Si prevede un aumento del 15% dei fallimenti aziendali nel 2022

In un rapporto, l’assicuratore Euler Hermes ha osservato che due anni fa c’è stato un calo del 12% dei fallimenti nel 2020 e del 6% quest’anno. (lotta per le azioni)

Si prevede che sorgano gravi problemi negli ambienti economici di tutto il mondo a causa del ritiro dei programmi di sostegno alle famiglie e alle imprese. Secondo le previsioni di Euler Hermes, il più grande assicuratore del credito al mondo, si prevede che i fallimenti aziendali aumenteranno in modo significativo nel 2022. La società osserva nel suo rapporto correlato che le sue stime aumentano al 15% su base annua, come riportato in una notizia CNBC. Tuttavia, nonostante questo sviluppo, i fallimenti in totale rimarranno a livelli probabilmente inferiori del 4% rispetto ai livelli del 2019, ovvero prima dello scoppio della pandemia di coronavirus. Come sottolinea Euler-Hermes, si prevede un’esplosione di bancarotta nel 2022, mentre c’è stata una diminuzione due anni fa, una diminuzione del 12% nel 2020 e del 6% quest’anno, come ci si aspetterebbe.

Secondo le previsioni di Euler-Hermes, i fallimenti in tutto il mondo saranno a un livello inferiore rispetto al 2019.

Secondo Maxime Lemmerle, direttore della ricerca finanziaria e fallimentare presso Euler Hermes, “I governi sono stati in grado di aiutare le aziende ad affrontare gli effetti della crisi pandemica, e questo si riflette nel numero di fallimenti”. “Il loro massiccio intervento ha efficacemente impedito un fallimento su due nell’Europa occidentale, mentre nel caso degli Stati Uniti il ​​rapporto era di uno su tre per i dati del 2020”, aggiunge. Complessivamente in Europa occidentale, si stima che le tendenze saranno contrastanti, mentre Spagna e Italia vedranno un aumento dei fallimenti quest’anno e il prossimo dopo il 2019 in questione. Euler-Hermes prevede ancora che i fallimenti aumenteranno in Svizzera, Svezia e Portogallo nel 2022, ma attualmente non ai livelli pre-pandemia.

READ  Mario Draghi - EURACTIV.com afferma che l'economia italiana sta andando meglio del previsto

Il fatto che gli aiuti alle imprese continuino significa che i fallimenti rimarranno complessivamente bassi nel 2021, anche se ciò che segue dipende da come agiranno i governi nei prossimi mesi. Dallo scoppio della pandemia di coronavirus, i governi di tutto il mondo hanno aumentato drasticamente le loro spese per sostenere i sistemi sanitari pubblici, le famiglie e le imprese. Le misure di esenzione che hanno scelto includono crediti e differimenti d’imposta, garanzie e prestiti governativi, nonché pagamenti diretti in contanti. Allo stesso tempo, le banche centrali hanno perseguito una politica monetaria espansiva in modo che il denaro continui a fluire nel meccanismo economico. Alcuni governi hanno già iniziato a ritirare le misure di sostegno sopra menzionate, mentre alcune banche centrali hanno deciso di aumentare i costi di finanziamento mentre l’economia internazionale si riprende dopo il crollo del coronavirus, secondo un rapporto della CNBC.

Allo stesso tempo, secondo il rapporto Euler Hermes, i fallimenti aziendali sono tornati ai livelli pre-pandemia nei mercati emergenti. In molti di questi paesi, i governi hanno finalmente dovuto reintrodurre misure restrittive per arginare la nuova ondata di contagi da coronavirus e indirizzare meno capitali nell’economia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *