Rifiutato di uccidere il giornale dei manifestanti

Spyros Richard Hagabimana è arrivato per la prima volta in Grecia negli anni ’90 e ha studiato alla Naval Trials School e alla Law School di Atene.

“Sono stato assolto il 15 gennaio 2016 e il caso era dove sarebbe andato Spyros. “Non potevano tenermi dentro, e una decisione è uscita chiedendo il mio rilascio. “Sapevano che non avrebbe dovuto uscire, ma era un testimone: “L’unico modo è andarsene”.

Spyros Richard Hagabimana, Vice Comandante del Dipartimento di Accoglienza e Identificazione presso il Ministero dell’Immigrazione e Asilo e cittadino greco dal 2005, racconta per la prima volta in pubblico a “K” come è fuggito dal Burundi, dove è stato imprigionato come Vice Operazioni di Polizia perché si è rifiutato di reprimere violentemente o addirittura uccidere i manifestanti secondo l’ordine del giugno 2015.

Il 15 gennaio ha cambiato tre auto per confondere le autorità. Avevano i cellulari in prigione. Il signor Hajabimana è stato in grado di parlare con amici e conoscenti e, prima del suo rilascio, è stato in grado di organizzare il modo in cui è stato nascosto. Il giorno dopo è andato all’ambasciata belga: lo aiuteranno con la Grecia a lasciare il Burundi. L’ambasciata greca a Nairobi gli ha emesso un biglietto per Atene via Etiopia e Italia, e il 26 gennaio il sig. Hagabimana si è recato all’aeroporto accompagnato dal console belga. Non volevano lasciarlo andare però. Il suo aereo è decollato e ha iniziato a temere che avrebbero emesso un nuovo mandato di arresto. “Dico al console, ‘Per favore, andiamo'”, descrive a ‘K.’ È andato alla macchina, gli uomini della sicurezza gli hanno chiesto di scendere, cosa che ha rifiutato. Alla fine ha lasciato l’aeroporto e dopo diverse manovre si nascose in una casa sicura. Il governo del Burundi informò il ministero degli Esteri greco che il signor Hajabimana poteva ottenere un permesso e lasciare il paese senza problemi. Sapeva che era una bugia. Disse a K. “Una possibilità di uccidere me in strada o rimandarmi in prigione.” Pierre Nurunziza, ex presidente del Burundi, ha detto: “Lo stesso uomo mi ha ordinato di torturare più di sette anni fa. mesi.” Presto una persona che lavorava nell’intelligence del Burundi lo chiamò, dicendo che era stato localizzato. Ha dovuto lasciare il suo nascondiglio. Gli ho chiesto quanti lo avevano aiutato mettendo in pericolo la sua vita, in particolare l’ufficiale dei servizi segreti. Risponde: “La tirannia ha sempre molti nemici”.

READ  Italia - L'Italia svela il budget di stimolo

I servizi segreti arrivarono quindici minuti dopo, ma Spyros non c’era. Sapeva che doveva lasciare il paese e che non sarebbe stato in grado di farlo legalmente. Ha interrotto tutte le comunicazioni telefoniche e, con l’aiuto di poche persone che sapevano dove trovarlo, ha organizzato la sua fuga dal Burundi. Ci sono voluti due giorni, 250 chilometri dal confine adiacente, almeno 7 persone, molti travestimenti, auto, bici e tanto a piedi.

negare

“Ho cercato di fare tutto il possibile per attraversare il confine senza essere scoperto. Nel momento in cui ho attraversato, ero un prete”, dice.

Altre volte indossava un abito o la barba: era un ufficiale che perseguitava il regime, ma era anche noto per essere tutto ciò che faceva per proteggere i manifestanti. E così, nel tentativo di andarsene, ha avuto aiuto. L’autista di ogni macchina in cui entrava si consultava con un’altra persona sulla fase successiva, dove sarebbero fuggiti entrambi. Quando era costretto a camminare verso la vicina frontiera, qualcuno gli indicava la strada attraverso i passaggi sconosciuti che conducevano alla libertà. È arrivato alla frontiera a mezzogiorno del 14 febbraio (mi ha confessato in quale Paese era stato), ma non si sente ancora pronto a dirlo pubblicamente. Sorprendentemente, non si sentiva libero quando ha attraversato il confine. “Molta paura è sparita, ma mi sentivo molto male per la situazione nel Paese”. Era anche il modo in cui se ne andò come criminale. “Non c’era motivo per questo, perché?” chiede retoricamente. “Perché non volevo uccidere.”

È arrivato alla porta accanto con poche cose (l’intelligence gli aveva persino strappato la fede), i vestiti che aveva in prigione, alcune foto e un po’ di soldi. Il 25 febbraio sbarcò a Eleftherios Venizelos, poi si calmò. “Mi sono sentito a mio agio”. Questa sensazione non lo lasciò, anche quando tornò ad Atene da un viaggio. “Ogni volta che atterro a Eleftherios Venizelos, mi sento libero. Mi sento al sicuro”, dice Hagambimana. Dice: “Mi dà fastidio dire che i casi che ha attraversato sono indicibili. Fino al 2018 aveva paura che il presidente commettesse un genocidio: “Ha aperto le tombe in modo che quando ha iniziato a uccidere gli avversari non avrebbe dovuto scavare altri. Immagina.”

READ  Finanziamento italiano di quasi 700 milioni di dinari alla Tunisia per “rilanciare” l'economia

Il sig. Hagapimana è arrivato in Grecia negli anni ’90, ha studiato alla Maritime Trials School e alla Law School di Atene, e ha stretto forti relazioni che hanno contribuito a creare pressioni da parte dello stato greco e dell’Unione europea per il suo rilascio. Per nome ha assunto quando un cristiano ortodosso, Spyros è stato battezzato.

Ama la Grecia ei greci, e afferma di aver scelto Nuova Democrazia come sua famiglia politica perché crede di offrire soluzioni senza essere popolare. Ha detto di aver accettato la sua posizione commerciale nel ministero per presentarla allo stato e aiutare le persone di cui comprende le competenze.

Ha scelto la Grecia come sua patria grazie alle sue tradizioni politiche. Ha detto a K.: “Amo questa società che crede profondamente nella democrazia e nella libertà. Amo questo Paese che rispetta le persone ei cittadini e offre loro pari opportunità”. Cosa significa la libertà per qualcuno che ha sofferto così tante privazioni? Ha detto a K. “Libertà significa vita, proprio come un uomo nasce libero, così deve vivere.” “Il contrario è contro la vita.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *