare scoraggianti quanto un evento di triathlon completo. In effetti, Virginie Tarantola aveva in mente idee molto specifiche per ogni pezzo della sua prima collezione.
“Era necessario produrre il più possibile con materiali rispettosi dell’ambiente che soddisfacessero pienamente le esigenze essendo confortevoli, traspiranti, anti-UV, opachi… “Altra pelle” significa “altra pelle”, sottolinea.

NL {“path”: “mini-inscription/MT_Decider”, “accessCode”: “14400758”, “allowGCS”: “true”, “bodyClass”: “ripo_generic”, “contextLevel”: “KEEP_ALL”, “filterMotsCles”: “1|10|13|80|6973”, “template”: “generic”, “hasEssentiel”: “true”, “idArticle”: “4400758”, “idArticlesList”: “4400758”, “idDepartement”: “282 “”, “idZone”: “30603”, “motsCles”: “1|10|13|80|6973”, “premium”: “false”, “pubs”: “banniere_haute|article|article2|article3″, ” sito “MT”, “sousDomaine”: “www”, “urlTitle”: “other-skin-une-puydomoise-ha-creato-un-marchio-sportivo-per-donne-con-valori-eco-responsabili ​​​​”}

Difficoltà a trovare fornitori

È impossibile trovare un laboratorio in Francia che offra conoscenze così precise e tecniche. Così in Italia troverete i tessuti Virginie Tarantola riciclati da bottiglie di plastica. Il suo design si basa su un laboratorio situato in Portogallo vicino a Porto, che ho avuto il tempo di visitare. Pertanto, questi due fornitori di servizi soddisfano pienamente le sue ambizioni etiche.

Nel corso dei mesi, la marca si è sviluppata attraverso il sito di vendita online, la presenza sulla piattaforma alle competizioni sportive dell’Alvernia e sul sito Decathlon. I clienti diventano fidelizzati (il 30% di loro riacquista un altro pezzo di pelle entro sei mesi).

Virginie Tarantola non manca di essere attiva anche sui social dove mostra il dietro le quinte del suo brand.

Ho l’impressione che le clienti che mi seguono sul mio Instagram conoscano un po’ tutti gli altri miei segreti sulla pelle.

Ha vinto un concorso sull’imprenditorialità femminile

Per diversi mesi, i clienti dell’Alvernia hanno potuto provare un altro outfit in pelle, ai piedi del Puy-de-Dôme a Orcines. “Ho trovato questo posto con il mio compagno che ha aperto un negozio specializzato in biciclette vintage, “Les Bicyclettes du attic”. Ognuno di noi ha il proprio spazio e c’è un ristorante di crêpe proprio accanto. È anche il posto dove iniziare le gite in bicicletta. Che organizziamo di tanto in tanto la sera dopo il lavoro”

READ  Stipendio, contratto, cosa offre l'Arabia Saudita Mauro Icardi

Vincendo un concorso organizzato dal Judd Centre, Virginie Tarantola beneficia della creazione di un negozio gratuito ed effimero per il centro commerciale. Immagini di Lily City

All’età di 26 anni, Virginie Tarantola è riuscita a creare da sola il proprio marchio poiché c’era una reale domanda. Questa è sicuramente una delle chiavi del suo successo e uno dei motivi per cui ha vinto lo scorso marzo un concorso sull’imprenditoria femminile organizzato dal Jude Center.

Questa vittoria le ha permesso di beneficiare della creazione gratuita di un negozio temporaneo in questo centro commerciale fino al 29 novembre.

Un mercatino di Natale etico e responsabile da scoprire a Puy de Dome

Stefania Merzet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *