Segreti di una cantina di 1500 anni attraverso importanti scavi

La cantina di 1.500 anni, situata in Israele, era un’impresa industriale che produceva mezzo milione di galloni all’anno per i bevitori del Mediterraneo.

Secondo gli archeologi della Israel Antiquities Authority, produceva alcuni dei migliori vini mediterranei dell’era bizantina.

Quando sono iniziati gli scavi alla periferia di Yavne, a sud di Tel Aviv, il team di scavo ha trovato cinque enormi torchi per vino, ognuno dei quali copre circa 2.400 piedi quadrati.

Ogni torchio comprendeva pavimenti, dove gli operai pigiavano l’uva con i piedi, nonché vani per la fermentazione del vino e recipienti per la raccolta. Inoltre, in contrada, vi erano quattro grandi magazzini per l’invecchiamento del vino e forni dove venivano cotte le brocche da vino.

Tutti sono rimasti stupiti nello scoprire una fabbrica così avanzata che veniva utilizzata per produrre vino in quantità commerciali, un processo che veniva fatto manualmente. Gaffni, che era un’importante città dell’Impero Bizantino quando fu costruita la cantina, intorno al 500 d.C., situata su una strada principale, era un centro commerciale ed era abitata principalmente da cristiani. Aveva il suo vescovo, ma vi abitavano anche ebrei e samaritani.

Scavi nella periferia di Yavne a sud di Tel Aviv. Foto: Yaniv Berman/Autorità israeliana per le antichità

Il vino prodotto dentro e intorno a Gaffney era conosciuto come vino di Gaza o Ashkelon e veniva trasportato dai porti vicini in altre parti del mondo mediterraneo, Egitto, Turchia, Grecia e forse nell’Italia meridionale.

Era un vino bianco leggero, dicono gli archeologi che hanno trovato molte cantine e cantine in Israele, ma questo è unico, perché stiamo parlando di un complesso di cinque enormi cantine, che sono particolarmente belle nella loro architettura.

READ  269 ​​vittime di sfruttamento sono state identificate in vigneti e piantagioni in tutta Europa

Le presse sono ben progettate, con caratteristiche simmetriche e costruite come un composito fino all’ultimo dettaglio, a significare che sono state progettate come parte di un movimento industriale.

Gli archeologi stanno cercando di estrarre il DNA da antichi semi d’uva o semi trovati nell’area per determinare quali specie sono state utilizzate nella cantina.

Fonti antiche descrivono il vino di Gaza servito durante la festa dell’incoronazione dell’imperatore bizantino Giustino II a Costantinopoli come “bianco come la neve”. I ricercatori hanno anche trovato un gran numero di brocche nella zona di Alessandria d’Egitto.

Gli scavi hanno portato alla luce anche antichi torchi da vino risalenti al 300 aC circa, oltre a forni utilizzati per rendere le navi in ​​grado di viaggiare senza alterarne il contenuto, nel Bronzo Medio e in quantità indicative di una situazione industriale.

La regione sembra aver ospitato molti viticoltori sotto i Cananei e i Romani, e ha raggiunto i suoi livelli più alti, al suo apice, in epoca bizantina. Dopo la graduale islamizzazione di Gaffney, le cantine rimasero deserte fino al VII secolo d.C.

seguilo LiFO.gr su Google News E sii il primo a conoscere tutte le novità

Trova le ultime notizie dalla Grecia e dal mondo su LiFO.gr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *