Questo livello delle acque sotterranee è ancora molto basso nell’ex Linguadoca-Rossiglione

Questo livello delle acque sotterranee è ancora molto basso nell’ex Linguadoca-Rossiglione

Nel suo bollettino finale dell’anno, l’Ufficio per la ricerca geologica e mineraria (BRGM) ha segnalato un netto miglioramento della situazione. Fatta eccezione per “Tovaglie in Linguadoca e Rossiglione”.

“La situazione sta migliorando notevolmente.” Inizialmente questo non era previsto, ma di fronte a dati finalmente soddisfacenti, il Ministero della Transizione Ecologica ha chiesto all’Ufficio di Ricerca Geologica e Mineraria (BRGM), ente pubblico responsabile del monitoraggio delle falde acquifere urbane, di pubblicare il bollettino finale delle falde acquifere per il 2023. Grazie Forti piogge in ottobre e novembre “Il 78% dei punti di monitoraggio ha mostrato una tendenza al rialzo il 1° dicembre, rispetto al 41% di ottobre”, riassume il rapporto BRGM. E con questi altri dati: quasi la metà (48%) dei livelli dell’acqua sono tornati al di sopra della norma, compreso il 20% a livelli “molto alti”. Un anno fa era inferiore del 70% alla norma.

Ma sulla sponda del Mediterraneo è difficile rallegrarsi di questa situazione. Sulla grande mappa delle acque sotterranee della Francia, l’ex lago Linguadoca-Rossiglione resta colorato di rosso e arancione, i colori della crisi. “Ad eccezione della Lozère, dove il livello è già salito ben al di sopra della media, l’intera regione presenta ancora un deficit significativo”, interviene Peréne Fleury, idrogeologo del BRGM Occitanie, a Montpellier.

La situazione è paradossale in Francia, con i livelli dell’acqua che si stanno ricaricando in molte aree… tranne che nel centro e intorno al Mediterraneo.
Sud-ovest

Grande deficit di precipitazioni

La spiegazione è semplice: “Nei Pirenei orientali, nell’Aude, nell’Hierro e, in misura minore, nel Gard, non si sono verificate precipitazioni autunnali. Tuttavia, il ciclo dell’acqua inizia a settembre con queste piogge. I dati di Météo France sono abbastanza chiari: alla stazione di Perpignan sono stati registrati 40,8 mm di precipitazioni nel mese di settembre, 15,4 mm in ottobre, 6,6 mm in novembre e 7 mm finora in dicembre: questi valori sono 19 mm, 35,3 mm, 10,4 mm e 16,7 mm Montpellier, ovvero da quattro a cinque volte la media stagionale. In confronto, a Tarbes o Montauban sono caduti circa 150 mm di pioggia a novembre. In Francia l’accumulo di precipitazioni è stato in media di 237,3 mm tra metà ottobre e metà novembre, un livello record a causa del percorso della bassa marea sopra l’oceano Atlantico…che non ha raggiunto il Mar Mediterraneo.

Inoltre, nella maggior parte dei casi, “si è trattato di piccoli episodi nelle Cevenne, ad esempio a Saint-Martin-de-Londre o a Lodève. Lì l’acqua scorre ma non ha abbastanza tempo per penetrare”, riassume Perrin-Fleury.

Leggi anche:
“Non avevo mai visto una situazione del genere prima”: idrogeologo preoccupato per la siccità nella pianura del Rossiglione

Il risultato sono falde acquifere che non si sono quasi ricaricate… o addirittura che hanno continuato a seccarsi, “soprattutto a Corbières e nella pianura del Rossiglione o nell’Hérault occidentale, dove il livello è salito leggermente alla fine di settembre per poi scendere nuovamente”. .” Infatti, anche se dovremmo vedere una ricarica, la portata continua su valori simili o addirittura inferiori a quelli del giugno scorso”, nota l’idrogeologo.

Tensioni “molto probabilmente”

Ciò classifica l’Hirot occidentale, l’Aude e parte del Gard come “quinquennali secchi”, cioè una condizione che statisticamente si ripresenta ogni cinque anni. La pianura del Rossiglione compare nel “decennio secco”, dati cioè che si possono riscontrare una volta ogni dieci anni negli ultimi decenni. L’unico problema: stiamo attraversando una serie di anni di siccità, “quindi sembra difficile immaginare che le riserve idriche saranno ricostruite entro la primavera del 2024, e probabilmente ci saranno tensioni su quelle che sono già in deficit”, ha avvertito Violine Bolt, un altro idrogeologo che ha confermato la fine del 2020. La settimana scorsa la situazione è stata analizzata davanti al ministro Christophe Bichou. il quale ha anche commentato che “sarebbe irresponsabile se gli attori riducessero i loro sforzi” per ridurre il consumo delle risorse idriche. Sfortunatamente, nel 2024 si parlerà ancora molto di siccità.

READ  20:30 domenica - Il ricercatore del CNRS Antoine Westrich seduce i megafoni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *