Ha ragione Emmanuel Macron quando dice che i francesi lavorano meno dei loro vicini?

Nel lavoro settimanale, i dipendenti francesi lavorano non meno. D’altra parte, durante tutto l’anno e per la popolazione nel suo insieme, la Francia è all’ultimo posto nell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico.

Lavorare di più per produrre di più e per finanziare più protezione. Questo il messaggio che il Capo dello Stato ha rivolto questa mattina in occasione della presentazione del piano di investimenti “France 2030”.

Emmanuel Macron ricorda: “Quando ci confrontiamo, siamo un Paese che lavora meno degli altri, e questo è vero, e abbiamo una mole di lavoro dedicata che non è al giusto livello, sia nel ciclo di vita che nelle ore cumulate Abbiamo un punto di forza che è il modello sociale ed educativo e il punto debole è che non abbiamo più il modello di produzione che si può finanziare”.

Non è la prima volta che il presidente afferma che i francesi non stanno facendo abbastanza. Alla fine del grande dibattito nazionale che ha seguito la crisi dei gilet gialli nel 2019, Emmanuel Macron ne ha fatto uno degli assi di riforma per la fine del quinquennio prima che la crisi sanitaria si fermasse.

Ma i francesi lavorano davvero “meno degli altri”? Questo dipende da cosa stai guardando. Se prendiamo l’orario di lavoro settimanale del francese attivo, questo non è chiaro.

Prendi ad esempio il personale. Hanno lavorato in media 36,5 ore a settimana nel 2020, secondo uno studio Dares pubblicato a luglio. Leggera diminuzione dell’orario di lavoro rispetto al 1990 (37,5 ore) ma relativamente stabile per 20 anni, o addirittura lieve aumento per 7 anni.

READ  Notizie Turno | Tripadvisor: due spiagge greche nelle migliori spiagge del mondo per il 2021
Orario di lavoro dei dipendenti francesi.
Orario di lavoro dei dipendenti francesi. © Dare

Questo non è il caso dei lavoratori francesi non retribuiti, il cui orario di lavoro settimanale è in costante calo dal 2005. Sebbene sia ancora significativamente superiore a quello dei salariati, è sceso da 51,9 ore a 43,9 ore in 15 anni. Il calo è minore ma reale se prendiamo come riferimento il 2019 (45,3 ore), il 2020 è un anno straordinario.

I lavoratori francesi lavorano senza retribuzione.
I lavoratori francesi lavorano senza retribuzione. © Dare

Quindi possiamo vedere che, nonostante il passaggio a 35 ore nel 1998, l’orario di lavoro settimanale non è diminuito. Erano 36,5 ore settimanali nel 1999, proprio come nel 2020.

E i nostri vicini?

Ha prodotto l’audacia Uno studio comparativo sul tema Nel 2018. Se prendiamo tutti i dipendenti (a tempo pieno e part-time), la Francia non è in difficoltà rispetto ai suoi vicini europei. Mentre all’epoca lavoravano appena al di sotto della media nei 28 paesi dell’UE (36,4 ore settimanali), i dipendenti francesi lavoravano più di danesi (32,3 ore), tedeschi (34,8 ore) e italiani (35,5 ore)) o addirittura olandesi ( 29,3 ore). Solo i dipendenti britannici (36,8 ore) e spagnoli (36,4 ore) lavorano un po’ di più.

Orario di lavoro settimanale in Europa.
Orario di lavoro settimanale in Europa. © Dare

Se i dipendenti francesi lavorano in media tanto quanto i loro vicini europei, ciò è in parte dovuto al fatto che i dipendenti part-time lavorano molto di più (23,7 ore in media) rispetto ai loro vicini (20,9 ore in media nell’UE). I dipendenti a tempo pieno lavorano molto meno in Francia rispetto alla maggior parte dei loro vicini. 39,1 ore per i francesi contro 42,2 ore per gli inglesi, 40,4 ore per i tedeschi, 39,9 ore per spagnoli e svedesi.

READ  Quanto è stato danneggiato il fondo aziendale nella crisi?

In breve, nel loro orario di lavoro settimanale, i francesi non devono vergognarsi dei loro vicini.

E l’orario di lavoro durante tutto l’anno? su questo punto I dipendenti francesi sono molto più bassi dei paesi OCSE (1.662 ore nel 2020 ma 1.718 ore nel 2019 prima del Covid). Nel 2020, la Francia è già al 37° posto su 38 paesi con 1.320 ore lavorative annue per i dipendenti. Solo la Germania è indietro di 1284 ore, il che si spiega con l’elevato ricorso al lavoro part-time femminile.

Nel 2019, la Francia ha fatto un po’ meglio, ma si è comunque classificata 33 con 1.421 ore lavorate nel corso dell’anno. Per quanto riguarda paesi come Belgio (1442 ore), Italia (1583 ore) o Spagna (1613 ore).

Se i francesi lavorano meno durante l’anno, non è per via delle ferie pagate, abbastanza consistenti in Europa (da 20 a 25 giorni), ma per il RTT dovuto alla legge delle 35 ore. Pertanto, i francesi godono di una media di 32 giorni nel corso dell’anno (incluso RTT) contro i 25 giorni della media europea.

Inoltre, ci sono altri due problemi: la durata più breve delle occupazioni in Francia e il basso tasso di attività. En France, les hommes sortent du marché du travail en moyenne deux ans plus tôt qu’ailleurs en Europe (61,9 ans contre 63,9 ans) et les femmes un an et quatre mois plus tôt (61,8 ans contre 63, 1 anno). E se i francesi hanno terminato gli studi un po’ prima di alcuni dei loro vicini (20,7 anni in media contro i 22,4 anni in Germania), questo non compensa la partenza anticipata.

READ  Le emissioni di anidride carbonica del trasporto aereo sono state seguite da un crollo del traffico nel 2020

Infine, il problema più acuto in Francia riguarda il tasso di inattività, cioè il numero di persone senza lavoro (siano esse inattive, pensionate o disoccupate). È qui che il paese si distingue particolarmente dai suoi vicini. L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico ha pubblicato uno studio nel 2019 che misura il numero totale di ore lavorate non per lavoratore ma pro capite. E qui, finalmente, la Francia sta facendo bene nell’area OCSE con 630,9 ore di lavoro in un anno.

Per fare un confronto, Spagna 696 ore, Italia 705 ore, Germania 722 ore, Regno Unito 747. La zona euro ha una media di oltre 709 ore, l’Unione europea 744 ore e l’OCSE 804 ore. Quindi, un francese lavora in media 173 ore nel corso di un anno, meno delle ore lavorate in media da un residente di uno dei paesi più ricchi della terra.

Frederic Bianchi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *