Stellantis: trattative per aprire una fabbrica di batterie in Italia

Stellantis, la casa automobilistica nata dalla fusione tra Fiat Chrysler (FCA) e PSA, è alla ricerca di un terzo sito per allestire un impianto di celle a batteria.
Secondo una fonte a conoscenza della questione, il gruppo sta conducendo discussioni con Roma per costruire un enorme impianto sul suolo italiano come parte del suo piano per supportare l’espansione della mobilità elettrica.

Discussioni sulla realizzazione di un impianto giga in Italia

“Le discussioni sono solo in fase di scambio sul principio di costruire un impianto gigantesco per coprire le esigenze future”, fa notare Stellantis alla fonte. Il che aggiunge che queste condizioni dovranno essere studiate con le autorità italiane.

Niente era ancora da decidere. Da parte sua, Stellantis ha rifiutato di commentare le informazioni.

Incontro tra i dirigenti di Stylantis e un ministro italiano

Reuters ha riferito che il presidente di Stylantis John Elkann e il CEO Carlos Tavares hanno incontrato Giancarlo Giorgetti, ministro italiano dello Sviluppo economico, la scorsa settimana.

In questa intervista, Giancarlo Giorgetti avrebbe chiesto a Stellantis di garantire che l’Italia rimanga uno dei principali paesi in cui il gruppo produce veicoli e si fosse informato sui progetti di investimento nella produzione di batterie a Mirafiori, la principale area industriale della Fiat a Torino. Tutto sommato: il reclutamento oltralpe è al centro della questione.

Auto Cell Company: JV tra Total e Stellantis

Stellants ha una joint venture con il gigante dell’energia Total, chiamata Automotive Cells, e prevede di costruire due impianti di celle a batteria, uno a Dufferin, in Francia, e uno a Kaiserslautern, in Germania.

I due siti rappresentano un investimento complessivo di 5 miliardi di euro e dovrebbero consentire la produzione di batterie per un milione di auto all’anno sulla base di una capacità cumulativa di 48 GWh.

READ  La trasformazione digitale al centro della ripresa europea

Stellantis deve decidere un sito per un terzo impianto

Il 15 aprile, Carlos Tavares ha indicato che entro la fine dell’anno Stellants deciderà l’ubicazione del terzo impianto come parte della sua strategia per accelerare la sua transizione all’elettricità.

Piano di transizione energetica italiano

Nell’ambito del pacchetto di incentivi di 205 miliardi di euro, l’Italia stanzierà quasi 24 miliardi di euro per la transizione verso un’energia più pulita e una mobilità sostenibile. In questo quadro, Roma prevede di investire 1 miliardo di euro per migliorare le industrie delle batterie, del solare e dell’energia eolica.

La nostra opinione, di leblogauto.com

Dopo la fusione tra FCA e PSA, la Roma non intende essere da meno e vorrebbe avere tutte le garanzie del produttore per mantenere l’occupazione d’oltralpe.

La prospettiva di aprire una fabbrica di batterie in Italia può rassicurare il governo italiano su questo punto.

Mentre i sindacati italiani hanno accolto con favore la fusione, chiedono un maggiore coinvolgimento finanziario dello Stato italiano. All’inizio di gennaio, Fium Sigil, un influente consorzio, ha invitato il governo italiano ad acquisire una partecipazione nel capitale di Stellantis.

Il segretario generale della Fiom Cgil, Francesca Re-David, ha affermato che “l’Italia è in una posizione debole in questa fusione con i francesi” e “la presenza dello Stato nella sua capitale richiede che abbia voce in capitolo nella strategia futura”.

Uno scenario del genere non è stato escluso da Roma. “La possibile presenza dello Stato nella capitale del nuovo gruppo, simile al governo francese, non può e non deve essere un tabù”, ha detto all’epoca il viceministro italiano dell’Economia Antonio Mesani. “L’operazione Stellantis è nell’interesse nazionale dal punto di vista occupazionale e industriale”, ha detto a La Repubblica.

READ  Italia: ritorno all'instabilità politica? | Politica DW

Si ricorda che lo stato francese possiede una quota del 6,2% in Stellantis.

Fonti: Reuters

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *