Rapporto Xinhua: 74 milioni di persone necessitano di assistenza umanitaria nella regione del Grande Corno d'Africa

Rapporto Xinhua: 74 milioni di persone necessitano di assistenza umanitaria nella regione del Grande Corno d'Africa

Un pastore si muove con il bestiame nella regione somala dell’Etiopia colpita dalla siccità, 11 giugno 2023. (Xinhua/Michael Twelde)

Secondo un nuovo rapporto pubblicato dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO), il numero di persone colpite da insicurezza alimentare e che necessitano urgentemente di assistenza umanitaria nella regione del Grande Corno d’Africa è salito a 74 milioni alla fine di febbraio. Venerdì. ) e varie altre agenzie internazionali.

NAIROBI, 30 marzo 2020 (Xinhua) – Il numero di persone che soffrono di insicurezza alimentare e che necessitano urgentemente di assistenza umanitaria nella regione del Grande Corno d'Africa è salito a 74 milioni entro la fine di febbraio, secondo un nuovo rapporto pubblicato venerdì dall'Agenzia per l'alimentazione e il cibo. e Organizzazione per l'agricoltura. L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Agricoltura (FAO) e varie altre agenzie internazionali.

A gennaio, il numero di persone che soffrivano di insicurezza alimentare ha raggiunto i 58,1 milioni e l’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura e le agenzie umanitarie, tra cui il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia e l’Organizzazione internazionale per le migrazioni, hanno attribuito questo aumento ai conflitti in vari paesi della regione e alle condizioni meteorologiche avverse. eventi.

I paesi colpiti sono il Sudan, l’Etiopia, il Kenya, Gibuti e il Sud Sudan nell’Africa orientale, oltre alla Repubblica Democratica del Congo e alla Repubblica Centrafricana.

Persone attraversano il tratto danneggiato dalle alluvioni della strada bengalese-Garissa nella contea del fiume Tana, in Kenya, il 1° dicembre 2023. (Xinhua/Li Yahui)

La FAO afferma che più di 1,5 milioni di persone in Kenya soffrono di insicurezza alimentare, mentre in Sudan 17,7 milioni e in Sud Sudan 5,7 milioni. Le agenzie hanno affermato: “Si prevede che la crisi alimentare in Sudan continuerà a peggiorare, a causa della limitata disponibilità di cibo, dell’interruzione delle rotte commerciali e dei mercati, degli alti prezzi delle materie prime, dell’interruzione dei mezzi di sussistenza, del limitato accesso umanitario e degli sfollamenti su larga scala”.

READ  Bali introduce la tassa di soggiorno dal 14 febbraio 2024

Hanno aggiunto che nei paesi vicini come la Repubblica Centrafricana, il Ciad, l’Egitto, l’Etiopia e il Sud Sudan, il conflitto in Sudan sta avendo gravi impatti umanitari, poiché è stato caratterizzato da un aumento del numero di arrivi di rifugiati a fronte di finanziamenti umanitari limitati. .

“Anche prima del conflitto, questi paesi soffrivano già di altre crisi, tra cui un gran numero di sfollati, conflitti, disordini politici, fame e sfide economiche”, afferma il rapporto.

Le agenzie internazionali hanno affermato che le piogge di El Nino nel 2023 hanno contribuito ad aumentare il numero di persone bisognose di aiuti umanitari nella regione. Con condizioni più umide del normale previste nella maggior parte della regione, in particolare in Etiopia, Kenya, Somalia, Sud Sudan, Uganda, Burundi, Ruanda e Tanzania, durante la stagione delle piogge da marzo a maggio 2024, la situazione potrebbe non migliorare.

Il rapporto chiede un attento monitoraggio delle cause dell’insicurezza alimentare, compresi i rischi climatici, e il rafforzamento delle misure proattive per ridurre i rischi di catastrofi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *