Shock nei Paesi Bassi mentre il populista di estrema destra Wilders si avvicina alla vittoria elettorale

Shock nei Paesi Bassi mentre il populista di estrema destra Wilders si avvicina alla vittoria elettorale

Il populista anti-islamico Geert Wilders ha ottenuto un’enorme vittoria alle elezioni olandesi, secondo un conteggio dei voti quasi completo, in una straordinaria spinta verso l’estrema destra in una nazione un tempo famosa come faro di tolleranza.

Il risultato avrà un’onda d’urto in tutta Europa, dove l’ideologia di estrema destra è in crescita, e metterà Wilders nella posizione di guidare i colloqui per formare la prossima coalizione di governo e forse diventare il primo primo ministro di estrema destra dei Paesi Bassi.

Con quasi tutti i voti conteggiati, il Partito per la Libertà di Wilders dovrebbe ottenere 37 seggi nella camera bassa del parlamento, composta da 150 seggi, due in più rispetto a quanto previsto dal sondaggio al termine delle votazioni di mercoledì sera, e più del doppio dei 17 seggi ottenuti. . Nelle ultime elezioni.

Wilders aveva abbassato i toni abituali nel periodo pre-elettorale (AFP)

“Ho dovuto pizzicarmi il braccio”, ha detto un felice Wilders.

I partiti politici dovrebbero tenere riunioni separate giovedì per discutere i risultati prima che venerdì inizi il probabile arduo processo di formazione di una nuova coalizione di governo.

Nonostante la sua dura retorica, Wilders ha già iniziato a corteggiare altri partiti di destra e di centrodestra, affermando nel suo discorso di vittoria che qualsiasi politica che spingerà sarà “all’interno della legge e della costituzione”.

Il suo programma elettorale prevede l’indizione di un referendum sull’uscita dei Paesi Bassi dall’Unione Europea, la sospensione totale dell’accoglienza dei richiedenti asilo e il ritorno dei migranti al confine olandese.

Chiede anche la “de-islamizzazione” dei Paesi Bassi, anche se in questa campagna elettorale è stato più moderato nei confronti dell’Islam rispetto al passato.

Invece, la sua vittoria sembra dipendere dalla sua campagna per frenare l’immigrazione – la questione che ha causato le dimissioni dell’ultima coalizione di governo a luglio – e per affrontare questioni come la crisi del costo della vita e la carenza di alloggi.

READ  L'acqua predica, il vino beve? Johnson deve affrontare un grosso problema: l'ex cancelliere ha rivelato la verità sulle parti durante la chiusura
Marco Ruti
Mark Rutte è al potere da 13 anni (AFP)

Gli elettori hanno detto: siamo stanchi di tutto questo. “Il nostro stomaco è malato”, ha aggiunto, aggiungendo che ora è in missione per porre fine allo “tsunami dell’asilo”, riferendosi alla questione dell’immigrazione che ha dominato la sua campagna elettorale.

“Gli olandesi saranno di nuovo i numeri uno”, ha aggiunto Wilders. “Il popolo deve rivendicare la propria nazione”.

Ma il parlamentare, che in passato è stato descritto come la versione olandese di Donald Trump, dovrà formare un governo di coalizione prima di poter prendere le redini del potere.

Sarà un compito difficile, poiché i principali partiti sono riluttanti a unire le forze con lui e il suo partito, ma l’entità della sua vittoria rafforza la sua posizione in qualsiasi negoziato.

Wilders ha invitato gli altri partiti a partecipare in modo costruttivo ai colloqui di coalizione. Peter Omtzgut, l’ex cristiano-democratico centrista che ha fondato in tre mesi il suo partito Nuovo Contratto Sociale ottenendo circa 20 seggi, ha detto che sarebbe sempre aperto ai colloqui.

Il partito più vicino a quello di Wilders era l’alleanza tra il Partito laburista di centrosinistra e la Sinistra verde, che avrebbe dovuto conquistare 26 seggi. Ma il suo leader, Frans Timmermans, ha chiarito che Wilders non dovrebbe fare affidamento su un’alleanza con lui.

Dylan Yeselgoz-Zygerius
È stata una serata deludente per il successore di Rutte alla guida del partito, Dylan Jeselgos-Zygerius (AP)

“Non formeremo mai una coalizione con partiti che fingono che i richiedenti asilo siano la fonte di tutta la miseria”, ha detto Timmermans.

“E nei prossimi giorni e settimane vedremo sempre di più quanto sia difficile, quanto sia importante la nostra missione: difendere un’Olanda in cui non escludiamo nessuno, difendere un’Olanda in cui abbracciamo tutti, resistere a un’Olanda in cui non escludiamo nessuno. abbracciare tutti, per tenere testa a tutti”. “Per i Paesi Bassi, non guardiamo al tuo background, alla tua religione o al colore della tua pelle”, ha aggiunto.

READ  Lithuanian parliament to discussion developing razor wire fence on Belarus border to halt migrants

Questa vittoria storica è arrivata un anno dopo la vittoria del primo ministro italiano Giorgia Meloni, le cui radici in Italia dei fratelli erano immerse nella nostalgia per il dittatore fascista Benito Mussolini.

Da allora, la Meloni ha ammorbidito la sua posizione su molte questioni ed è diventata il volto accettato dell’estrema destra europea.

Frans Timmermans
Il leader del blocco di centrosinistra Frans Timmermans ha affermato che Wilders “non dovrebbe dipendere” dal sostegno del suo partito in alcuna coalizione (AP)

Wilders è stato a lungo un polemista che attacca l’Islam, l’Unione Europea e gli immigrati – una posizione che lo ha portato vicino al potere ma senza mai raggiungerlo del tutto, in un paese noto per la sua politica di compromesso.

Il primo ministro ungherese Viktor Orban, che si vanta di aver trasformato l’Ungheria in uno stato “illiberale” e ha posizioni altrettanto dure sull’immigrazione e sulle istituzioni dell’UE, si è affrettato a congratularsi con Wilders.

“I venti del cambiamento stanno arrivando!” Ha detto il signor Urban.

Durante le ultime settimane della sua campagna elettorale, Wilders ha ammorbidito un po’ la sua posizione e ha promesso che sarebbe stato il primo ministro per tutto il popolo olandese, tanto da essere soprannominato “Milders”.

L’exit poll è stato pubblicato al termine delle votazioni per le elezioni generali. Può avere un margine di errore fino a tre seggi, ma generalmente è accurato entro uno o due seggi, ha affermato Ipsos, che ha partecipato al sondaggio.

Le elezioni sono state indette dopo che la quarta e ultima coalizione del primo ministro uscente Mark Rutte si è dimessa a luglio dopo aver fallito nel raggiungere un accordo sulle misure per frenare l’immigrazione.

Rutte è stata sostituita da Dilan Yeşilgoz Zegerius, un’ex rifugiata turca che sarebbe potuta diventare la prima donna primo ministro del paese, se il suo partito avesse ottenuto il maggior numero di voti. Invece, ci si aspettava che perdesse 11 seggi e alla fine ne guadagnasse 23.

READ  Mettere le piccole imprese al primo posto per realizzare una transizione verde giusta e inclusiva

L’elezione è stata descritta come una corsa serrata, ma alla fine Wilders ha sconfitto facilmente tutti gli avversari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *