Un paese in ritardo nelle nuove decisioni di residenza con l’aumento dei numeri

Quasi 200.000 persone hanno ora chiesto di diventare residenti con un visto accelerato e una su quattro è stata approvata.

immagine: RNZ/Samuel Rylston

Entro la fine di quest’anno, il paese avrà più nuovi residenti di qualsiasi altro anno registrato.

La ripartizione per nazionalità mostra che gli immigrati dall’India (69.594) sono le nazionalità più comuni, seguiti dalle Filippine (47.304), dalla Cina (35.451) e dal Sud Africa (31.248).

Fino all’anno scorso, l'”ambito di pianificazione” del governo per i nuovi residenti, che includeva anche coppie nate all’estero dalla Nuova Zelanda e gruppi umanitari, raggiungeva un obiettivo annuale compreso tra 33.000 e 40.000.

Con questa procedura, normalmente ci sarebbero voluti cinque o sei anni per approvare 200.000 nuovi residenti.

I dati sull’immigrazione mostrano che la Nuova Zelanda ha creato più residenti negli ultimi sei mesi rispetto a qualsiasi anno nell’ultimo decennio.

Tuttavia, il numero di domande trattate non era nemmeno tra nazionalità.

Più di uno su cinque dei 10.000 richiedenti britannici ha già deciso la propria residenza, rispetto a meno di uno su 12 cinesi.

Le prime cinque nazionalità nelle domande di Residenza Espressa (2021), suddivise per domande accettate all’esame, ‘esistenti’ (accettate per l’elaborazione ma non ancora determinate) e quelle completate (approvate o rifiutate). Illustrazione: RNZ / Farrah Hancock

Ulteriori analisi indicano che è meno probabile che i candidati cinesi vengano approvati: il 3,9% viene respinto, rispetto al 2% di indiani e sudafricani.

Le domande dovrebbero chiudersi a luglio e la popolazione potenziale sta già superando la stima del governo di circa 30.000. Quando la politica è stata annunciata l’anno scorso, si diceva che 165.000 persone potevano qualificarsi, ma quel numero non include partner e bambini all’estero.

READ  Вчені знайшли докази лабораторного походження коронавірусу

Al 15 maggio sono state ricevute 97.179 domande di cui 194.632 persone e sono state approvate 21.364, con visti di soggiorno rilasciati a 48.327 persone.

Il governo ha promesso che l’80% delle richieste sarebbe stato risolto entro 12 mesi.

La portavoce di National Immigration Erica Stanford ha affermato che il tasso di elaborazione dell’immigrazione della Nuova Zelanda significa che non raggiungerà l’obiettivo fino a ottobre 2023.

Il Partito Nazionale ha espresso preoccupazioni sul fatto che i funzionari dell’immigrazione possano essere impiegati in modo troppo sottile per elaborare il gran numero di visti di soggiorno contemporaneamente al confine. Riaprire le porte ai viaggiatori e ai lavoratori migranti che hanno anche bisogno di visti.

un Nuovo programma di residenza espresso Per professioni come medici, ingegneri e scienziati, l’inizio è previsto anche per settembre e il visto di lavoro approvato dal datore di lavoro ha iniziato la sua fase inaugurale lunedì.

INZ ha affermato di aver perseguito il suo obiettivo di completare l’80% degli ordini R21 entro 12 mesi.

immigrati qualificati

Il Comitato per la Produttività pubblicherà il suo rapporto sull’immigrazione la prossima settimana.

La bozza suggeriva di avere un file Scollegamento tra politica dell’immigrazione e offerta di alloggi e nuove infrastrutture. Il governo voleva anche abolire i requisiti per i visti che vincolano un immigrato a un datore di lavoro specifico.

Il rapporto potrebbe influenzare il prossimo annuncio nel settore: una nuova politica di immigrazione qualificata o la riapertura del programma esistente.

Il governo lo ha annunciato due settimane fa I confini saranno completamente riaperti L’elaborazione del visto per i richiedenti all’estero riprenderà l’ultimo giorno di luglio, con la Green List/Fast Track to Residence per i lavoratori altamente qualificati a settembre.

READ  Minneapolis | Des journalistes pris à partie par la police lors d’une manifestation

Ma le persone non sono in quelle professioni – o a Il percorso del secondo livello verso la residenza Che include infermieri e insegnanti – in attesa di notizie.

Include le persone che non hanno diritto a un visto di soggiorno accelerato perché non erano in possesso di un visto di lavoro quando la polizza è stata annunciata l’anno scorso o perché non erano nel paese da abbastanza tempo.

Il governo ha detto che riprenderà la sua politica di immigrazione qualificata a luglio, ma che è stata posticipata fino a settembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.