Un nuovo studio suggerisce che non siamo (mai) soli nello spazio

Questo è un estratto da un nuovo studio pubblicato il 14 dicembre di quest’anno nel database arXiv, che ha utilizzato l’astronomia moderna e la modellazione statistica per mappare l’emergere e la morte della vita intelligente nel tempo e nello spazio lungo la Via Lattea. I risultati dello studio rappresentano un aggiornamento più accurato della famosa equazione presentata dal fondatore della Search for Extraterrestrial Intelligence Frank Drake Scritto nel 1961. L’equazione di Drake dal fisico Carl Sagan È diventata famosa per la sua serie “Cosmos” e ha fatto affidamento su una serie di variabili misteriose.

Nuovo articolo in una rivista Scienze viventiScritto da tre fisici del California Institute of Technology e uno studente delle superiori, è più pratico. Descrive dove e quando è più probabile che la vita avvenga nella Via Lattea e identifica il fattore più importante che influenza la sua diffusione: la tendenza degli esseri intelligenti ad autodistruggersi.

Rimska Siesta.  Foto: Getty Images / iStockphoto

Rimska Siesta. Foto: Getty Images / iStockphoto

“Sono state fatte molte ricerche dall’era di Carl Sagan”, afferma il coautore dello studio. Jonathan Jiang, Astrofisico del Jet Propulsion Laboratory della NASA presso il California Institute of Technology. “Soprattutto dopo i telescopi spaziali Hubble e Kepler, abbiamo molte conoscenze sulle densità [plina in zvezd] Nella Via Lattea, le fasi della formazione stellare, la formazione di esopianeti … e il tasso di esplosioni di supernova. In realtà conosciamo alcuni numeri [ki so bile v času slavne epizode ‘Cosmos’ skrivnosti]. «

Gli autori hanno studiato una serie di fattori che si ritiene influenzino lo sviluppo della vita intelligente, ad esempio la distribuzione di stelle simili al sole che mascherano pianeti simili alla Terra; Frequenza di supernove letali che esplodono radiazioni; La probabilità e il tempo necessari per sviluppare una vita intelligente se le condizioni sono giuste; E la potenziale tendenza alla distruzione delle civiltà avanzate.

READ  L'immagine degli astronomi non mostra le stelle, piuttosto 25.000 buchi neri

Con questi fattori in mente, hanno modellato l’evoluzione della Via Lattea nel tempo e hanno scoperto che c’era un’alta probabilità che la vita si sarebbe verificata a circa 13.000 anni luce dal centro galattico e otto miliardi di anni dopo la formazione della galassia. In confronto, la Terra è a circa 25.000 anni luce dal centro galattico e la civiltà umana si è formata sulla superficie del pianeta circa 13,5 miliardi di anni dopo la formazione della Via Lattea (sebbene la vita semplice sia sorta poco dopo la formazione del pianeta).

In altre parole, siamo probabilmente una civiltà di frontiera in termini di geografia galattica e siamo relativamente indietro in termini di fiducia in se stessi della Via Lattea. Ma supponendo che la vita si verifichi frequentemente e alla fine diventi intelligente, probabilmente ci sono anche altre civiltà – la maggior parte di esse raggruppate intorno alla gamma di luce di 13.000 (a causa della dispersione di stelle simili lì), afferma l’articolo.

Strada romana.  Foto: AFP

Strada romana. Foto: AFP

Gli scienziati ipotizzano che la maggior parte di queste altre civiltà ancora oggi nella galassia possa essere giovane. Come si suol dire, la vita intelligente sarà probabilmente spazzata via per lunghi periodi di tempo. I ricercatori affermano che anche se la galassia raggiungesse il culmine della sua civiltà più di cinque miliardi di anni fa, la maggior parte delle civiltà che esistevano in quel momento probabilmente si sarebbero autodistruggute.

Quest’ultima parte è la variabile più ambigua da contribuire; Quante volte le civiltà si autodistruggono? Tuttavia, è anche importante per determinare l’estensione della civiltà, notano i ricercatori. Se una civiltà è stata distrutta in un secolo qualsiasi, ad esempio a causa di un olocausto nucleare o per la fuga dal cambiamento climatico, significa che la stragrande maggioranza delle civiltà avanzate nella Via Lattea non esiste più.

READ  I buchi neri sono reali? Questi cinque indizi dicono di sì!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *