Requiem per il valore perduto dell’artigianato

Di George A. Kostolas

Un testo per i lavoratori perpetui benevoli e belli. Nove Rispettati Rapporti di Grandi Artigiani e Pensatori – un’ode all’alto artigianato così gravemente carente al giorno d’oggi.

1. Risposta del grande pianista Dimitris Sguru

Domanda: Sei stato proibito e cosa ti ha portato a quello che sei?
La sua risposta: “Mi interessa solo studiare. Se riesco a guadagnare soldi studiando e non giocando, non sarò felice. Cosa dovrei dire? Che non ho giocato nel quartiere o che non mi sono seduto nei caffè?” ”
Da un’intervista a Vima

2. L’abilità di Julio e Juliano

La chiesa dell’antico insediamento di Pacchiarachi ad Egina è dedicata ai santi fratelli Giulio e Giuliano, nati nell’insediamento molto probabilmente nel IV secolo d.C.

Secondo la tradizione i fratelli, i grandi scalpellini, si recarono nel nord Italia per diffondere il cristianesimo. Lì Giulio e Giuliano costruirono novantotto chiese.

Tuttavia, la cosa più notevole del loro lavoro assolutamente sacro è la notevole abilità sviluppata dai fratelli e per la quale sono famosi in tutto il mondo: scambiare i loro pochi strumenti e lanciarli e tenerli in aria, da una lunga distanza, a seconda delle alterne esigenze di costruzione del momento.

Successivamente, ci si chiede come una delle corporazioni professionali della più ampia Gilda degli Artigiani non avesse dichiarato questi due abili artigiani come santi protettori della loro professione!
Effie Toloba, “Il passato e l’indimenticato”, Uchinida

3. Paga i debiti

Alla fine di uno studio sull’architettura di Chios, Dimitris Piconis conclude: “Non vorrei concludere questo studio senza ricordarvi gli indimenticabili operai dei ‘giusti’ sulla terra, voi tutti architetti e muratori, cigni, marmisti scultori, stuccatori, stuccatori, pittori”, nominando ciascuno separatamente.

READ  Per Francois Bayrou, l'industria francese è in una "situazione critica"

4. riconoscimento

Lo narra Dionysis Romas: “La gente di Jianyu una volta voleva regalare ad Ali Pasha un eccellente disco d’argento. Così si sono rivolti a un famoso artigiano per dare l’ultima ‘aria’ a questo unico ‘Sini’ con il suo martello. Ma lui ha chiesto un centesimo per ciascuno dei suoi martelli.” Dal pizzico con soli tre martelli.

Poi ha detto ai suoi fantastici datori di lavoro che non stava cercando molti soldi, ma per conoscere la sua arte.
Dionisio Roma, “Gli Zante”, home

5. Monocondile

La storia di cui sopra non ci ricorda la famosa canzone “O” di Giotto? Così il celebre artista rivendicò e ottenne l’attribuzione di un’opera a papa Bonifacio nell’VIII.

Quando l’inviato pontificio gli chiese un campione della sua opera, Giotto, dopo aver intinto un pennello in un secchio rosso, usando il braccio solo sul gomito, a forma di diabetico, disegnato su una foglia, monocot. cerchio perfetto. “Ecco, un campione del mio lavoro”, ha detto all’uomo del papa. Ha chiesto: “Questo è abbastanza?” Rispose: “Più che sufficiente”.

Quando l’inviato presentò al Papa tutte le proposte che aveva raccolto, e giunse a Giotto, descrisse il modo in cui l’artista disegnò davanti a loro il cerchio perfetto, il Papa e tutti i suoi consiglieri, ammirando l’impresa, presentarono l’opera del famoso artista che ammiriamo ormai da secoli.

6. Esperienza

Negli anni ’70, all’illustratore Giorgos Bakirtzis è stato chiesto quanto ha pagato per un modello pubblicitario a cui aveva lavorato – insieme a famose locandine cinematografiche – per venticinque anni prima di affermarsi come illustratore. Quando ha risposto, assegnando un tempo molto significativo, il cliente dell’inserzionista ha obiettato chiedendo:
“Ma come si giustifica quella cifra per un modello? Quanto tempo ci è voluto, dopotutto, per realizzarlo?” “Quarant’anni”, rispose il pittore, contando la sua lunga esperienza nella professione.

READ  L'Inghilterra si vendica dell'Italia e si qualifica agli Europei

7. Punto di partenza alto

L’opera presentata dal grande pittore Antoine Watteau, intorno al 1720, alla Gilda dei pittori di Parigi per ottenere il titolo ufficiale del pittore, era il suo famoso dipinto, ora al Louvre, Partenza per Citera.
Giannis Pappas, “Testi”, Pubblicazioni MIET

8. Partecipazione

Il nostro grande scultore Giannis Pappas, in un capitolo dedicato ai centocinquanta anni dell’École des Beaux-Arts, fa riferimento al pittore o scultore di lunga data. “Il committente entrava nella bottega del falegname, dove si applicavano le rigide regole del maestro, perché a quel tempo l’artista era prima di tutto un falegname, e poi, per molto tempo, faceva il lavoro extra, diventava, se poteva, assistente insegnante, e poi, facendo il suo lavoro migliore, il suo capolavoro, Chef, è stato giudicato dagli artisti delle prove della Gilda.”
Giannis Pappas, “Testi”, Pubblicazioni MIET

9. Umiltà

Giannis Tsarochis lo conferma a suo modo, quando riferendosi al suo apprendistato al fianco di Fotis Kontoglu, scrive: “Piano piano cominciai a visitare la sua casa e presto divenni suo assistente. Mastropoulos, come dicevano quelli che amavano le vecchie parole… ”

* Il Sig. Costolas è l’ex Direttore Generale di società del più ampio settore finanziario.
E-mail: [email protected]


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *