La nave umanitaria tedesca “Sea-Watch 3” immobilizzata in Italia

Una nave di soccorso tedesca è stata immobilizzata dalla guardia costiera italiana, l’ONG umanitaria Sea-Watch, che la gestisce, ha riferito lunedì (22 marzo). Nave Sea-Watch 3 è arenata nel porto siciliano di Augusta, dove ha attraccato, con 363 migranti a bordo, il 3 marzo. “Ci accusano ancora di aver salvato troppe persone (…). Avremmo dovuto lasciare morire 363 esseri umani nell’indifferenza delle autorità, che continuano a non offrire alternative alla nostra presenza in mare? “, Sea-Watch ha twittato lunedì.

Il controllo è stato ordinato perché la nave stava violando le norme sulla sicurezza della navigazione, la prevenzione degli incendi a bordo, la protezione dell’ambiente e la formazione dell’equipaggio, da parte loro, ha detto la Guardia Costiera italiana in un comunicato stampa.

Articolo riservato ai nostri iscritti Leggi anche Chi è Carola Rackete, il capitano della nave umanitaria “Sea-Watch 3”?

Allo stesso tempo, ilOcean Viking, un’altra nave umanitaria che ha raccolto 116 migranti la scorsa settimana, è rimasta bloccata in alto mare a sud di Malta, in attesa del permesso di entrare in un porto.

Gateway privilegiato per i migranti

La guardia costiera italiana immobilizza regolarmente le navi delle ONG umanitarie, misura da queste definita ingiustificata e politicamente motivata. Le ONG sono state anche accusate di collusione con trafficanti di migranti libici per sbarcare in sicurezza potenziali immigrati verso le coste europee, cosa che negano fermamente. I pubblici ministeri di Trapani, in Sicilia, hanno aperto un’indagine sulle accuse contro Medici Senza Frontiere e Save the Children, e dovrebbero cercare un processo contro di loro.

L’Italia è una porta privilegiata per i migranti in Europa, ma la rotta marittima tra il Nord Africa e la Sicilia è una delle più letali al mondo. Quasi 530.000 migranti sono sbarcati sulle coste italiane dall’inizio del 2015, di cui circa 6.000 dall’inizio dell’anno, secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni. Da gennaio sono 232 i migranti morti o dispersi durante il viaggio in Italia o Malta, contro i 983 del 2020, aggiunge l’agenzia Onu.

READ  "Grande Fratello Vip 5", candidati al poker: Guenda, Matilde, Andrea e Maria Teresa
Leggi anche Sul “Acquario”, Don Chisciotte del mare

Il mondo con AFP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *