Coronius: Cosa succede al lavoro scolastico nel mondo durante una pandemia

La maggior parte dei paesi in Europa e in America sono in uno stato di misure draconiane prolungate per prevenire la trasmissione di SARS-CoV-2. Guardando alle vacanze, si trovano ad affrontare un serio dilemma se il quadro epidemiologico di ogni paese consenta un ritorno alla vita quotidiana e se il ritorno alla vita quotidiana avrà un impatto significativo sul decorso post-epidemia subito dopo le vacanze.

In questo contesto, c’è un forte dibattito sul funzionamento delle strutture educative e sugli sforzi per ripristinare l’apprendimento permanente entro il 2021.

Il processo “deep freeze” per i vaccini

I dati sul funzionamento scolastico nella fase della seconda ondata dell’epidemia di COVID-19 sono stati riassunti dai medici della Clinica Terapeutica della Scuola di Medicina dell’Università Nazionale e Kapodistriana di Atene, Theodora di Saltopoulou, Giannis Danassis e Tanos Dimopoulos (Presidente di EKPIA).

Cosa sta succedendo in Europa e negli Stati Uniti

Nel BelgioLe scuole rimangono aperte. In Danimarca, scuole e università erano precedentemente aperte, ma chiuderanno da Natale a più tardi.

a FranciaIl paese prevede di revocare molte delle misure restrittive se il numero giornaliero di casi scende al di sotto di 5.000 al giorno. Tuttavia, questo limite non è stato raggiunto e sono ancora in vigore misure rigorose. Durante la seconda ondata dell’epidemia, la Francia ha scelto di non chiudere le scuole per ridurre l’impatto accademico dell’epidemia.

La Francia ha dimostrato che le istituzioni educative possono rimanere aperte anche se ristoranti e bar rimangono chiusi.

Al contrario, su Stati Uniti d’AmericaCittà come Chicago, Boston e San Francisco hanno scelto di chiudere le scuole e mantenere aperti ristoranti e bar. In Francia il tasso di positività alla SARS-CoV-2 nelle scuole è dell’11% e resta aperto, mentre a New York si è deciso di chiudere le scuole con solo il 3% di test positivi.

READ  Sono iniziate le vaccinazioni anche in Italia Ambiente e Scienza DW

I bambini piccoli non sono coinvolti in modo significativo nella diffusione di COVID-19. In effetti, sono stati osservati solo focolai isolati e non vi è stata trasmissione diffusa nelle scuole francesi.

Dall’inizio di dicembre, i casi sono stati aperti Germania Ha iniziato ad aumentare, quindi dal 16 dicembre sono state prese ulteriori misure per prevenire la trasmissione di SARS-CoV-2, compresa la chiusura delle scuole entro il 10 gennaio. Anche in Italia le scuole resteranno chiuse fino al 7 gennaio.

Si stima che dopo il 7/1/2021 almeno il 75% degli studenti potrà tornare alle lezioni. a OlandaIn questo contesto, continuano ad essere in atto misure per prevenire la trasmissione di SARS-CoV-2 e le scuole rimarranno chiuse almeno fino al 17 gennaio, ad eccezione degli studenti che si preparano agli esami e degli studenti con disabilità. Al contrario, in Regno Unito Sia le scuole che le università rimarranno aperte con restrizioni, sebbene sia consigliato il lavoro a distanza.

Tuttavia, entro il 2021, tutti i paesi cercheranno di riportare le strutture educative al lavoro normale, sempre a seconda del quadro epidemiologico di ciascun paese.

Fonte: ΑΠΕ-ΜΠΕ

La scommessa della conferenza multilaterale sul Mediterraneo orientale

Seguire Nel Google News E sii il primo a conoscere tutte le novità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *