Sui vulcani marziani appare per la prima volta la brina mattutina – rts.ch

Sui vulcani marziani appare per la prima volta la brina mattutina – rts.ch

Per la prima volta è stata scoperta la formazione di brina sui vulcani di Marte, le montagne più alte del nostro sistema solare. Un team internazionale guidato dall’Università di Berna ha pubblicato questa scoperta sulla rivista Nature Geoscience.

Gli scienziati hanno utilizzato immagini a colori scattate dalla fotocamera Cassis (Sistema di imaging a colori e superfici stereo) a bordo dell'ExoMars Trace Gas Orbiter (TGO) dell'Agenzia spaziale europea (ESA), ha dichiarato lunedì l'Università di Berna in un comunicato stampa.

Questo sistema di telecamere è gestito da un team guidato da Nicholas Thomas dell'Università di Berna. CaSSIS monitora la superficie di Marte dall'aprile 2018.

Immagine a colori ad alta risoluzione (4,5 m/pixel) catturata da CaSSIS della brina sul fondo della caldera e sul bordo settentrionale dell'Olympus Mons. Sui pendii ripidi e ben illuminati non c'è gelo. [CC-BY-SA 3.0 IGO/ESA – TGO/CaSSIS]

Grazie a queste immagini a colori ad alta risoluzione, gli scienziati guidati da Adomas Valentinas hanno potuto evidenziare la presenza di gelo in cima alle montagne più alte di Marte, i vulcani Tharsis. (scatola di lettura). Questi vulcani sono le montagne più alte del nostro sistema solare, con il Monte Olimpo che si erge a 26 chilometri sopra le pianure circostanti.

Questa formazione di gelo non era prevista, perché queste montagne si trovano a basse latitudini, vicino all'equatore marziano. Inoltre, la sottile atmosfera di Marte non raffredda abbastanza la superficie, quindi le aree ad alta quota possono diventare calde nelle ore centrali della giornata quanto le aree a bassa quota, cosa che non accade sulla Terra.

>> Gela sul terreno della caldera del vulcano Seraonios Tholos: Brina sul fondo della caldera del vulcano Seraonios Tholos.  (a) Ceraunius Tholus catturato dalla Context Camera del Mars Reconnaissance Orbiter (NASA), con le osservazioni mattutine di CaSSIS sovrapposte nel rettangolo blu.  Questa immagine è vicina all'immagine (B).  Il rettangolo bianco, che delinea un'immagine più ingrandita, è mostrato nell'immagine (C).  L'immagine (D) mostra un'immagine CaSSIS della stessa area acquisita in un altro momento della giornata, quando non c'è gelo.  Le aree congelate sono mostrate in blu. [ESA/TGO/CaSSIS CC-BY-SA 3.0 IGO - ESA/DLR/FU Berlin]
(a) Ceraunius Tholus catturato dalla Context Camera del Mars Reconnaissance Orbiter (NASA), con le osservazioni mattutine di CaSSIS sovrapposte nel rettangolo blu. Questa immagine è vicina all'immagine (B). Il rettangolo bianco, che delinea un'immagine più ingrandita, è mostrato nell'immagine (C). L'immagine (D) mostra un'immagine CaSSIS della stessa area acquisita in un altro momento della giornata, quando non c'è gelo. Le aree congelate sono mostrate in blu. [ESA/TGO/CaSSIS CC-BY-SA 3.0 IGO – ESA/DLR/FU Berlin]

Venti in aumento

Tuttavia, i venti in aumento sollevano l'aria contenente vapore acqueo dalle pianure, che si raffredda e si condensa in alto. Questo è un fenomeno ben noto sulla Terra e su Marte.

>>Leggi anche: Bollettino meteorologico giornaliero per Marte grazie a InSight

“Come possiamo vedere dalle immagini del CaSSIS, i sottili depositi di brina sono presenti solo brevemente, per alcune ore all'alba, prima di evaporare”, afferma Adomas Valantinas, nel comunicato stampa. Fin dalla sua nascita, CaSSIS ha anche fornito osservazioni sull’attività locale della polvere, sui cambiamenti stagionali nella deposizione di ghiaccio di anidride carbonica e sulla presenza di valanghe secche su Marte.

READ  Forti piogge su due città dal dipartimento meteorologico e un forte allarme temporale per quattro regioni

>>Leggi anche: Valanga su Marte fotografata dalla NASA

Il team ha analizzato più di 5.000 immagini dalla telecamera Mars Perian CaSSIS. Questa scoperta è stata convalidata da osservazioni indipendenti effettuate con la fotocamera stereoscopica ad alta risoluzione (HRSC), una delle prime fotocamere stereoscopiche ad alta risoluzione al mondo. Utensili A bordo della navicella spaziale Marte espresso Dall'Agenzia spaziale europea.

Sebbene siano sottili – forse solo un centesimo di millimetro, o lo spessore di un capello umano – le macchie di ghiaccio coprono una vasta area: “La quantità di brina equivale a circa 150.000 tonnellate di acqua che vengono scambiate ogni giorno tra i ghiacci due superfici.” E l'atmosfera della stagione fredda, che equivale a circa 60 piscine olimpioniche”, spiega Adomas Valentinas.

Gli scienziati confermano che comprendere il ciclo dell'acqua su Marte è molto importante per trovare risorse importanti per l'esplorazione umana del Pianeta Rosso in futuro.

>>Leggi anche: Marte avrà strati di ghiaccio d'acqua lunghi diversi chilometri

sjak e ats

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *