Ritiro dello studio su un materiale superconduttore che resiste al freddo – rts.ch

Ritiro dello studio su un materiale superconduttore che resiste al freddo – rts.ch

Uno studio sulla scoperta di un materiale superconduttore che dovrebbe funzionare a temperatura ambiente, pubblicato a marzo, è stato ritirato questa settimana dalla rivista Nature su richiesta di alcuni dei suoi autori, che ne mettono in dubbio la validità.

L’evento è più notevole perché è il secondo ritiro prima natura Da uno studio sui superconduttori prodotto dallo stesso team dell’Università di Rochester, guidato dal fisico Ranga P. Dias.

Da decenni i gruppi di ricerca cercano un materiale che sia superconduttivo, cioè in cui la corrente non incontri resistenza, ma che sia economico da utilizzare.

Le industrie sanno come realizzare cavi o magneti superconduttori sfruttando questa proprietà – come nella risonanza magnetica, ad esempio – ma con soluzioni che richiedono un raffreddamento costoso e complesso del materiale, fino a temperature inferiori a -200 gradi Celsius.

Per superare questa limitazione, nel 2015 gli scienziati hanno scoperto materiali che diventano superconduttori a temperature più elevate, intorno a -75 gradi Celsius.

Diversi aspetti “sabotano l’integrità dell’articolo pubblicato”

Il gruppo di ricerca di Ranga P. Dias sta utilizzando incudini di diamante (nella foto) per frantumare materiali ad alta pressione nella speranza di creare nuovi superconduttori. [J. Adam Fenster – University of Rochester]Il team del professor Dias ha ottenuto un importante passo avanti nel marzo 2023, con la scoperta di un materiale superconduttore a temperatura ambiente, cioè 21 gradi Celsius, e una pressione di 10.000 bar.

La pubblicazione dello studio su Nature l’8 marzo è stata accompagnata da un commento che elogiava la scoperta, ma con un avvertimento Restavano i dubbi sui dati forniti.

E per una buona ragione: La natura si era ritirata nel settembre 2022 Uno studio precedente condotto da Ranga P. Dias perché c’erano seri dubbi sul suo metodo e sui suoi dati. Il ritiro fu a suo tempo impugnato dall’art squadra del Rochester.

READ  Estinzioni di massa: i dispersi

Questa volta, otto degli undici autori dello studio del marzo 2023 – ma non Ranga P. Dias – provengono da Ho firmato la domanda Per la sua ritrattazione, affermando che il fisico “non ha agito in buona fede per quanto riguarda la preparazione e la presentazione del manoscritto”; Questi studiosi concludono che diversi aspetti “sovvertono l’integrità dell’articolo pubblicato”.

La natura, che viene spiegata per fornire questo studio Per una rilettura più seria, è stata costretta a condurre le proprie indagini, dopo che gli scienziati dubitavano della verità della scoperta di Ranga B. Dias. “La revisione ha concluso che questi problemi erano credibili e materiali e rimangono irrisolti”, giustificando la sua decisione Annullare la pubblicazione dello studio.

Sajak e AFP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *