Un meteorite vulcanico è stato trovato più vecchio della Terra stessa

I ricercatori A. meteora Circa 2 milioni di anni più vecchio del pianeta Terra. La roccia è stata trovata l’anno scorso nel mezzo del deserto del Sahara in Algeria e un team di scienziati francesi e giapponesi ne ha analizzato la struttura. Secondo i risultati dello studio, il meteorite si è formato durante le prime ere del sistema solare.

Il team ha stabilito che la sua formazione è avvenuta attraverso processi vulcanici e ha impiegato almeno 100.000 anni per raffreddarsi e solidificarsi. Per questo motivo, l’ipotesi è che la roccia faccia parte di un pianeta primordiale che fu distrutto prima di essere colonizzato.

Rara composizione

Il meteorite, chiamato Erg Chech 002 (o EC 002), ha una composizione molto strana e rara. Sebbene la maggior parte dei meteoriti vulcanici trovati sulla Terra siano fatti di basalto, sono composti da andesite. Questa roccia è concentrata nelle zone di subduzione, cioè dove le placche tettoniche si scontrano e vengono spinte sotto l’altra.

A. Irving / Riproduzione

Poiché è così antico, contiene importanti informazioni sul processo di formazione del pianeta. Nonostante ciò, incrociando i dati degli elementi che compongono EC 002 e le informazioni disponibili sugli asteroidi, il team non ha trovato nulla di coerente con la formazione del meteorite.

“Questa meteora è Magmatico Il più antico è stato finora analizzato e fa luce sulla formazione di croste primordiali che coprivano i protopianeti più antichi “.

Il meteorite più antico mai scoperto

Analizzando gli isotopi di alluminio e magnesio nell’EC 002, il ricercatore Jean-Alix Barrat e colleghi hanno scoperto che questi due metalli si sono cristallizzati circa 4.565 miliardi di anni fa. Dato che l’età stimata della Terra è di 4.540 miliardi di anni, il meteorite vince in termini di età.

READ  Astronomia: una nuova supernova che deve essere osservata dalla stessa sedia

Questa è la prima volta che i geologi hanno rocce così antiche per studiarle, il che indica che nei prossimi anni verranno pubblicate nuove scoperte su questo meteorite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *