Scienziati preoccupati per il virus “buono” che potrebbe essere diffuso attraverso esperimenti in Europa e in America |

Gli esperimenti sui virus giocano con il fuoco. Ora gli scienziati in Europa e negli Stati Uniti stanno modificando con entusiasmo i virus di laboratorio per farli diffondere facilmente tra gli host. Sperano che questi virus agiscano come insetticidi per proteggere le colture e persino diffondere l’immunità da un ospite all’altro come un vaccino. Ma un team accademico internazionale guidato da scienziati del King’s College di Londra ha scritto un documento avvertendo che questa ricerca potrebbe avere “conseguenze irreversibili” per il pianeta.

I virus che si autopropagano sono virus che sono stati modificati artificialmente per svolgere funzioni pur mantenendo la capacità di diffondersi tra gli host. Immagina uno scenario futuro in cui un nuovo pericoloso virus viene scoperto negli scimpanzé. Per impedire che questo virus si diffonda all’uomo, i biologi hanno deliberatamente deciso di infettare un gran numero di scimpanzé selvatici con un altro vaccino infettivo. Lo scopo è rendere la specie immune • Non danneggiare l’ospite.

I vaccini come la trasmissione di malattie sono senza dubbio concetti potenti che possono proteggere gli animali dalle malattie o prevenire virus dannosi per l’uomo.Questa soluzione sembra troppo bella per essere vera, negli ultimi anni, negli Stati Uniti eScienziati europeiIl virus viene attivamente prodotto, ma gli scienziati lo chiamano un esempio di virologia rischiosa, simile all’andare nelle caverne dei pipistrelli per cercare virus o rendere deliberatamente pericolosi agenti patogeni più pericolosi in laboratorio.

Il concetto di virus che si auto-diffondono esiste da molti anni,decenni faAustralia eSpagnaHanno cercato di utilizzare insetti e animali selvatici per condurre esperimenti di trasmissione di virus. Ad esempio, alla fine degli anni ’80, i ricercatori australiani hanno utilizzato questo virus auto-modificato per la diffusione in laboratorio come vaccino o per sradicare le specie invasive. Gli scienziati ritengono che questa strategia potrebbe essere utilizzata anche nei vaccini umani, ma alla fine si è scoperto che le potenziali conseguenze erano molto gravi prima di fermarsi.

Gli scienziati del King’s College di Londra hanno affermato che la comunità scientifica sa da tempo che questo vaccino autotrasmesso è geneticamente instabile e non può essere utilizzato in modo sicuro e prevedibile al di fuori delle strutture chiuse. Sebbene sia nominalmente destinato a prevenire un’epidemia virale, comporta comunque rischi significativi. .

Tuttavia, questo standard basato sull’evidenza sembra ora essere stato messo in discussione. Dal 2016, c’è stato un rinnovato interesse per l’umanità, tra cui l’Unione Europea, il National Institutes of Health e l’Agenzia per i progetti di ricerca avanzata della difesa degli Stati Uniti, che stanno finanziando l’uso di virus che si auto-diffondono per attuare proposte per immunizzare gli animali selvatici, il hanno detto gli scienziati. I sostenitori affermano che questi virus possono essere modificati per avere vite più brevi o versioni che non possono essere modificate.

Per procedere con cautela, alcuni scienziati suggeriscono di adottare metodi conservativi, come realizzare vaccini con virus benigni nel gruppo target piuttosto che modificare altri virus dannosi, o studiare la modificazione genetica in modo che gli organismi geneticamente modificati possano modificare intere specie per ridurre il rischio.

Gli scienziati del King’s College di Londra ritengono che non sia ancora chiaro se il virus che si diffonde automaticamente possa essere controllato o rimosso dall’ambiente dopo che è stato rilasciato. Se il virus sfugge al controllo o attraversa i confini nazionali, chi è responsabile? Allo stato attuale, nel mondo mancano anche programmi normativi esaurienti, che francamente dicano che “è ora di frenare”.

(Fonte della prima immagine:Flickr / NIAID CC BY 2.0)



READ  Gli accademici spiegano perché le meteore sono così difficili da individuare e incapaci di rispondere subito alle domande

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *