Più della metà dei laghi, dei bacini artificiali e dei mari interni del mondo sta perdendo acqua

Più della metà dei laghi, dei bacini artificiali e dei mari interni del mondo sta perdendo acqua

Uno studio ha mostrato che più della metà dei corpi idrici naturali e artificiali nel mondo ha visto diminuire le proprie dimensioni negli ultimi tre decenni, sotto l’influenza dei cambiamenti climatici e delle attività umane, in particolare l’irrigazione agricola e la capacità produttiva. apparso in scienza 19 maggio.

Le perdite sono significative: integrando nella loro ricerca i volumi immagazzinati in grandi bacini artificiali, gli autori concludono che le riduzioni nette cumulative ammontano a 21,51 gigatonnellate all’anno (con un’incertezza di più o meno 2,54 gigatonnellate), o l’equivalente di tutto ciò gli Stati Uniti hanno consumato in un anno 2015. Sono 602,28 miliardi di metri cubi (m3).3) letteralmente evaporato o è stato preso o deviato o perso perché non è stato portato dai fiumi estenuanti.

Le riduzioni delle risorse nella regione dei Grandi Laghi tra il 1992 e il 2020 hanno persino superato queste cifre astronomiche, ma alcuni guadagni significativi hanno compensato in parte le perdite nella valutazione complessiva. In tutto, il 53% di questi corpi idrici è in declino “significativo”Mentre, al contrario, il 24% è più pieno rispetto a trent’anni fa, scrivono i ricercatori. Questi ultimi si trovano in aree remote o scarsamente popolate come l’altopiano tibetano e le Grandi Pianure nel nord del Nord America. L’Africa orientale sta vivendo un’inversione di tendenza a causa delle forti piogge.

accumulo di sedimenti

Alcuni enormi specchi d’acqua pesano sul declino generale. Questo è il caso del Mar Caspio in particolare, ma anche il caso dell’Aral, dei laghi Gud Zareh in Afghanistan, Urmia in Iran, Mar Chiquita in Argentina…. Tuttavia, la siccità si verifica in tutto il mondo: dall’Artico all’Australia, attraverso l’Asia centrale, il Vicino Oriente, l’India occidentale e la Cina orientale. Europa settentrionale e orientale, Oceania, Stati Uniti, Canada settentrionale, America meridionale meridionale, Africa… Peggio ancora, le regioni già aride sono le più colpite. Circa il 60% delle loro scorte è diminuito molto drasticamente, in particolare i laghi perdono 25,9 gigatonnellate all’anno, così come i bacini idrici (-5,3 gigatonnellate all’anno).

READ  La maestria e la competenza dei metalli vichinghe si sono sviluppate dall'VIII al IX secolo
Leggi anche: Il materiale è riservato ai nostri abbonati Le Nazioni Unite affermano che il mondo deve prepararsi alla “crisi dell’acqua dolce”

In tutto il mondo, due terzi di questi grandi bacini registrano anche volumi in diminuzione, sebbene il 20% di essi veda aumenti significativi associati alla costruzione di nuove dighe. È l’accumulo di sedimenti che spiega in gran parte queste perdite di volume. Studio canadese pubblicato nel dicembre 2022 Per la prima volta fa luce sulla portata del problema, analizzandolo sulla base di 47.000 grandi dighe situate in 150 Paesi. Gli autori concludono che le principali regioni del mondo hanno già perso dal 13% al 16% della loro capacità di stoccaggio per questo motivo e che questo fenomeno potrebbe raggiungere il 26% entro il 2050.

Hai ancora il 47,8% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *