Stefano Ghisolfi apre la via più difficile d’Italia: “Erebor” 9b / +

Il mostro italiano Stefano Ghisolfi è finalmente riuscito a ritagliare la staffetta finale del suo progetto “Erebor” ad Arco e realizza così la via più difficile d’Italia offrendo 9b / +.


Stefano Ghisolfi in “Erebor” 9b / + ad Arco, Italia! Foto: Sara grippo

All’inizio del 2021, Stefano Ghisolfi ha completato il suo progetto “Erebor” ad Arco, in Italia, nonostante le condizioni molto difficili e ghiacciate. Come descrivere questo percorso? “Prendi alcune prese più piccole, aggiungi un muro davvero strapiombante, il risultato è una delle vie più difficili che abbia mai provato”. Questo percorso si trova più precisamente sullo spot dell’Eremo di San Paolo e misura circa 20 metri. Ora è la via più difficile d’Italia, davanti al “Lapsus” 9b, realizzato da Stefano nel 2015.

“Mi ci è voluto molto tempo, ma alla fine ce l’ho fatta. “Erebor” non è più un progetto e si è avverato venerdì scorso, nonostante il tempo molto freddo e le dita intorpidite, sono riuscito a completare la prima via che ho attrezzato!

È stato un processo folle, iniziato dopo il primo blocco, equipaggiato con l’aiuto e le attrezzature di Seve Scassa, e provato per la prima volta lo scorso giugno, ho subito capito che era quasi impossibile. Dopo l’estate ho iniziato a provarci sempre di più, ma è stato solo a capodanno che ho potuto tagliare il testimone, dopo essere caduto dieci volte negli ultimi movimenti.

Secondo me non ho mai salito in Italia qualcosa di così duro come questa via, ma non credo valga il 9b + di Change o Perfecto Mundo. Pertanto, il mio voto suggerito è 9b / +, che la rende la via più difficile d’Italia e la mia prima salita di cui vado più fiero, e non vedo l’ora che qualcuno venga a ripeterla presto!

READ  Sci di fondo | Tour de Ski: Pellegrino dedica la vittoria agli italiani confinati | Nordic Mag | N ° 1 nello sci nordico - Nordic Mag

Ultimo ma non meno importante, questa è la variante “più facile” del percorso, e ho già attrezzato una versione molto più difficile. È un’altra storia ma penso già che “The Lonely Mountain” sarebbe un bel nome per questo nuovo progetto. “

Vuole dedicare il 2021 alla sua disciplina di punta: la difficoltà, partecipando a gare e provando nuovi progetti. Vuole anche provare “Bibliografia” o “Silenzio” e vedere se uno di loro sembra possibile. E ovviamente metterà alla prova la versione difficile di “Erebor”, ovvero “The Lonely Mountain”. Continua….

Se vuoi seguire le sue prossime avventure, Stefano è molto presente su Instagram e lancerà nel 2021 una serie di video su YouTube sotto il nome “The Climbing Diaries”. Parlerà di arrampicata, allenamento, progetti, gare e molto altro …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *