Una delegazione del Consiglio di sicurezza in Mali per fare pressione sulle autorità militari – Gerusalemme

Bamako – (AFP) – Una delegazione del Consiglio di sicurezza dell’Onu è giunta sabato a Bamako per sollecitare le autorità militari del Mali a tornare al governo civile dopo due colpi di stato in nove mesi in un Paese testimone di violenze jihadiste, secondo un corrispondente dell’Afp.

Il ministro degli Esteri del Mali Abdullah Diop ha ricevuto la delegazione, guidata dall’ambasciatore del Niger presso le Nazioni Unite Abdou Abari e dal suo omologo francese, Nicolas de Riviere, e comprende in particolare l’ambasciatore statunitense presso le Nazioni Unite Linda Thomas Greenfield.

Sabato e domenica la delegazione incontrerà le autorità maliane, i rappresentanti della società civile e le fazioni armate che hanno firmato l’accordo di pace del 2015, secondo il programma ufficiale.

Parallelamente, una delegazione del Consiglio militare maliano guidata dal ministro della Riconciliazione nazionale, colonnello Ismail Waghi, ha incontrato venerdì e sabato in Algeria i leader di queste fazioni armate, secondo quanto affermato in un comunicato dalla mediazione algerina, senza specificare gruppi.

L’agenzia di stampa algerina ha citato Waghi dicendo che l’incontro è stato molto importante, soprattutto perché è arrivato in un momento in cui sono emerse tensioni tra le varie parti che hanno firmato l’accordo.

Questa visita arriva in un momento in cui le autorità di transizione non nascondono l’intenzione di rinviare le elezioni presidenziali previste per il 27 febbraio, data imposta dal gruppo dei Paesi dell’Africa occidentale per tornare al governo civile.

Il Consiglio di sicurezza chiede il rispetto delle date elettorali dopo due colpi di stato, nell’agosto 2020 e nel maggio 2021.

La delegazione delle Nazioni Unite è arrivata a Bamako poche ore dopo che Human Rights Watch ha chiesto alle Nazioni Unite di esercitare pressioni sulle autorità maliane affinché indaghino sulle esecuzioni e sulle sparizioni forzate attribuite alle forze di sicurezza.

READ  La navicella ha tentato un volo nei tempi previsti per martedì pomeriggio

“Le autorità maliane dovrebbero indagare su una serie di accuse di esecuzioni sommarie, sparizioni forzate e detenzione in incommunicado da parte delle forze di sicurezza governative”, ha affermato l’organizzazione in una dichiarazione rilasciata venerdì sera.

“Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite dovrebbe utilizzare la sua visita per garantire che il governo adempia ai suoi obblighi in materia di diritti umani, indaghi sulle violazioni da parte di tutte le parti e avvii procedimenti giudiziari appropriati”, ha aggiunto.

“Da settembre, almeno 14 uomini, che sono stati visti per l’ultima volta mentre erano detenuti dalle forze di sicurezza, sono scomparsi o rimangono in detenzione in incommunicado”, continua la dichiarazione.

In seguito alla diffusione di immagini di torture e cadaveri sui social media, l’esercito maliano ha dichiarato in una dichiarazione del 13 ottobre che “per quanto riguarda le scene di tortura, i fatti sono stati segnalati e gli autori sono stati ufficialmente identificati” e poi sono stati puniti.

Ma ha sottolineato di essere “contro le accuse volte ad accusarlo di esecuzioni arbitrarie, le cui foto si sono diffuse su Internet”, secondo il comunicato.
Dopo il Mali, domenica la delegazione del Consiglio di sicurezza si dirige nel vicino Niger.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *