Scopri l’imponente “sistema nervoso” del telescopio spaziale rumeno

Scopri l’imponente “sistema nervoso” del telescopio spaziale rumeno

La NASA ci regala un’affascinante immersione nelle viscere del telescopio spaziale romano Nancy Grace, attualmente in fase di assemblaggio presso il Goddard Space Flight Center. Gli ingegneri hanno iniziato a integrare il cablaggio elettrico della macchina, un processo tecnicamente molto complesso.

L’Agenzia spaziale americana lo ha descritto come: Il cugino dagli occhi grandi di Hubble », Il telescopio romano ha tre scopi principali. Innanzitutto studierai l’energia oscura che, insieme alla materia oscura, è una componente importante dell’universo e per noi è ancora in gran parte un mistero. La seconda missione di Roman sarà quella di condurre un censimento statistico degli esopianeti conosciuti e identificarne di nuovi. Infine, il telescopio mapperà l’intero cielo nell’infrarosso. A questo scopo contiene due strumenti: un imager/spettroradiometro e un coronografo. Funzionerà nella luce visibile e nel vicino infrarosso.

32.000 cavi e 900 connettori

Ci sono voluti quasi due anni per predisporre la rete elettrica della città romana, e la sua lunghezza totale raggiunge i 72 chilometri! Almeno 32.000 cavi e 900 connettori alimenteranno tutti i sistemi del telescopio. Questo va dagli strumenti ai loro giroscopi, ma anche al computer che gestisce il processo e la trasmissione dei dati. Questa rete sarà realizzata su un telaio metallico chiamato “cintura”.

Proprio come il sistema nervoso trasmette segnali attraverso il corpo umano, la cintura romana collega i suoi componenti, fornendo energia e comandi ad ogni scatola e strumento elettronico “, Lui spiega Deneen Ferro, responsabile dello sviluppo del progetto Roman Belts presso il Goddard Space Flight Center della NASA.

Abbiamo prima assemblato lo scafo sul modello di scafo prima di farlo passare attraverso una camera a vuoto termico. Questo processo consiste nel rilascio di vapori che possono essere liberati da alcuni dei materiali utilizzati una volta che il telescopio è nello spazio. Questi vapori possono condensarsi nei componenti elettronici o depositarsi sulle ottiche e compromettere le prestazioni.

READ  Il James Webb Telescope festeggia il suo primo anno in modo speciale

Gli ingegneri trascorreranno il resto dell’anno e il 2024 a integrare la rete elettrica, le scatole elettroniche che faranno funzionare gli strumenti scientifici della sonda, nonché altri componenti essenziali nella struttura del telescopio. Puoi scoprire in dettaglio il telescopio romano e seguire lo stato di avanzamento del suo montaggio su questo argomento Sito web interattivo.

La cintura del telescopio spaziale romano Nancy Grace viene trasferita dal telaio modello al telaio di volo del veicolo spaziale. © NASA/Chris Gunn

Romain si unirà a James Webb al punto Lagrande L2

Se tutte le scadenze saranno rispettate, il telescopio rumeno dovrebbe decollare nel maggio 2027 a bordo di un razzo Falcon Heavy di SpaceX. Si unirà a un’orbita stabile nel punto di Lagrange L2, situato a 1,5 milioni di chilometri dalla Terra. Lì troveranno il telescopico romano James Webb ed Euclide.

L’ampio campo visivo di Roman consentirà la creazione di immagini a infrarossi circa 200 volte più grandi di quelle del telescopio Hubble, rivelando allo stesso tempo lo stesso livello di dettaglio. ” Il romanzo sarà uno degli strumenti più importanti mai progettati per studiare l’universo La NASA conferma.

Se il telescopio romano avesse obiettivi propri, sarebbe collegato al telescopio Euclide dell’ESA. Quest’ultimo è stato lanciato all’inizio dello scorso luglio con la missione di studiare la materia oscura e l’energia oscura.

Roman ed Euclid collaboreranno per studiare l’energia oscura

Combinando le capacità dei due telescopi, gli scienziati sperano di capire perché l’espansione dell’universo sta accelerando, un fenomeno che attribuiscono all’energia oscura. Sia Euclide che Roman furono progettati per studiare l’accelerazione cosmica, ma utilizzando strategie diverse e complementari.

Rappresentazioni artistiche di telescopi euclidei (a sinistra) e romani (a destra). © NASA Goddard Space Flight Center, medialab ESA/ATG

Quindi, Euclid osserverà circa un terzo del cielo nelle lunghezze d’onda infrarosse e ottiche. Tornerà indietro di 10 miliardi di anni, quando l’universo aveva circa 3 miliardi di anni. Un romano coprirà un’area più piccola ma con maggiore profondità e precisione. Vedrà l’universo com’era due miliardi di anni fa.

READ  Troverai la soluzione a questa sfida logica in meno di 30 secondi?

Insieme, Euclide e Romano sarebbero più della somma delle loro parti ha detto Yun Wang, ricercatore principale del Caltech/IPAC in California, che ha guidato i gruppi scientifici responsabili dell’assemblaggio delle galassie per i due telescopi. Combinando le loro osservazioni, gli astronomi avranno un’idea migliore di cosa sta realmente accadendo nell’universo. »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *