L’Austria al 14 ° posto per violazioni del GDPR – l’Italia è in cima alle multe

Rapporto DLA Piper: In Europa sono già state comminate sanzioni per 272,5 milioni di euro per violazioni del GDPR. […]

Sabine Fehringer, partner ed esperta di protezione dei dati presso DLA Piper Weiss-Tessbach. c) DLA Piper Weiss-Tessbach

Secondo l’ultima edizione del rapporto DLA Piper GDPR, dall’applicazione del GDPR il 25 maggio 2018 sono già state comminate sanzioni per 272,5 milioni di euro per un gran numero di violazioni delle severe leggi europee sulla protezione dei dati. La cifra proviene dall’attuale rapporto annuale del GDPR dello studio legale sulle multe e le violazioni della protezione dei dati nei 27 Stati membri dell’UE, nonché in Gran Bretagna, Norvegia, Islanda e Regno Unito.

L’Austria ha segnalato 2.513 violazioni della protezione dei dati di cui le autorità di controllo erano a conoscenza e si sono quindi classificate al 14 ° posto nell’indagine complessiva. L’importo totale delle ammende inflitte è stato di 70.950 EUR. dall’applicazione del GDPR. Seguono Germania e Francia al secondo e terzo posto con multe rispettivamente per 69,1 milioni di euro e 54,4 milioni di euro.

In totale, sono state segnalate più di 281.000 violazioni dei dati dall’applicazione del GDPR il 25 maggio 2018, con Germania (77747), Paesi Bassi (66527) e Regno Unito (30536) in cima alla lista. Francia e Italia, paesi rispettivamente con più di 67 milioni e 62 milioni di abitanti, hanno registrato solo 5.389 e 3.460 segnalazioni di data breach nello stesso periodo, illustrando le differenze culturali nel processo di segnalazione.

Il numero totale di segnalazioni giornaliere di violazione dei dati in Europa ha visto una crescita a due cifre per il secondo anno consecutivo, con 331 segnalazioni al giorno dal 28 gennaio 2020, un aumento del 19% rispetto ai 278 dell’anno scorso.

READ  "Biden non può essere presidente"

Se i risultati sono ponderati in base alle dimensioni della popolazione del paese, l’Austria ha segnalato 9,8 violazioni della protezione dei dati per 100.000 abitanti, rispetto a 10,8 per 100.000 abitanti dello scorso anno.
La sanzione GDPR più alta fino ad oggi è ancora quella di oltre 50 milioni di euro che è stata inflitta a Google dall’autorità francese per la protezione dei dati per presunte violazioni del principio di trasparenza e mancanza di valido consenso.

Tuttavia, alcune altre sanzioni pecuniarie elevate sono state recentemente ridotte o revocate in modo significativo. Dopo due violazioni di alto profilo della protezione dei dati, nel luglio 2019 l’ICO (Information Commissioner’s Office) del Regno Unito ha emesso due lettere di intenti per imporre sanzioni equivalenti a circa 313 milioni di euro. Tuttavia, a seguito di un contraccolpo dell’autorità di vigilanza del Regno Unito, le sanzioni finali sono state ridotte a circa 22,2 milioni di euro ea circa 20,4 milioni di euro nell’ottobre 2020. L’autorità di vigilanza austriaca ha subito una battuta d’arresto quando è stata emessa con successo una multa di 18 milioni di euro nel dicembre 2020 .

Sabine Fehringer, partner ed esperta di protezione dei dati presso l’ufficio DLA Piper di Vienna, commenta: “Quest’anno, i supervisori hanno testato i limiti dei loro poteri e multato un gran numero di violazioni della rigorosa legislazione dell’UE in termini di protezione dei dati. Ma non hanno sempre ottenuto la loro strada, ci sono stati alcuni ricorsi di notevole successo e grandi riduzioni delle ammende imposte. Con le grandi somme in gioco e il rischio di richieste di risarcimento danni legali, ci aspettiamo che continui la tendenza di più ricorsi e una difesa più forte contro l’azione di contrasto. “

READ  Corea del Nord, Kim invia una lettera di scuse a Seoul per l'omicidio di un ufficiale in mare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *