In Francia, il numero di turisti stranieri sarà probabilmente anche quest’estate basso

Secondo la società di consulenza Protourisme, i tedeschi, gli inglesi e gli olandesi probabilmente perderanno la chiamata. Proprio come gli asiatici.

Tessera sanitaria, paesi classificati come verdi, rossi o arancioni, stato di vaccinazione, quarantena all’andata o al ritorno… I turisti stranieri che verranno per le vacanze in Francia quest’estate saranno per lo più europei e pochi di numero.

Due settimane fa, il ministro di Stato per il turismo, Jean-Baptiste Lemoine, ha girato le capitali europee per rendere omaggio alla destinazione di quest’estate, la Francia.

Ha anche incontrato i tour operator degli Stati Uniti, che giovedì sono andati in Canada “verde”, il che significa che americani e canadesi vaccinati possono ora venire in Francia.

L’obiettivo è attirare clienti affinché la Francia mantenga la sua posizione di prima destinazione turistica mondiale, che nel 2019 ha portato 57 miliardi di euro (7,5% del PIL).

Turismo: 7,5% del PIL della Francia nel 2019

Tuttavia, il “ritorno alla normalità” sarà ostacolato da diverse politiche sui vaccini, classificazione dei colori dei paesi, problemi di salute legati al Covid-19 e concorrenza di Spagna, Italia e Grecia.

Didier Arino, direttore della società di consulenza Protourisme, ha dichiarato che i clienti stranieri sarebbero “principalmente europei”, rilevando “un fortissimo aumento dei clienti del sud Europa, spagnoli e italiani, in termini di prenotazioni”.

“C’è un ritardo significativo con gli agenti tedeschi e britannici, ovviamente”, ha detto all’AFP. “Alcuni paesi come la Germania ci hanno classificato in una dura zona arancione, il che influisce sul loro comportamento”.

Il Regno Unito, che è ancora classificato come “arancione” dalla Francia, ha inviato 13 milioni di turisti in Francia nel 2019 sui 72 milioni di britannici partiti all’estero, secondo l’ambasciatore francese a Londra che si è espresso all’inizio di giugno in una videoconferenza. con la sua controparte. Ai suoi omologhi hanno partecipato il sig. Lemoyne e l’AFP.

READ  Rakuten Viber funziona con Snap e porta gli obiettivi AR nella sua app di messaggistica

Emily a Parigi e Lupin

“Stiamo cercando agenti olandesi”, osserva Arino. Nei Paesi Bassi, “le vacanze in Francia fanno parte dei diritti fondamentali”, come ha osservato con umorismo all’inizio di giugno l’ambasciatore francese nei Paesi Bassi.

La Francia è la destinazione turistica numero uno in questo paese, con il 50% della popolazione che va in vacanza all’estero, dice.

Prima della crisi, gli olandesi rappresentavano il 10% dei clienti del campeggio (tedeschi 7%, inglesi 5%, belgi 4% contro il 69% dei francesi), secondo Sebastien Mansau, esperto di turismo associato di Roland Berger. . Le percentuali dovrebbero diminuire quest’anno.

“Di solito, i tedeschi e gli olandesi sono il 30% dei nostri clienti, e ci sarà il 10%”, assicura AFP Quentin Shiplink, direttore generale di Homair Vacances, specializzato in alloggi mobili.

Lontani dall’Europa, gli Stati Uniti, appena “verdi”, restano affezionati alla Francia, guidati da una “catena” come Emilie a Parigi o Le Pen, secondo l’ambasciatore francese a Washington.

Gli asiatici non ci saranno

Quanto agli asiatici, «non li vedremo più per molto tempo», secondo Areno, «perché sono vaccinati raramente e perché sono riusciti a controllare l’epidemia chiudendo le frontiere: non hanno interesse ad aprire finché i loro sudditi non torneranno nelle nostre zone”.

Il problema del riconoscimento dei vaccini si presenta anche in paesi come Cina, Russia o Qatar, ad esempio.

Sebbene la Francia non si aspetti di trovare subito turisti internazionali, spera di colmare questa lacuna con il turismo nazionale.

“Quest’anno, 38 milioni di francesi andranno in vacanza o per soggiorni brevi e 35 milioni andranno in vacanza in una residenza commerciale o in un breve soggiorno di lavoro, da luglio ad agosto”, ha affermato Didier Arreno.

READ  MiTrust: la condivisione dei dati personali diventa facile.

“Questo rappresenta già, rispetto al 2020, un anno record, altri 2 milioni di persone. Saremo registrati”, afferma.

Come i francesi, gli europei trascorreranno le vacanze a casa

secondo ultimo barometro Le ferie annuali di Europ Assistance, il 61% degli italiani e il 54% degli spagnoli rimarranno nei loro paesi, ma la Francia è la seconda destinazione preferita dagli europei dopo l’Italia.

I vacanzieri rimarranno principalmente nei loro paesi quest'estate
I vacanzieri rimarranno principalmente nei loro paesi quest’estate © Europ Assistance

Olivier Chebortech dell’Agence France-Presse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *