La NASA invierà due missioni su Venere per la prima volta in più di 30 anni

L’agenzia ha selezionato due nuove missioni robotiche per esplorare il mondo infernale di Venere, il vicino della Terra e la seconda dal Sole, ha annunciato mercoledì il direttore Bill Nelson. Le due missioni, DAVINCI+ e VERITAS, erano tra le quattro proposte in competizione nell’ultimo round del Discovery Program della NASA, che gestisce missioni di esplorazione planetaria più piccole con un budget ridotto di circa 500 milioni di dollari ciascuna.

“Queste due missioni gemelle mirano a capire come Venere sia diventata un mondo infernale in grado di fondere il piombo in superficie”, ha detto Nelson durante il suo primo discorso sullo “Stato della NASA” presso la sede dell’agenzia a Washington, DC, mercoledì. “Forniranno all’intera comunità scientifica l’opportunità di esplorare un pianeta che non visitiamo da più di 30 anni”.

DAVINCI+, il cui lancio è previsto intorno al 2029, sarà la prima missione guidata dagli Stati Uniti nell’atmosfera di Venere dal 1978, quando la missione Pioneer II della NASA si tuffò nelle nuvole di Venere per studi scientifici. La navicella volerà vicino a Venere due volte per scattare foto ravvicinate della superficie del pianeta prima di far esplodere una sonda automatizzata nella sua spessa atmosfera per misurare i suoi gas e altri elementi.

Un’immagine di Venere scattata dalla sonda solare Parker della NASA la scorsa estate mostra il misterioso lato notturno del pianeta e rivela una visione sorprendentemente chiara della sua superficie.
NASA / Johns Hopkins APL / Laboratorio di ricerca navale / Guillermo Steinborg e Brendan Gallagher

prenditi cura del fiore rosa L’anno scorso durante una revisione della NASA delle quattro missioni, quando un team internazionale separato di ricercatori Risultati pubblicati che gas nocivi, fosfina, potrebbe essere stato fluttuante nelle nuvole di Venere – una teoria intrigante che ha suggerito i primi segni di vita extraterrestre, dal momento che si sa che la fosfina è prodotta principalmente da organismi viventi. Ma altri ricercatori hanno contestato i risultati del team, lasciando aperta la teoria della fosfina. L’affondamento di DAVINCI+ nell’atmosfera di Venere potrebbe risolvere definitivamente questo mistero.

Quando la ricerca è stata pubblicata, l’ex amministratore della NASA Jim Bridenstine ha detto: “È ora di dare la priorità a Venere”. Thomas Zurbuchen, direttore associato della scienza alla NASA, afferma: il bordo che sebbene le due sonde potessero aiutare a confermare la ricerca sulla fosfina, sono state scelte per il loro valore scientifico, il programma proposto e altri fattori indipendenti dai risultati della fosfina.

La seconda missione, VERITAS, è una sonda il cui lancio è previsto intorno al 2028, poco prima di DAVINCI+. Orbiterà intorno a Venere e mapperà la sua superficie proprio come ha fatto la sonda Magellan della NASA per quattro anni a partire dal 1990, ma con una messa a fuoco più nitida darà agli scienziati un quadro migliore della storia geologica del pianeta. Utilizzerà il radar ad apertura sintetica e il tracciamento dell’elevazione della superficie per “creare ricostruzioni 3D della topografia e confermare se processi come la tettonica delle placche e il vulcanismo sono ancora attivi su Venere”, secondo la NASA. Egli ha detto nella situazione attuale.

Un’altra telecamera su VERITAS sarà sensibile a una lunghezza d’onda che potrebbe rilevare segni di vapore acqueo nell’atmosfera di Venere, che, se rilevati, potrebbero indicare che i vulcani attivi sono in eruzione sulla superficie del pianeta molto tempo fa.

Prese insieme, le due missioni mostrano che la NASA sta finalmente lavorando su Venere, un pianeta caldo e caldo lontano da altri pianeti più scientificamente conosciuti come Marte. Le due missioni di classe discovery che hanno gareggiato con DAVINCI+ e VERITAS erano TRIDENT, che avrebbe studiato la luna ghiacciata di Nettuno, Tritone, e Io Volcano Observer (IVO), che avrebbe studiato le forze di marea sulla luna di Giove Io.

Le missioni gemelle su Venere mirano a contrastare la possibilità che un giorno il pianeta possa essere abitabile. “Venere è più vicina al sole, è una casa calda ora, ma un giorno avrebbe potuto essere diverso”, afferma Thomas Wagner, capo del Discovery Program della NASA. il bordo. Studiare da vicino l’atmosfera del pianeta potrebbe fornire agli scienziati indizi su come si è evoluta nel tempo per consentire a Venere di diventare il mondo infernale che è oggi, con temperature superficiali di circa 900 gradi Fahrenheit.

Le missioni potrebbero anche aiutare gli scienziati a imparare a guardare gli esopianeti e i pianeti lontani in altri sistemi solari. Sebbene Venere sia calda e inabitabile, si trova nella regione di Riccioli d’oro del nostro sistema solare, un termine che gli scienziati usano per descrivere la posizione degli esopianeti le cui distanze dal Sole sono nel posto giusto per promuovere la vita. Venere potrebbe essere un modello, proprio accanto alla Terra, per aiutarci a capire gli esopianeti lontani, dice Wagner. La distanza del pianeta dal nostro sole solleva anche domande altrettanto interessanti sul motivo per cui Venere si è rivelata l’inferno che è oggi.

“Poiché Venere si trova nella regione dei fili d’oro, vogliamo sapere cosa è successo su Venere”, afferma Wagner.

READ  Covid: vedere l'elenco delle malattie che danno la priorità al vaccino - vaccini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *