“Al confine franco-italiano, lo Stato commette quotidianamente violazioni dei diritti umani”

Togni notte, nelle Alte Alpi, al passo del Monginevro, uomini, donne e bambini del Medio Oriente, dell’Africa subsahariana o del Maghreb cercano di attraversare a piedi dall’Italia alla Francia, tra la neve e il freddo. Ogni notte, ben equipaggiati, agenti di polizia di frontiera e gendarmi inviati sul posto cercano di impedirli e di riportarli dall’altra parte del confine. Ogni notte, i volontari compiono attività di predoni per portare assistenza a chi, una volta in territorio francese, cerca di sfuggire all’arresto.

Questa strana drammaturgia si ripete da quattro anni, e mentre gli inverni sono particolarmente pericolosi, alcuni degli incidenti più tragici si sono verificati in estate: non c’è tempo sicuro per gli esiliati per perdersi o feriti in questo percorso. ottenere la protezione della Francia o proseguire il viaggio. Aggiungiamo a questo tavolo la presenza di due compagnie di carabinieri e gendarmi incaricati del soccorso in alta montagna che, per la loro nobile missione, sono talvolta paradossalmente portati a intervenire per aiutare gli esuli in fuga dai loro colleghi.

Articolo riservato ai nostri iscritti Leggi anche Sulle Alpi, tra i migranti, “faremo cadere i cadaveri, uno di questi giorni”

La loro azione viene svolta in nome del controllo dell’immigrazione e il presidente della Repubblica ha recentemente ordinato un raddoppio delle forze di sicurezza che sorvegliano i confini.

Ma questa impressionante mobilitazione si rivela sia sproporzionata che inefficace, come riconosciuto da un alto funzionario prefettizio. Sproporzionato, perché riguarda solo da 2.000 a 3.000 passaggi all’anno. Inefficace, perché coloro che vengono restituiti tentano instancabilmente la fortuna fino a quando non hanno successo.

La vera conseguenza dello spiegamento di questo dispositivo è quella di costringere gli esiliati a intraprendere percorsi sempre più pericolosi, fonti di cadute, ferite e congelamento. Sono stati registrati diversi decessi, è stato necessario eseguire amputazioni. La militarizzazione della montagna è quindi solo un gesto vano dello Stato, il cui risultato principale è la messa in pericolo degli esuli, spesso famiglie.

READ  Stefania Orlando: "Volevo davvero parlare con te" - Grande Fratello VIP

“Reato di solidarietà”

Questo gesto è tanto più futile poiché è difficile immaginare che persone che hanno lasciato un Paese in cui non erano al sicuro potessero ritornarvi. Alcuni hanno percorso migliaia di chilometri sulla rotta balcanica, sono stati rinchiusi in famigerati campi sulle isole greche o hanno subito violenze da parte della polizia e delle milizie croate.

Hai il 63,65% di questo articolo da leggere. Il resto è solo per gli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *