Ricostruzione del suo ambiente nel nord della Francia 123.000 anni fa

Ricostruzione del suo ambiente nel nord della Francia 123.000 anni fa

Per molto tempo si è pensato che i Neanderthal non fossero adattati alle fitte foreste temperate che coprivano l’Europa nordoccidentale durante l’ultimo periodo glaciale. Dopo 20 anni di ricerche sul sito di Caors (Piccardia), possiamo confermare il contrario. Uno sguardo ai principali risultati di questi studi, alcuni dei quali sono stati recentemente pubblicati Sintesi.

Negli ultimi 2,6 milioni di anni, il clima della Terra è stato…Periodi glaciali e interglaciali alternati. Come suggerisce il nome, i periodi glaciali sono fasi fredde durante le quali i ghiacciai erano più sviluppati ai poli e sulle montagne. Dura in media 80mila anni. Al contrario, i periodi interglaciali sono periodi caldi, simili a quelli odierni. Sono più brevi (circa 20.000 anni).

Nell'Europa nordoccidentale, in particolare in Francia, la presenza dei Neanderthal era ben documentata da almeno 250.000 anni fa, fino alla loro scomparsa circa 30.000 anni fa. Tuttavia, questa parte del continente appariva deserta durante l'ultimo periodo interglaciale, tra 130.000 e 115.000 anni fa, suggerendo ad alcuni autori che i Neanderthal non fossero in grado di adattarsi all'ambiente forestale caratteristico di questo periodo nella regione. Era anche chiamato “l'uomo freddo”!

Cowers, un sito meraviglioso per la ricostruzione ambientale antica

A Cour, sulle rive dello Skardon, piccolo affluente della riva destra della Somme, si sono accumulati depositi calcarei di spessore compreso tra tre e quattro metri. È una roccia sedimentaria che si deposita alla comparsa di alcune sorgenti o in corsi d'acqua poco profondi. La sua composizione è favorita da condizioni climatiche moderate e umide, di tipo glaciale. Le 20 datazioni effettuate con vari metodi danno a questo lastrone un'età di circa 123.000 anni, cioè durante l'ultima era glaciale. Durante questo periodo, chiamato Eemien, ci vollero diverse migliaia di anni perché il tufo si formasse completamente.

READ  Ecco cosa dice la scienza

Alla base del sedimento abbiamo scavato Diversi livelli archeologici È spesso solo pochi centimetri, ma è ricchissimo di resti di grandi mammiferi consumati dai Neanderthal. Nel menu c'erano cervi, daini, cinghiali e persino rinoceronti della prateria! Questi grandi erbivori riflettono anche un clima temperato tra le ere glaciali.

Veduta dello scavo archeologico di Kaur (estate 2008): livelli paleolitici scoperti sotto diversi metri di calcare.
Julie Dabkowski, Fornito dall'autore

Ricostruisci paesaggi usando gusci di lumache

Andando oltre, i gusci dei molluschi (chiocciole e limacce) rappresentano un tesoro inaspettato per i ricercatori. Basta un piccolo pezzo per determinare a quale specie appartiene il guscio e ogni lumaca ha esigenze ambientali specifiche. Lo studio di questi fossili è chiamato fossilizzazione malacologiaFornisce quindi informazioni sull'ambiente in cui vivevano. A Kaur, le conchiglie sono abbondanti e conservate quasi continuamente in spessori di tufo di tre o quattro metri, e non solo a livello archeologico. Permettono quindi di ricostruire l'evoluzione dell'ambiente del sito in un modo senza precedenti durante l'era glaciale Eemiana, e non solo al momento dell'occupazione del sito da parte dei nostri cugini preistorici.

Alla base dei sedimenti, i resti di molluschi mostrano innanzitutto il passaggio dalla fine della precedente era glaciale a condizioni più permissive. Notiamo in particolare la successiva comparsa di specie di lumache caratteristiche dell'ambiente forestale. Il periodo di maggiore biodiversità di molluschi corrisponde allo stadio di massimo sviluppo della foresta interglaciale. Notiamo quindi che era particolarmente denso all'epoca della più importante occupazione del sito da parte dei Neanderthal. Il numero e la diversità delle conchiglie poi diminuiscono nel resto della documentazione geologica. Le specie di molluschi conservate nella parte superiore dei depositi di tufo indicano condizioni più fresche e un paesaggio più aperto che doveva somigliare a un prato punteggiato da boschetti di alberi.

READ  Stato delle acque sotterranee al 1 luglio 2022 (BRGM)
Gusci di lumaca bloccati nella roccia nel sito archeologico
Queste conchiglie a spirale, tipiche delle foreste, sono straordinariamente conservate nel tufo di Kaur, vecchio di 123.000 anni.
Nicole Le Mondine Lozoit, Fornito dall'autore

Collegare il clima del passato e l’ambiente

Inoltre, alcune proprietà chimiche dell'argilla calcarea riflettono le condizioni climatiche al momento della sua formazione. Poi parliamo di analisi geochimiche. Possiamo così ricostruire i cambiamenti climatici contemporanei a partire dagli sviluppi ambientali. Il graduale aumento della temperatura e dell'umidità durante il primo Eemiano coincide con lo sviluppo della foresta di Cowers. Quindi durante l'optimum climatico interglaciale, cioè quando le condizioni climatiche registrate nel tufo sono le più calde e umide, la foresta è la più fitta. Infine, diminuisce man mano che il clima si raffredda.

Queste osservazioni possono sembrare logiche, ma questa è la prima volta che siamo in grado di dimostrarlo con certezza! Infatti, è molto raro che, nello stesso deposito geologico, si abbiano registrazioni complementari di cambiamenti ambientali (qui grazie alla patologia) e di cambiamenti climatici (attraverso lo studio geochimico). La zattera Kaur è oggi un riferimento europeo per la conoscenza dell'era glaciale Eemiana.

Una migliore comprensione delle condizioni di vita dei Neanderthal

La presenza di livelli di occupazione del Paleolitico medio è in realtà la ciliegina sulla torta! Essa permette di determinare con precisione, nel tempo, i successivi passaggi dei Neanderthal, dall'inizio dell'Eemiano, ma anche e soprattutto durante il Pleistocene Massimo. I resti archeologici che abbiamo trovato sono principalmente ossa di grandi mammiferi che mostrano segni di taglio e rottura intenzionali di ossa lunghe per estrarre il midollo. Così i Neanderthal si stabilirono a Cowers per fare a pezzi gli animali cacciati nella valle circostante. Abbandonò anche gli strumenti da taglio fatti di pezzi di selce che venivano utilizzati in questa attività nel sito.

READ  Quando si invecchia, svegliarsi presto è comune, ma ci sono consigli per dormire

Non vi è più alcun dubbio possibile: i Neanderthal sapevano adattarsi all'ambiente forestale. La sua cospicua assenza dalla Francia settentrionale durante l'era emaniana riflette in realtà la mancanza di siti scoperti fino a quel momento in questo periodo. Dall'inizio delle nostre ricerche a Kaur, circa vent'anni fa, sono venuti alla luce anche altri due siti dello stesso periodo: Ministro Nel nord e Motivo All'alba. Così la nostra conoscenza degli insediamenti neanderthaliani nell’Europa nordoccidentale durante l’ultima era glaciale continua a crescere…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *