Scienza: gli anelli di Saturno stanno scomparendo

Scienza: gli anelli di Saturno stanno scomparendo

Un nuovo studio ha rivelato che gli iconici anelli ghiacciati di Saturno non esistono più per i futuri osservatori del cielo.

La sonda spaziale Cassini della NASA, che è stata lanciata nel 1997 e ha orbitato attorno al pianeta gigante gassoso dal 2004 al 2017, ha catturato molti nuovi dati, rendendo possibile stimare l’età degli anelli, nonché quanto tempo possono durare. Scompare.

Circoli giovanili…

Mentre il nostro sistema solare e i pianeti che lo compongono avevano circa 4,6 miliardi di anni, i dati di Cassini hanno portato a una nuova scoperta. Secondo i risultati degli studi pubblicati il ​​12 e 15 maggio sulle riviste Icarus e Science Advances, la teoria degli anelli che compaiono molto tempo dopo la formazione iniziale di Saturno è avanzata.

“La nostra inevitabile conclusione è che gli anelli di Saturno devono essere relativamente giovani per gli standard astronomici, solo poche centinaia di milioni di anni”, ha detto Richard Doresen, professore di astronomia all’Università dell’Indiana (USA) e autore principale dei due studi pubblicati su Icarus.

Secondo i ricercatori, è probabile che i sette anelli si stessero ancora formando quando i dinosauri vagavano per la Terra.

Composto per il 95% da particelle di ghiaccio, riflette la luce solare e appare bianco. Ma il bianco è disordinato. La polvere, costituita da granelli costituiti da rocce, minerali o materiali ricchi di carbonio, scurisce gradualmente gli anelli depositandosi su di essi.

Conoscendo il flusso di polvere attorno a Saturno e stimando la quantità depositata sugli anelli, i ricercatori sono stati in grado di fornire una gamma di età degli anelli.

In 13 anni, l’analizzatore di polvere cosmica ha catturato 163 granelli di polvere dall’esterno del sistema saturniano. Gli anelli erano sorprendentemente “puliti”, suggerendo che non erano stati lì abbastanza a lungo da consentire l’accumulo di polvere cosmica in eccesso.

READ  I ricercatori rivelano che i pianeti canaglia possono ospitare la vita negli oceani nascosti!

Chi non vivrà per essere vecchio

Gli anelli, infatti, sono inquinati da minuscoli meteoriti che si scontrano con particelle di ghiaccio, facendole precipitare verso il pianeta. Cassini ha notato che gli anelli perderebbero così diverse tonnellate di materia ogni secondo. I ricercatori stimano che gli anelli dureranno al massimo solo poche centinaia di milioni di anni.

Paul Estrada, ricercatore presso l’Ames Research Center della NASA e coautore dei tre studi, ha concluso: “Abbiamo dimostrato che gli anelli massicci come quello di Saturno non durano a lungo. Si può presumere che gli anelli relativamente insignificanti attorno ad altri giganti di ghiaccio e gas in il nostro sistema solare (Urano e Nettuno) sono resti.Gli anelli erano enormi quanto gli anelli di Saturno.Forse nel prossimo futuro, in termini astronomici, gli anelli di Saturno assomiglieranno di più agli anelli sparsi di Urano.

Le future missioni per studiare alcune delle lune di Saturno potrebbero rivelare maggiori informazioni sugli eventi che hanno creato gli anelli e portare ad altre scoperte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *