UBS: un boom delta potrebbe interrompere i crediti deteriorati delle banche? – Il…

ah Eleftherias Kortali

L’emergere del boom delta ha posto nuove sfide per le economie durante la tanto attesa riapertura, osserva UBS in un nuovo rapporto che esamina se questa nuova epidemia di pandemia potrebbe colpire le banche europee, portando a un aumento dei prestiti in sofferenza. Conclude che questa nuova ondata non è “sufficiente” per innescare il rilascio di prestiti rossi in Europa, sottolineando i significativi progressi che la Grecia ha compiuto in prima linea nella riduzione dei crediti deteriorati, che spicca tra i paesi della periferia europea.

Più specificamente, come sottolinea la banca svizzera, la resilienza dei sistemi sanitari è un fattore critico che alla fine determinerà se i paesi di tutto il mondo continueranno ad “aprirsi” o torneranno a severe restrizioni alla circolazione.

Secondo la Banca Svizzera, i dati attuali mostrano che i vaccini funzionano per ridurre i ricoveri e proteggere i sistemi sanitari. Più del 40% della popolazione è stato vaccinato con almeno una dose. Tassi molto bassi di pazienti ospedalieri, all’1-10% dei peggiori livelli in Italia nel 2020 e nel Regno Unito e in Spagna quest’anno, durante questa pandemia. Il Regno Unito, il Portogallo, Cipro e Israele possono essere considerati punti di riferimento globali per la continua efficacia dei vaccini nella protezione della capacità ospedaliera.

UBS osserva che dall’inizio della pandemia 877 miliardi di euro di debito delle imprese e delle famiglie dell’UE sono stati sospesi dagli interessi o dai pagamenti, ma in questo caso rimangono solo 203 miliardi di euro (che saranno gradualmente eliminati entro la fine dell’anno).

Inoltre, come sottolineato, ci sono due ottime notizie per le banche europee ma anche per gli investitori.

READ  Verso una tassa globale sulle multinazionali

In primo luogo, la maggior parte delle imprese e delle famiglie è uscita dal sistema della moratoria.

In secondo luogo, la quota di prestiti bancari dell’UE ancora in arretrato è modesta, solo l’1,1%. La Germania (0,1%), i Paesi Bassi (0,1%) e la Francia (0,3%) hanno quote molto basse nelle retribuzioni per le vacanze, mentre Grecia (1,1%) e Spagna (1,9%) sono i migliori nella regione dell’UE. Su questo fronte, include Portogallo (13,8%) e Italia (3,6%), con la maggior parte dei prestiti alle imprese che non iniziano a tornare alla normalità in termini di pagamenti di interessi e capitale.

κλ

Nella maggior parte dei paesi, il settore non finanziario sta andando peggio di quello delle famiglie in termini di uscita dalla dotazione. Portogallo e Italia, infatti, hanno registrato i risultati peggiori, con il 19,9% e il 13,4% rispettivamente di prestiti bancari a società al di fuori del settore finanziario ancora sospesi.

[[[[

I crediti deteriorati aumentano nei settori a rischio, ma diminuiscono nel complesso

I crediti in sofferenza si spostano a livelli più elevati nell’ambiente influenzato dal debitore. In termini di crediti ancora in essere, le sofferenze sono aumentate nel primo trimestre 2021 al 3,9% (+0,6% t/t). Per quanto riguarda i crediti in sospensione, le sofferenze sono salite al 4,5% (+0,5%) nel primo trimestre. Tuttavia, queste due categorie rappresentano solo il 4,6% di tutti i prestiti nell’UE. Per i crediti non sospesi, le sofferenze nel primo trimestre sono scese al 2,4% (-0,1%).

Così, come sottolineato, il totale delle sofferenze delle banche nel primo trimestre dell’anno è sceso al 2,5% (-0,1%). Secondo UBS, non c’è “transizione” in Europa in termini di crediti deteriorati da industrie gravemente colpite dalla pandemia a debitori non colpiti da COVID, mentre la liquidità del settore privato sta facilitando la vendita di crediti deteriorati esistenti nell’UE regione, soprattutto in Grecia e in Italia. Il calo dei crediti deteriorati nel settore manifatturiero, immobiliare e del commercio all’ingrosso/al dettaglio è facilmente compensato dall’aumento dei crediti deteriorati nei settori del turismo, della ristorazione, dell’arte, dello spettacolo e del tempo libero.

READ  Le 20 squadre di calcio più preziose del mondo

[[[[

Secondo UBS, l’aumento dei casi di COVID non sarà sufficiente per aumentare significativamente i crediti deteriorati delle banche dell’UE. Per giungere a questa conclusione, la banca svizzera ha utilizzato le seguenti ipotesi:

1) che le sofferenze da differimento dei prestiti saliranno a livelli record del 6,8% (dal 3,9 al 4,5% odierno), e

2) Se ipotizziamo che non ci sarà un’ulteriore riduzione delle sofferenze per i prestiti non sospesi, il totale delle sofferenze aumenterà solo dal 2,5% al ​​2,7%.

A meno che non ci sia un boom di COVID che metterà sotto pressione i sistemi sanitari e ciò che gli ospedali possono gestire, sembra improbabile che i casi crescenti del boom colpiscano i delta delle banche europee, secondo UBS.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *