I nostri giocatori sotto i riflettori al Sei Nazioni nel 2021: tre principianti e due rimpatriati.

L’attesa finirà finalmente sabato, il Sei Nazioni inizierà nel 2021. Abbiamo esaminato i turni delle squadre per te e ti abbiamo portato i nomi più eccitanti di cui probabilmente non hai mai sentito parlare prima. I nostri TR Top 5 non sono tutti nuovi arrivati, ma a causa della loro forma dovrebbero diventare pilastri importanti dei loro team. La scorsa settimana vi abbiamo già presentato un XV delle superstar scomparse (Link). Qui puoi trovare il calendario del Sei Nazioni con tutte le date e commentatori (link).

Paolo Odogwu (23 anni, tre quarti di distanza, Vespe, Inghilterra)

Una delle più grandi sorprese per la squadra del Sei Nazioni sono stati i tre quarterback dei Wasps, alti appena 1,74 m. Non che non meriti una nomination con le sue performance spettacolari. Ma il Ct dell’Inghilterra Eddie Jones generalmente non è molto interessato alla forma attuale dei suoi protetti in Premiership. Odogwu attesta all’allenatore del vice campione del mondo un “istinto che non si può allenare”.

I cinici affermano che Jones ha nominato Odogwu solo per impedirgli di viaggiare in Italia. Odogwu, cresciuto in Inghilterra con genitori italo-nigeriani, è stato recentemente corteggiato dagli Azzurri. Se la vertiginosa ascesa delle vespe lontano da casa continuasse, l’Inghilterra avrebbe un asso nella manica con lui.

Paolo Odogwu è stato un punto fermo nella Premiership inglese nelle ultime settimane

L’esterno robusto e tozzo ha attirato l’attenzione per la prima volta nel 2019 alla Premiership 7, quando ha segnato il maggior numero di tentativi. Nella stagione regolare, Odogwu ha impiegato un po ‘per affermarsi: in tre anni a Sale, ha fatto solo 29 partite e sette tentativi.

Ma almeno da quando si è trasferito a Wasps, i successi del 23enne sono esplosi. In sole otto partite in questa stagione, ha fatto tanti tentativi quanti in tre anni di vendita. La tripletta contro Bath ha fatto sì che il suo nome fosse sulla bocca di tutti. In un’intervista, si è dispiaciuto di aver prorogato il contratto solo pochi giorni prima della sua esibizione di gala e ha scherzato dicendo che “questa settimana avresti dovuto aggiungere di nuovo uno zero”.

Al Sei Nazioni dovrebbe giocare per la prima volta contro l’Italia e quindi la patria di suo padre. Perché sebbene abbia fatto notizia con tappe, gare e tentativi spettacolari, rimane in gran parte una tabula rasa e per le sue dimensioni dovrebbe essere l’obiettivo di molti calci tattici.

READ  Nuovo progetto Dpcm per il 4 dicembre: viaggio e cena. Divieti e cosa si può fare a Natale

Cameron Redpath (21, Bath Rugby, Inner Three Quarter, Scozia)

Si potrebbe pensare che per il figlio di una leggenda scozzese come Bryan Redpath, sarebbe considerata solo la nazionale scozzese. Suo padre ha giocato per i Bravehearts 60 volte dal 1993 al 2003. Il suo Cameron può giocare per tre squadre nazionali proprio per l’illustre carriera del padre.

È nato a Narbonne, in Francia, quando suo padre Bryan giocava per l’RC locale (l’attuale club Adler-Verbinder Raynor Parkinson) e lo ha seguito per otto anni nelle sue stazioni in Inghilterra a Sale e Gloucester. Crescendo in questo modo, Redpath ha un accento più inglese, ma in Scozia ovviamente sei sempre felice che la donna di grande talento abbia scelto la Scozia.

Cameron Redpath con una meta contro i Vespe in un match in cui Paolo Odogwu ha segnato una tripletta

Perché nel campo giovanile, Redpath ha giocato per l’Inghilterra e ha segnato una meta contro la Scozia nel torneo Sei Nazioni Under 20 nel 2019. Si era guadagnato gli elogi dall’allenatore dell’Inghilterra Jones e doveva unirsi alla squadra inglese come giocatore di sviluppo, che era prevenuto solo da lesioni. Ora tocca alla Scozia, che può davvero usare il proprio talento in 12 ° posizione.

Redpath è una sorta di ibrido di un potente interno alla Tuilagi e un potente interno di tre quarti basato sul modello di Owen Farrell. Dopo che l’abbinamento indoor per gli scozzesi ha continuato a cambiare negli ultimi anni, Redpath potrebbe rimanere bloccato in tempi relativamente brevi. È dubbio che il tecnico Stuart Townsend lancerà il giovanissimo Redpath direttamente contro l’Inghilterra nel primo weekend del Sei Nazioni.

Harry Randall (23, Gedrängehalb, Bristol Bears, Inghilterra)

L’Inghilterra ha i giocatori di rugby più attivi di tutti i paesi del pianeta. Ciò si riflette anche nell’incredibile profondità della squadra nazionale. Eddie Jones ha una selezione di giocatori di livello mondiale in ogni posizione che quasi ogni altro allenatore al mondo invidia con un’eccezione. Per quello che sembra un’eternità, Ben Youngs è stato al nono posto senza brillare. Al contrario, negli ultimi due anni Youngs ha ripetutamente mostrato prestazioni contrastanti e non è più considerato incontrastato nel pubblico del rugby inglese.

Ma finora Jones ha continuato a fidarsi del giovane e concede agli altri concorrenti solo un tempo di gioco limitato, se non del tutto. Oggi, un 23enne si prepara a succedere a Ben Youngs. Resta da vedere se Harry Randall è la risposta inglese al problema dei nove inglesi. Ad ogni modo, è un pilota dinamico del gioco dei suoi Bristol Bears e porterà quella dinamica anche sulla maglia inglese, purché non sia infilato in un corsetto tattico troppo stretto da Jones.

READ  Pedull: "Il Napoli ha fatto un'offerta unica! Offerta originale. E 'a Gattuso"

Randall, che è alto solo un metro e mezzo e snello anche per un nove, è noto per le sue corse di supporto e la sua capacità di uscire rapidamente dal gioco da qualsiasi situazione. Se Eddie Jones stava solo cercando un pugile solido sui nove, avrebbe potuto superare Randall. Forse l’Inghilterra si allontanerà dalle loro tattiche estremamente noiose con l’asso del Bristol. Se Randall vince, puoi considerarti fortunato in Inghilterra: con i nonni gallesi Randall avrebbe potuto giocare per il Galles, come il compagno di squadra di Bristol Callum Sheedy.

Arthur Vincent (21 anni, tre quarti dentro, Montpellier, Francia)

Certamente, Vincent non è un assoluto nuovo arrivato nella squadra francese. Il protagonista delle due squadre ai Mondiali U20 2018 e 2019 ha esordito la scorsa stagione nel Sei Nazioni nella partita dei Blues contro l’Italia. Ma ora Vincent probabilmente diventerà più importante che mai per i Blues: una settimana prima del torneo, la squadra francese ha ricevuto il messaggio che il giovane centro aveva ancora più responsabilità. Con la sconfitta per infortunio di Virimi Vakatawa, Vincent deve compiere passi da gigante.

https://www.youtube.com/watch?v=6dCPwho03Ok

Arthur Vincent con una grande meta per il suo club di Montpellier

Con la sua velocità, ritmo ed entusiasmo, Vincent è un ottimo candidato per questo, ma resta da vedere se sarà in grado di gestire la pressione. Più di recente, i primi 14 club non se ne sono andati affatto: il Montpellier è dalla parte sbagliata del tavolo, dato il budget enorme e le sue stesse esigenze. Nel campo della Francia, invece, c’è un’atmosfera completamente diversa, dove vogliono vincere il primo titolo del Sei Nazioni in undici anni.

Gary Graham (28, ottavo, Newcastle Falcons, Scozia)

Un altro figlio di una star scozzese che aleggiava tra l’Inghilterra e la Scozia. Graham è stato attivo negli Under 20 scozzesi nel 2012 per tre anni nella Seconda Divisione inglese e ha giocato per i Jersey Reds, la squadra di una delle Isole del Canale. Graham era molto lontano da entrambe le squadre nazionali e ha giocato solo nel campo degli allenatori nazionali di Inghilterra e Scozia dopo il suo trasferimento al Newcastle.

READ  Grande Fratello Vip, Franceska Pepe eliminata: dubbi sul televoto

Tripla piroetta dell’attaccante della terza fila Graham in azione per il Newcastle

Nel 2018 è stato nominato solo nella rosa allargata dell’Inghilterra, ma l’ottavo di 1,88 m ha deciso all’ultimo minuto ed è finito nella rosa scozzese. Da allora non è bastato per una vera svolta, anche a causa degli infortuni. Ma nelle ultime settimane Graham ha giocato eccezionalmente per il neopromosso Newcastle, che attualmente supera tutte le aspettative nel gruppo di testa della Premiership inglese.

Graham è descritto dai suoi compagni di squadra come “un pazzo che vuole incrociare gli altri a tutta velocità”. Questo è esattamente ciò che è mancato di recente alla squadra scozzese, dove nessuno poteva rimanere ottavo. Se Graham riesce a portare gli scozzesi oltre il limite regolarmente, potrebbe essere il pezzo mancante del puzzle per la squadra dopo che l’allenatore Gregor Townsend lo ha cercato per anni.

James Lowe (28 anni, a tre quarti, Leinster, Irlanda)

James Lowe fa il suo primo Sei Nazioni, ma è tutt’altro che verde dietro le orecchie. Il 28enne ha già giocato contro i Lions britannici e irlandesi e, stranamente, potrebbe giocare per la squadra di selezione quest’estate. Il neozelandese nativo ha già suonato per i Maori All Backs.

L’ex ala di Chiefs non è mai stato nominato per la squadra A della Nuova Zelanda, quindi ha fatto le valigie 3,5 anni fa e si è recato a Dublino. Lowe si è fatto un nome come un rivoluzionario ma veloce outman, tanto che l’Irlanda contava i giorni fino al 13 novembre.

Un fornitore puntuale per Leinster, ancora inesperto a livello internazionale: fuori James Lowe

Perché Lowe è idoneo a giocare per la squadra irlandese dalla metà di novembre dello scorso anno e ha fatto rapidamente il suo debutto autunnale in Nations Cup, che ha concluso con una meta all’ultimo minuto. Tuttavia, ha anche rivelato debolezze nel gioco di posizionamento e solo una settimana dopo contro l’Inghilterra.

Nella sconfitta con il vice campione del mondo, è stato espulso più volte e non è riuscito a mettere gli accenti offensivi come al solito. Lowe è eccezionale nella Pro 14 per il Leinster, ma dovrà ancora trovare un po ‘la sua strada sulla scena internazionale. Nel suo primissimo Sei Nazioni, avrà l’opportunità di farlo.


















occupato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *