Il recupero economico dell’Italia meridionale non è avvenuto

Il titolo è in caratteri grandi e interseca l’intera larghezza della pagina su due righe. Siamo il 13 settembre 1972 e Corriere della Sera Ha brutte notizie da condividere con i suoi lettori. “Il divario tra Nord e Sud non sarà colmato fino al 2020.” Garantisce, in tono allarmante, il grande giornale della borghesia lombarda.

Con quasi mezzo secolo di senno di poi, e mentre il problema della scissione tra Nord Italia e Mezzogiorno sembra più difficile che mai, questa previsione ha qualcosa per cui sorridere. Secondo l’Istituto Nazionale di Statistica (Istat), nel 2019 il PIL delle regioni nord-occidentali della penisola ha superato i 35mila euro a persona. Quelle del sud e delle isole (Sardegna e Sicilia) hanno raggiunto il picco a 18.500, circa la metà.

L’articolo è riservato ai nostri iscritti Leggi anche Nell’Europa meridionale l’epidemia ha spazzato via economie già estremamente fragili

Aspettative Corriere della Sera Quindi furono crudelmente respinti. Recuperare il ritardo non è chiaramente per domani. Oltre a questa ovvia osservazione, l’articolo pubblicato dal quotidiano milanese quasi cinquant’anni fa attesta, quasi ingenuamente, con certezza: che c’è qualcosa di inevitabile. “Catturare” Il sud ha avuto inizio nelle regioni più ricche del paese, che culminerà nel processo di unificazione nazionale nel XIX secoloe Un secolo finirà assicurando l’Italia in prima linea tra le potenze economiche europee.

Regionalizzazione catastrofica

Questa promessa, che è stata al centro dei discorsi dei Padri dell’Unità d’Italia, ha continuato ad essere regolarmente ribadita per tutto il XX secolo.e Un secolo, sembra essere svanito alla fine del secolo scorso. “Dalla metà degli anni ’90, lo Stato ha dovuto affrontare il grande problema del debito pubblico, ha cominciato a vivere giorno per giorno, investendo principalmente nelle regioni più forti del Paese, dove l’interesse sembrava più immediato”. Spiega l’economista Gianfranco Vesti, specialista del problema del nord e del sud italiano.

READ  In lutto per l'immigrato trincerato sulle montagne d'Italia

Nel 2000, Continua, Gli investimenti nel sud e nelle isole ammontano a 24 miliardi di euro all’anno. In confronto, la media per gli anni 2017-2019 era di soli 12 miliardi. ” Il risultato di questa selezione può essere letto osservando una semplice mappa delle reti di trasporto, che mostra i deboli collegamenti con Salerno meridionale (Campania).

L’articolo è riservato ai nostri iscritti Leggi anche Per i giovani dell’Est, l’Europa rappresenta la speranza di una vita migliore

Ma è diventato più chiaro durante la seconda ondata dell’epidemia di Covid-19, in autunno, quando le strutture delle regioni meridionali del Paese, soprattutto quelle campane e calabresi, erano sull’orlo del collasso, sebbene il numero dei pazienti, rispetto alla popolazione, fosse rimasto molto inferiore al numero delle regioni settentrionali. .

Hai il 44,4% di questo articolo da leggere. Il resto è solo per gli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *