Startup greche nel radar dei fondi di venture capital

Secondo una ricerca della società di software Factset, la Grecia è uno dei paesi che beneficiano dell’ondata di investimenti registrata nel bel mezzo di una pandemia in Europa.

Nel primo semestre di quest’anno si è registrata un’intensa attività di investimento in fondi di venture capital in tutto il mondo e soprattutto in Europa, indirizzando capitali verso Paesi da sempre calamita per investitori con una forte presenza di promettenti start-up – e non solo – aziende.

Allo stesso tempo, i mercati emergenti, inclusa la Grecia, stanno iniziando a migliorare il proprio profilo di investimento e ad attrarre capitali di investimento internazionali, secondo una ricerca di Facttest, che cita l’Associazione greca delle imprese ICT. In particolare, oltre il 70% dei fondi di venture capital investiti in Europa nel primo semestre del 2021 è andato a cinque Paesi: Regno Unito, Italia, Germania, Francia e Svezia. D’altra parte, i paesi che non sono al primo posto nelle preferenze degli investitori, come Grecia, Romania e Croazia, stanno iniziando a guadagnare terreno e beneficiare dell’ondata di investimenti registrata nel bel mezzo di una pandemia in Europa. Secondo Facttest, “Nella prima metà di quest’anno, i mercati emergenti più piccoli, come Grecia, Romania e Croazia, hanno beneficiato di questo aumento degli investimenti di capitale in Europa. “L’Europa sta attirando sempre più capitali di rischio poiché molte aziende tecnologiche continuano a apparire sul suo suolo”.

Secondo una ricerca della società di software Factset, nella prima metà del 2021 le società in portafoglio con sede in Europa hanno raccolto 50 miliardi di dollari, più di 38 miliardi di dollari raccolti nel corso del 2020. Il settore tecnologico è dominato dalle preferenze degli investitori, mentre c’è una grande mobilità a livello di finanziamento in i settori dei servizi commerciali, dei beni di consumo, dei servizi industriali, del commercio al dettaglio e dei servizi tecnici. A livello globale, il capitale di rischio ha investito oltre 280 miliardi di dollari nella prima metà dell’anno, superando il massimo storico di 275 miliardi di dollari investiti nel 2020.

READ  BlaBlaCar espande la sua rete di autobus da Lione

La presenza di fondi di investimento internazionali nel capitale di società tecnologiche greche o società tecnologiche con interessi greci è già iniziata nel 2020, ma anche nel 2021, per diventare più visibile rispetto al passato. Recentemente, US Private Equity Insight Partners ha investito 32 milioni di dollari nella startup di tecnologia dell’istruzione LearnWorlds, che ha anche una presenza in Grecia, mentre poco prima Vista Equity Partners, una società di private equity che gestisce circa 77 miliardi di dollari, ha acquisito una quota di minoranza. azienda Schoox. Ciò è stato preceduto dal finanziamento dei 50 milioni di FlexCar della Grecia da parte di investitori greci e stranieri, mentre uno dei più grandi fondi in Europa, Index Ventures, ma anche investitori come EBRD e Pentech Ventures hanno finanziato il programma Causaly Company di Ioannis Kiachopoulos, che ha un presenza a Londra e Atene e in America. Infine, l’intelligence greca ha recentemente raccolto 12 milioni di dollari da fondi di investimento internazionali situati nel Regno di Svizzera ma anche da fondi greci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *