‘Soldati che combattono, non seduti’: Museveni dice che il suo esercito è pronto se necessario in Mozambico

Il presidente dell’Uganda Yoweri Museveni.

  • L’Uganda sostiene logisticamente il Mozambico nella lotta contro l’Isis a Cabo Delgado.
  • Il presidente Yoweri Museveni si dice pronto a inviare il suo esercito per affrontare il problema.
  • Nel frattempo, un generale dell’esercito ha detto che l’Uganda è felice del coinvolgimento della Cina nel Paese.

L’Uganda è aperta all’idea di inviare truppe per combattere i ribelli a Cabo Delgado, in Mozambico.

Ma al momento le sue risorse sono esaurite perché l’Uganda ha già 6.000 soldati in missione di mantenimento della pace in Somalia e altri 4.000 nella Repubblica Democratica del Congo.

Il potente presidente del paese Yoweri Museveni ha pronunciato l’osservazione in un incontro aperto presso la residenza presidenziale di Entebbe con il presidente mozambicano Filipe Nyusi, che è in visita di stato di tre giorni in Uganda.

“Quello che abbiamo deciso di fare al momento è inviare materiali. Mi è stato detto che il problema (dell’insurrezione) si sta risolvendo, ma se per qualche motivo non si risolve, dovremo schierare una grande forza lì”, ha detto Museveni.

Ha aggiunto che “i soldati sono con la lotta, non per sedersi. Se qualcuno entra nella nostra zona, combatteremo”.

Nyusi ha affermato che uno dei motivi principali della sua visita è stato ringraziare l’Uganda per il suo ruolo nella lotta contro i gruppi estremisti islamici a Cabo Delgado.

“L’Uganda sostiene già il Mozambico dal punto di vista logistico e uno degli obiettivi di questa visita è ringraziare il Paese fraterno”, ha affermato.

Leggi | Bobby Wayne invita i leader mondiali a troncare i legami con il presidente ugandese Yoweri Museveni

READ  网民:华春莹请不要随意代表阿富汗人民 | 塔利班 | 极端恐怖组织 | 9·11

Nel frattempo, il comandante della forza della riserva dell’Uganda e consigliere militare di Museveni, il generale Salim Saleh, si è detto felice della partecipazione della Cina nel suo Paese.

Si stava rivolgendo al pubblico giovedì quando Nyusi ha visitato il Kabeka Industrial Park fuori Kampala.

Egli ha detto:

I miei colleghi ed io siamo stati ossessionati da questa idea dell’Europa che resta indietro rispetto all’Africa. Ecco perché siamo così felici di avere i cinesi qui. Non sappiamo se ci svilupperanno o rimarranno indietro come gli europei che non sono avanzati per noi, ma finora stanno andando bene.

Saleh ha aggiunto che i cinesi “hanno trasformato il suolo in prodotti, creato posti di lavoro” e “speriamo che i cinesi non rimangano indietro rispetto al nostro sviluppo”.

La città di Kabeka è il luogo in cui Museveni lanciò la sua rivolta armata contro l’allora presidente Milton Obote, prima di prendere il potere nel 1986.

Kapeeka Industrial Park è finanziato da 1,8 miliardi di rand da investitori cinesi e si dice che abbia creato più di 2.500 posti di lavoro.

Leggi | L’Uganda deporta una figura di spicco dell’opposizione ruandese

Nyusi si meravigliò di come la regione si fosse trasformata da base per l’insurrezione in un centro economico.

“Uno dei vantaggi è che questa terra che in passato è stata la nascita della liberazione è ora la nascita dello sviluppo, quindi è importante dire che daremo potere al nostro popolo per lo sviluppo”, ha affermato.

In una dichiarazione dopo la visita di Nyusi, il Dipartimento dei media, della comunicazione di notizie e delle pubbliche relazioni dell’Uganda ha affermato che il Mozambico invierà una delegazione per conoscere il concetto di parchi industriali.

READ  Un rapporto della polizia afferma che la polizia metropolitana non riesce a distinguere tra Meghan Markle e Kate Middleton

“Il Mozambico invierà un team di esperti per acquisire maggiori conoscenze sulla creazione dei parchi industriali che hanno anche avviato a casa”, si legge nella dichiarazione.


Il News24 Africa Desk è supportato dalla Fondazione Hanns Seidel. Le storie prodotte attraverso l’Africa Bureau e le opinioni e le dichiarazioni che possono essere contenute nel presente documento non riflettono le opinioni e le dichiarazioni della Fondazione Hans Seidel.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.