Sydney – Hobart: Temporali, grandine e venti “inaspettati” rovinano la festa

Sydney – Hobart: Temporali, grandine e venti “inaspettati” rovinano la festa

Più di 100 barche sono partite martedì per una nuova edizione della leggendaria regata velica con equipaggio tra Sydney e Hobart, con tempeste in arrivo all'ultimo minuto.

Più di 100 barche sono partite martedì per la nuova edizione della regata Sydney-Hobart.

immagine/ap

Fulmini e pioggia hanno colpito il porto di Sydney pochi minuti prima della partenza, mentre le 103 barche a vela partivano per un viaggio di 628 miglia nautiche (poco meno di 1.200 km) attraverso lo Stretto di Bass.

Tra i candidati c'è il detentore del titolo Supermaxi, Ando Comanche, che detiene il record dell'estenuante traversata fino a Hobart, sulla costa meridionale dell'isola australiana della Tasmania, in un giorno, 9 ore, 15 minuti e 24 secondi, stabilito nel 2018 2017.

Lo skipper della barca, John Winning, ha confermato che la barca lunga più di 100 piedi (circa 30 metri) è “veloce in tutte le condizioni”.

Quest'anno ricorre il 25° anniversario dell'edizione del 1998, rattristata dalla scomparsa di sei partecipanti in seguito ad un temporale. Cinque barche affondarono e 55 marinai furono salvati.

Durante la gara sono attesi temporali “forti”, grandine e venti “imprevedibili”, ha avvertito Gabrielle Woodhouse dell'Australian Meteorology Service in un briefing finale prima della partenza. Ha aggiunto che le barche ancora in acqua venerdì rischiano di affrontare onde di altezza compresa tra tre e cinque metri.

L'equipaggio del Supermaxi LawConnect sembra essere uno dei principali rivali di Andoo Comanche, essendo arrivato secondo nelle ultime tre edizioni.

Il suo pilota, Christian Beck, ha dichiarato a Channel 9 TV: “Voglio sempre vincere la gara, e vincerla alla fine sarebbe un sogno diventato realtà”. “L'inizio è fantastico, e anche la battuta finale è fantastica, quindi adoro tutta la competizione”, ha continuato.

READ  SpaceX ritarda la partenza della capsula Dragon dalla Stazione Spaziale Internazionale, che succede?

In lizza per la vittoria ci sono anche altre due supercar: la SHK Scallywag, che presenta un albero più lungo dopo importanti modifiche, e la Wild Thing 100 entry-level.

Il tempo difficile rende la regata “molto emozionante” per l’equipaggio di SHK Scallywag, ha confermato il suo capitano, David Witt, sui social media.

La regata durerà diversi giorni e vedrà in gara anche decine di piccole barche a vela, la cui classifica dipende da handicap legati alle dimensioni della barca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *