Sovvenzioni per la ricerca per un totale di 7,4 milioni di dollari in notizie su biologia, salute comunitaria e genomica funzionale

Sovvenzioni per la ricerca per un totale di 7,4 milioni di dollari in notizie su biologia, salute comunitaria e genomica funzionale
Professori Dominique Gravelle, Myline Breton, Xavier Rocco e Fanny Pelletier
Foto: Odis

Quattro scienziati dell’Università di Sherbrooke hanno un proprio programma di ricerca finanziato dal governo canadese in aree in cui le nuove conoscenze scientifiche sono attualmente vitali, compresa la protezione della fauna selvatica.

L’impatto dell’attività umana sugli animali selvatici è uno degli argomenti che verranno studiati e documentati. Questo tema sarà anche al centro di una nuovissima cattedra presieduta dalla professoressa di biologia Fanny Pelletier.

I finanziamenti del Canadian Research Chairs Program (CRC) sosterranno anche la continuazione di tre cattedre esistenti di biologia (professor Dominic Gravelle), salute comunitaria (professor Mylene Britton) e genomica funzionale (Xavier Rocco).

Per il Prorettore alla Ricerca e agli Studi Dottorali dell’UdeS, professor Jean-Pierre Perrault, l’annuncio di questo finanziamento conferma la vitalità delle attività di ricerca dell’UdeS, che sono piuttosto recenti e rilevanti. :

Generare conoscenze utili che aiutino la società a superare le sfide che ne minacciano l’equilibrio è un’attività complessa. Evoca molte qualità personali e professionali nei ricercatori: audacia, perseveranza, creatività, leadership, lavoro di squadra e altro ancora. Dico spesso che l’Università di Sherbrooke offre un’eccellente scienza. L’ottenimento di questi finanziamenti lo conferma ancora una volta.

Jean-Pierre Perreault, Vicerettore per la ricerca e gli studi universitari

Il finanziamento viene concesso per un periodo da 5 a 7 anni a seconda delle cattedre ed è accompagnato da una borsa di studio dell’Università di Sherbrooke e da vari contributi provenienti da altre fonti.

L’impatto dell’impronta ecologica umana sulla fauna selvatica

Nuova cattedra di ricerca canadese sugli effetti dell’attività umana sulla fauna selvatica, Professoressa Fanny Pelletier, Dipartimento di Biologia, College of Science

La professoressa Fanny Pelletier
La professoressa Fanny Pelletier
Foto: Michel Caron – Audi S

Cambiamenti climatici, distruzione degli habitat, sfruttamento eccessivo delle risorse naturali: l’attività umana sta danneggiando le popolazioni selvatiche. Ma qual è il meccanismo che collega l’attività umana alla fauna selvatica? Le specie possono evolversi abbastanza velocemente da adattarsi ai cambiamenti causati dalle nostre società?

Queste sono le questioni a cui la professoressa Fanny Pelletier cercherà di rispondere nell’ambito di una nuova cattedra di ricerca canadese sugli effetti dell’attività umana sulla fauna selvatica.

READ  Tweet della ISS sui tweet principali di Northrop Cygnus nel primo trimestre

Fanny Pelletier è un’illustre ricercatrice e autrice prolifica ed è membro della facoltà della Royal Society of Canada dal 2019. Nel 2020, le è stata assegnata una borsa di studio EWR Steacie Fellowship per il suo eccezionale contributo all’ecologia evolutiva.

Per comprendere e prevedere le implicazioni delle attività umane per gli animali, il ricercatore valuterà il modo in cui le nostre società moderne influenzano la selezione naturale e misurerà le conseguenze di queste nuove pressioni selettive sull’ambiente e sull’evoluzione della fauna selvatica.

La conoscenza generata da questo lavoro contribuirà, da un lato, al progresso della scienza e, dall’altro, a stimolare la creazione di politiche pubbliche nella gestione e conservazione degli animali selvatici.

Immergetevi nel lavoro che verrà svolto sotto la nuova cattedra leggendo questo articolo approfondito sulla professoressa Fanny Pelletier.

Prevedere gli scenari futuri della biodiversità

rinnovo Cattedra di ricerca canadese in ecologia integrativaProfessor Dominic Gravelle, Dipartimento di Biologia, Facoltà di Scienze

Il professor Domenico Gravelle
Il professor Domenico Gravelle
Foto: Michel Caron – Audi S

Il professor Dominic Gravelle, un ricercatore influente nel suo campo, esplora come la distribuzione della biodiversità sarà influenzata dai cambiamenti antropogenici, cioè dall’attività umana. Il ricercatore ricopre la cattedra di ricerca canadese in Ecologia integrativa, il cui primo mandato è andato dal 2015 al 2022.

La sua ricerca è al crocevia tra biogeografia comunitaria ed ecologia. Le sue attività di presidenza sono interdisciplinari e comprendono lo sviluppo di un sistema informativo sulla biodiversità e i suoi cambiamenti e una serie di strumenti di supporto decisionale per i partner.

Durante il primo mandato del Presidente, il professor Gravel ha studiato la struttura della biodiversità utilizzando le reti ecologiche per comprendere e prevedere meglio la distribuzione della biodiversità. Questo lavoro iniziale ha portato alla creazione di una nuova infrastruttura informatica per documentare e condividere i cambiamenti nella biodiversità del Quebec.

L’esperienza di Dominique Gravel gode di una solida reputazione. E nel 2022, ha svolto un ruolo di primo piano nel lancio del Quebec Biodiversity Gateway nel 2022. Due anni prima, una delle sue scoperte si era guadagnata un posto nell’elenco delle 10 scoperte del 2019. Scienze del Quebec.

La biodiversità non è solo un elenco di specie, è anche l’insieme delle interazioni tra di esse che governano gli ecosistemi e sostengono la diversità della vita. Per questo secondo mandato, iniziato grazie al rinnovo dei finanziamenti, il professor Gravel continuerà il suo lavoro con l’obiettivo a lungo termine di comprendere e prevedere le molteplici dimensioni dei cambiamenti nella biodiversità. In particolare, esaminerà come la perdita di biodiversità e il cambiamento climatico influiscono sul funzionamento degli ecosistemi e sui benefici che offrono alla società.

READ  Astronomia: un asteroide scoperto in Alta Garonna, che prenderà il nome da un villaggio di Lauragais

Accesso alle cure: quali modelli funzionano?

rinnovo Cattedra di ricerca canadese in gestione clinica dei servizi di assistenza primariaProfessoressa Mylene Britton, Dipartimento di Scienze della Salute di Comunità, Facoltà di Medicina e Scienze della Salute

La professoressa Mylene Britton
La professoressa Mylene Britton

Un problema attuale, l’accesso a un medico rimane una sfida per molti. Come migliorare la situazione? Per la professoressa Mylene Britton ciò significa esaminare pratiche innovative nell’accesso alle cure primarie. L’assistenza sanitaria di base comprende i servizi forniti dai medici, nonché i servizi forniti da altri professionisti sanitari (infermieri, assistenti sociali, ecc.).

Dal 2017 detiene la cattedra di ricerca canadese in Gestione clinica dei servizi di assistenza primaria e il ricercatore è interessato a migliorare l’accesso all’assistenza sanitaria. Durante il suo primo mandato presidenziale si è concentrata in particolare sull’analisi delle liste d’attesa centrali per i pazienti orfani.

Pertanto, la cattedra è al suo secondo mandato, che mira a migliorare le pratiche amministrative e professionali. Ciò richiederà l’introduzione di pratiche riflessive regolari con le persone chiave coinvolte nella progettazione e implementazione di innovazioni promettenti nell’assistenza sanitaria di base.

L’esperienza del Professor Breton è ricercata in tutto il mondo. La ricercatrice, infatti, è regolarmente invitata a presentare il suo lavoro in eventi virtuali rivolti a ricercatori di tutto il mondo.

L’obiettivo principale di questa cattedra è contribuire alla creazione di conoscenze e pratiche innovative nel campo delle cure primarie. Il programma di ricerca per questo secondo semestre comprende sei studi, tra cui progetti comparativi in ​​tre province canadesi e altri a livello internazionale.

Strumenti per spiegare meglio il genoma umano

rinnovo Cattedra di ricerca canadese sulle proteine ​​funzionali e sulla scoperta di nuove proteineProfessore Xavier Rocco, Dipartimento di Biochimica e Genomica Funzionale, Facoltà di Medicina e Scienze della Salute

READ  Contro i detriti nello spazio, la nuova tecnologia cinese
Professor Saverio Rocco
Professor Saverio Rocco
Foto: Michel Caron – Audi S

Conosciuto al pubblico per la sua scoperta rivoluzionaria sulle proteine ​​alternative, che ha vinto il concorso Scoperta dell’anno 2013 Scienze del QuebecIl professor Xavier Rocco è un grande nome anche nel campo della genomica funzionale. Scoprendo l’esistenza di queste molecole finora ignorate, il ricercatore ha dimostrato che i geni umani sono multicodificanti e quindi il nostro genoma contiene molte più informazioni genetiche di quanto pensassimo. Una miniera d’oro per la scienza!

Il professor Xavier Rocco ha scoperto l’esistenza delle proteine ​​sostitutive nel 2013, un’impresa che oggi suscita grande interesse nella comunità scientifica.

Il programma di ricerca della Canada Research Chair in Functional Proteomics and Discovery of Novel Proteins mira specificamente a comprendere meglio tutte le proteine ​​espresse nel genoma umano. Attualmente, la scoperta delle proteine ​​si basa in gran parte sulla spettrometria di massa, utilizzando un processo che richiede che le proteine ​​vengano previste e annotate in un database prima che vengano effettivamente scoperte. Pertanto le proteine ​​che non erano state previste non vengono rilevate.

Concentrandosi sulle annotazioni funzionali e creando strumenti bioinformatici, il professor Rocco spera di rendere disponibili queste nuove informazioni genetiche e proteiche, oltre a chiarire le funzioni biologiche e patologiche di queste proteine.

L’obiettivo di questo programma di ricerca è quello di gettare le basi per lo sviluppo di applicazioni mediche diagnostiche, prognostiche e terapeutiche grazie alla conoscenza approfondita della proteina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *